IPB

Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )

 
Reply to this topicStart new topic
> La vendetta. Ovvero Arianna ripristina il sinallagma con Teseo.
lou
messagio Sep 25 2007, 08:50 PM
Messaggio #1


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 1,239
Iscritto il: 12-July 07
Utente Nr.: 219



Nella vendetta e nell'amore la donna è più barbarica dell'uomo

Il viandante e la sua ombra
33. Elementi della vendetta


La parola "vendetta"....
Si distingua innanzitutto quel colpo difensivo di risposta, che si vibra quasi involontariamente anche contro oggetti inanimati che ci hanno danneggiato (come contro macchine in movimento): il senso del nostro movimento di reazione è di por fine al danno facendo fermare la macchina. La forza del colpo dato in risposta deve, a volte, per ottenere ciò , essere così grande da fracassare la macchina; ma quando questa è troppo forte per poter essere subito distrutta dal singolo, questi assesterà tuttavia ancora il colpo più violento di cui sia capace,- come per un ultimo tentativo.


--------------------
"Osa tutto...non avere bisogno di niente"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
lou
messagio Sep 25 2007, 08:52 PM
Messaggio #2


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 1,239
Iscritto il: 12-July 07
Utente Nr.: 219



Così ci si comporta contro le persone che arrecano danno, nell'immediata sensazione del danno stesso; se si vuol chiamare quest'atto un atto di vendetta, lo si faccia; soltanto si consideri che solo la conservazione di sé ha messo qui in moto le ruote della sua ragione, e che in tal caso in fondo nn si pensa a colui che arreca il danno, ma solo a sé: noi agiamo così senza voler ricambiare il danno, ma solo per uscirne ancora sani e salvi.


--------------------
"Osa tutto...non avere bisogno di niente"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
lou
messagio Sep 25 2007, 08:53 PM
Messaggio #3


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 1,239
Iscritto il: 12-July 07
Utente Nr.: 219



Si ha bisogno di tempo, quando coi propri pensieri si passa da sé all'avversario e ci si chiede in quale maniera lo si possa colpire nel modo più doloroso.
Ciò avviene nella seconda specie di vendetta: suo presupposto è un riflettere sulla vulnerabilità e sulla capacità di soffrire dell'altro: si vuole far male.....


--------------------
"Osa tutto...non avere bisogno di niente"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
lou
messagio Sep 25 2007, 08:54 PM
Messaggio #4


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 1,239
Iscritto il: 12-July 07
Utente Nr.: 219



Mentre nella prima specie di vendetta era la paura del secondo colpo che faceva sì che il colpo di risposta fosse il più forte possibile: c'è qui una quasi completa indifferenza per ciò che l'avversario farà; la forza del nostro colpo viene determinata solo da ciò che egli ha fatto a noi.Ma che che cosa dunque ha fatto? E a che ci giova che egli soffra, dopo che noi abbiamo sofferto a causa sua? Si tratta di un ristabilimento:mentre l'atto di vendetta della prima specie serve solo alla conservazione di sè....


--------------------
"Osa tutto...non avere bisogno di niente"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
lou
messagio Sep 25 2007, 08:58 PM
Messaggio #5


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 1,239
Iscritto il: 12-July 07
Utente Nr.: 219



La vendetta del ristabilimento nn preserva dall'ulteriore danno, nn rimedia al danno sofferto, - fuorchè in un caso.
Quando a causa dell'avversario è il nostro onore che ha sofferto, la vendetta può ristabilirlo.
Esso ha però in ogni caso sofferto un danno, se ci è stato intenzionalmente arrecato un torto:
giacchè l'avversario ha dimostrato in tal modo di nn temerci.


--------------------
"Osa tutto...non avere bisogno di niente"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
lou
messagio Sep 25 2007, 08:59 PM
Messaggio #6


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 1,239
Iscritto il: 12-July 07
Utente Nr.: 219



Con la vendetta noi dimostriamo che neanche noi temiamo lui: in ciò consiste la compensazione, il ristabilimento.....


--------------------
"Osa tutto...non avere bisogno di niente"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
SaYo
messagio Sep 23 2008, 12:03 AM
Messaggio #7


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 53
Iscritto il: 23-March 07
Da: Da Brescia a Milano
Utente Nr.: 19



CITAZIONE
Con la vendetta noi dimostriamo che neanche noi temiamo lui

C'è di più: con la vendetta si dimostra essenzialmente qualcosa al proprio io.
La vendetta è l'es che ricorda all'io l'entità del suo potere: in questo senso
è un ristabilimento , ma figurato. Virtuale.

In Aurora (parte prima) si parla di 'recupero del senso di potenza' , illustrando
quello che nei frammenti postumi verrà indicato come il 'quantum di potenza',
una sorta di linfa per la pienezza che crea e che comanda. Il colpo subito è
un insulto per l'io, una sberla per la sua fiducia nella potenza dell'es.

