IPB

Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )

 
Reply to this topicStart new topic
> L'AQUILA (dedicata a Diletta)
nemo
messagio Oct 13 2007, 09:31 PM
Messaggio #1





Guests






E' il primo di ottobre, il giorno del mio compleanno, abbiamo, il

mio compagno ed io, passato la notte nel bivacco invernale, i

rifugi sono chiusi dalla metà di
settembre.E' ancora buio, ma il mattino si preannuncia nebbioso,

non fa freddo e l'aria è ferma; non è di buon auspicio per il

tempo della giornata.
Decidiamo comunque di partire alla luce delle lampade frontali, ci

aspettano due ore di salita, per arrivare all'attacco della via.
Il nostro obbiettivo e' il "campanile basso" nelle dolomiti di

Brenta, la via, quella
classica, non difficile ma stupenda.
Il campanile basso, è una torre alta circa duecentottanta metri,

dal profilo elegante e slanciato, poggiato su di una sella,

formata da altre cime più alte.
La via da salire, presenta uno sviluppo maggiore dell'altezza del

campanile, perchè gli gira intorno a chiocciola; questo è uno dei

motivi della bellezza di questo itinerario: permette di cambiare

panorama più volte.
Giunti alla base, nel silenzio più assoluto, dopo aver indossato

l'attrezzatura e
ultimato i preparativi: partiamo...
La roccia è fredda, ma ricca di appigli e in breve siamo a metà

percorso, in quel
momento, sono il primo di cordata e sono in sosta per far salire

il mio compagno, quando da nord; vedo arrivare una grande forma

grigia sotto di noi.
E' un'ucello, enorme: non può che essere un'aquila reale!
Passa sotto di noi e scompare dietro il campanile, il mio compagno

ed io, siamo
emozionatissimi, è durato pochi secondi ma ci ha fatto sobbalzare

i cuore; non capita tutti i giorni di vedere così, un'aquila.
Restiamo un momento attoniti, rapiti dalla visione, ma dobbiamo

riprendere a salire.
Riappare, ancora più vicina, ha aggirato il campanile e ripassa

sotto di noi.
Una fortuna insperata, questa volta l'ho vista molto bene, il

passaggio è stato più lento e vicino; è un individuo giovane, ha

delle macchie bianche nel piumaggio.
Un altro giro e un altro passaggio, più vicina e più lenta ancora,

sembra ci stia
osservando, forse, spinta dalla curiosità. La solitudine è totale,

non un rumore, sono sicuro di aver udito il suono delle ali che

mordono l'aria.
Ma, incredibile! ritorna e questa volta è alla mia altezza; gira

la testa e mi guarda... gli occhi, le ho visto gli occhi!
Passa oltre, e circa cinque metri più avanti, si posa su di uno

spuntone e mi osserva...
Non posso crederci! un'aquila difronte a me! sembra impossibile ma

ci stiamo guardando negli occhi! E' immobile, regale, imponente,

sono affascinato...
Nella mia immaginazione, la sento parlare e dire: << andate

tranquilli, nulla può
accadervi finchè io vi guardo, questo è il mio regno, e gli umani

rispettosi, sono sempre ben'accetti >>.
Ma è un'attimo; apre le ali e riprende l'aria, va verso sud, alla

bocca di Brenta e si perde nella nebbia...
Riprendiamo a salire, ancora scossi, e arriviamo sulla cima

salutati dagli schiocchi festosi dei gracchi, che stanno

arrivando, come sempre, per ricevere qualche briciola.
Recuperiamo le corde e ci sediamo in silenzio, a mangiare i nostri

panini; un boccone per noi, uno ai gracchi.
L'emomozione è stata grande, indimenticabile, negli occhi

rimangono quelle splendide immagini, come fossero una visione.
Restano impresse durante tutta la discesa, a corda doppia, durante

il ritorno sul
sentiero, in auto fino a casa, e poi a letto, nella fatica di

prendere sonno.
Sono passati diversi anni da allora, ma ancora adesso, il ricordo

di quella giornata particolare, in quel silenzio totale, nel più

grande isolamento, in quell'atmosfera resa greve e sognante dalla

nebbia: ancora mi regala una grande emozione.
Ma, soprattutto è il ricordo di quello splendido animale, che per

qualche minuto mi ha fatto sognare e desiderare di partire

assieme, essere il signore dell'aria e delle cime;libero,

infinitamente libero come un'aquila.

Go to the top of the page
 
+Quote Post
Diletta
messagio Oct 14 2007, 10:38 AM
Messaggio #2


Old Member
****

Gruppo: Members
Messaggi: 147
Iscritto il: 17-July 07
Utente Nr.: 233



grazie, nemo, rifletterò su quello che hai scritto
come in uno specchio
e ti dirò i miei pensieri
per ora ti parlo dell'Aquila di Nietzsche
anche se nn è la tua


--------------------
Che cosa amo negli altri: le mie speranze.
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Diletta
messagio Oct 14 2007, 07:25 PM
Messaggio #3


Old Member
****

Gruppo: Members
Messaggi: 147
Iscritto il: 17-July 07
Utente Nr.: 233



che incontro speciale , nemo
la memoria di quello sguardo è una cosa davvero preziosa
..e poi, uno che si inerpica sulle tegole del mondo
tutto avvolto così dal cielo
nn potrà mai provare vertigini e vacillare
per le cose della terra...


--------------------
Che cosa amo negli altri: le mie speranze.
Go to the top of the page
 
+Quote Post
andreademilio
messagio Oct 14 2007, 11:57 PM
Messaggio #4


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 1,113
Iscritto il: 20-March 07
Da: Pescara, dove sono nato
Utente Nr.: 6



Mi viene in mente l'Aquila nera, il locale dove Harry Haller incontra