Ma la "potenza" dell'es non è altro che la capacità del corpo, che può anche non
venire minimamente scalfita dal fendente o dal trauma e nemmeno dal dolore.
Il corpo è immune a tutto ciò ed in grado di autoripararsi perchè in essa vi è quella
che zarathustra chiama la Grande Saggezza. Una saggezza che deriva da milioni di anni di evoluzione.

Allora perchè l'es ha bisogno dell'io? Questa domanda viene lasciata in sospeso.
Perchè il bisogno di una Piccola Saggezza, spesso così confusa da andare contro
natura e contro il corpo in cui abita?

Senza di Lei non avremmo bisogno del secondo tipo di vendetta, ma solo del primo
citato: la mano sul fuoco verrebbe ritratta da un arco diastalico, un riflesso spinale
finalizzato a preservare il corpo. Solo il corpo. Nient'altro.


--------------------
A proposito di cultura . . . ci sarebbe qualcosa da mangiare?"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Sgubonius
messagio Sep 23 2008, 01:19 PM
Messaggio #8


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 754
Iscritto il: 15-May 08
Utente Nr.: 2,728



Ho sempre pensato che la saggezza fosse in qualche modo una parola chiave nello Zarathustra soprattutto.
In fondo è proprio questa la grande arma del filosofo dell'eterno ritorno no?


--------------------
"Innocenza è il fanciullo e oblio, un nuovo inizio, un giuoco, una ruota ruotante da sola, un primo moto, un sacro dire di sì"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
SaYo
messagio Sep 23 2008, 01:30 PM
Messaggio #9


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 53
Iscritto il: 23-March 07
Da: Da Brescia a Milano
Utente Nr.: 19



Non vedo Zarathustra in un modo così socratico.
Più che la 'sua' saggezza, secondo me nel libro viene celebrata la saggezza del corpo.

Infatti il grande messaggio che porta agli uomini non sembra essere "ascoltate me, perchè
io sono il saggio", ma piuttosto sembra dire "non ascoltate né me né nessun altro: ascoltate
solo il vostro corpo. Dite sì soltanto a lui"


--------------------
A proposito di cultura . . . ci sarebbe qualcosa da mangiare?"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Arsenio
messagio Sep 23 2008, 02:03 PM
Messaggio #10


Member
**

Gruppo: Members
Messaggi: 16
Iscritto il: 21-December 07
Utente Nr.: 807



Sono sostanzialmente d'accordo con SaYo.. la saggezza è arma a doppio talglio.. va presa "alla leggera"... si legga per approfondire l'aforisma 351 della Gaia Scienza...
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Sgubonius
messagio Sep 23 2008, 05:41 PM
Messaggio #11


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 754
Iscritto il: 15-May 08
Utente Nr.: 2,728



Beh anche quello che tu dici riguardo al "cominciare dal corpo e seguire da esso" è una saggezza (spesso dice salvezza selvaggia infatti o leonina proprio per una sorta di richiamo all'animalitas).
Evidentemente non è una saggezza di stampo socratico, inevitabilmente è qualcosa di più complesso e ambivalente, soprattutto per la distanza dalla saggezza tradizionale che la porta quasi ad accostarsi al suo opposto: la follia.
Proprio per questo dicevo che potrebbe essere una parola chiave, che ricorre infatti di continuo.


--------------------
"Innocenza è il fanciullo e oblio, un nuovo inizio, un giuoco, una ruota ruotante da sola, un primo moto, un sacro dire di sì"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
SaYo
messagio Sep 23 2008, 05:54 PM
Messaggio #12


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 53
Iscritto il: 23-March 07
Da: Da Brescia a Milano
Utente Nr.: 19



Studiare i meccanismi del corpo aiuta molto capire quanta saggezza stia dietro meccanismi
apparentemente semplici, come un raffreddore, uno scatto di rabbia, uno sbadiglio.

La nostra Piccola Saggezza (cioè la nostra autopercezione come esseri pensanti, intelletto,
ragione o chicchessia) può solo lontanamente provare a spiegare il come e il perchè di tutto ciò,
ma diversamente dalla concezione cristiana, nella quale "Dio opera attraverso modi a noi oscuri",
qui per la prima volta si indica l'Uomo come punto di partenza per una possibile ri-unione
con il suo corpo, simbolicamente raffigurata nell'uomo dionisiaco del dopodomani. Quello
per cui dovremmo 'preparare la terra'. Un positivista direbbe che Nietzsche distrugge
tutte le barriere del non-conoscibile, indicandoci la via da percorrere per convergere in
una saggezza incommensurabile. Quella del corpo appunto.


--------------------
A proposito di cultura . . . ci sarebbe qualcosa da mangiare?"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Arsenio
messagio Sep 23 2008, 06:18 PM
Messaggio #13


Member
**

Gruppo: Members
Messaggi: 16
Iscritto il: 21-December 07
Utente Nr.: 807



SaYo cosa ne pensi di Francis Bacon? Non pensi che proprio in lui ci sia una sorta di "esuberanza del corpo", della pura carne?
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Sgubonius
messagio Sep 23 2008, 07:36 PM
Messaggio #14


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 754
Iscritto il: 15-May 08
Utente Nr.: 2,728



CITAZIONE(SaYo @ Sep 23 2008, 06:54 PM) *
Studiare i meccanismi del corpo aiuta molto capire quanta saggezza stia dietro meccanismi
apparentemente semplici, come un raffreddore, uno scatto di rabbia, uno sbadiglio.

La nostra Piccola Saggezza (cioè la nostra autopercezione come esseri pensanti, intelletto,
ragione o chicchessia) può solo lontanamente provare a spiegare il come e il perchè di tutto ciò,
ma diversamente dalla concezione cristiana, nella quale "Dio opera attraverso modi a noi oscuri",
qui per la prima volta si indica l'Uomo come punto di partenza per una possibile ri-unione
con il suo corpo, simbolicamente raffigurata nell'uomo dionisiaco del dopodomani. Quello
per cui dovremmo 'preparare la terra'. Un positivista direbbe che Nietzsche distrugge
tutte le barriere del non-conoscibile, indicandoci la via da percorrere per convergere in
una saggezza incommensurabile. Quella del corpo appunto.


Spinoza direbbe che è proprio Dio a dare alla mente e al corpo questa sorta di saggezza del potenziamento come dice ad Adamo di non mangiare il frutto che lo intossicherebbe! Non è quindi la prima volta che si indica questa ri-unione anche se come sempre in Spinoza c'è l'ingombrante nome "Dio", ma non opera affatto all'oscurità, ma anzi nella massima chiarezza che noi stessi potremmo cogliere col terzo grado di conoscenza.


--------------------
"Innocenza è il fanciullo e oblio, un nuovo inizio, un giuoco, una ruota ruotante da sola, un primo moto, un sacro dire di sì"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
SaYo
messagio Sep 23 2008, 08:26 PM
Messaggio #15


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 53
Iscritto il: 23-March 07
Da: Da Brescia a Milano
Utente Nr.: 19



Per fortuna Spinoza quando diceva 'Dio' sapeva bene di cosa parlava.
Questo bisogna riconoscerglielo.


--------------------
A proposito di cultura . . . ci sarebbe qualcosa da mangiare?"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Sgubonius
messagio Sep 23 2008, 08:36 PM
Messaggio #16


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 754
Iscritto il: 15-May 08
Utente Nr.: 2,728



CITAZIONE(SaYo @ Sep 23 2008, 09:26 PM) *
Per fortuna Spinoza quando diceva 'Dio' sapeva bene di cosa parlava.
Questo bisogna riconoscerglielo.


Infatti. Ha lottato tutta la vita con la disapprovazione di ebrei e cristiani, credo che sia stato anche in qualche modo costretto a mantenere questa parola per non risultare illeggibile ai più e non fare la fine di molti dimenticati fra i testi proibiti.


--------------------
"Innocenza è il fanciullo e oblio, un nuovo inizio, un giuoco, una ruota ruotante da sola, un primo moto, un sacro dire di sì"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
SaYo
messagio Sep 23 2008, 09:16 PM
Messaggio #17


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 53
Iscritto il: 23-March 07
Da: Da Brescia a Milano
Utente Nr.: 19



Ok direi che più off-topic di così difficilmente potevamo finire...
Ci preservi dall'ira di Freddie tonante!

Lou ci riporti al topic iniziale? Tu che puoi.


--------------------
A proposito di cultura . . . ci sarebbe qualcosa da mangiare?"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
lou
messagio Sep 23 2008, 10:27 PM
Messaggio #18


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 1,239
Iscritto il: 12-July 07
Utente Nr.: 219



a dirti la verità, sayo, mi avvince quando un fiume fuoriesce dall'alveo consueto
e, se l'esondazione nn distrugge ciò che cresce intorno,
amo contemplare il nuovo orizzonte che si viene a creare

l'intelligenza della cellula
la saggezza del potenziamento
l'es che emerge e ci dirige ...si

però se volete..torniamo all'uomo dionisiaco
quello che venne dopo Teseo

parlami di lui, sayo
tratteggiane il carattere


--------------------
"Osa tutto...non avere bisogno di niente"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
SaYo
messagio Sep 23 2008, 11:05 PM
Messaggio #19


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 53
Iscritto il: 23-March 07
Da: Da Brescia a Milano
Utente Nr.: 19



Domani magari : ) notte


--------------------
A proposito di cultura . . . ci sarebbe qualcosa da mangiare?"
Go to the top of the page
 
+Quote Post

Reply to this topicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

Modalità di visualizzazione: Normale · Passa a: Lineare · Passa a: Outline


Versione Lo-Fi Oggi è il: 21st October 2019 - 03:48 PM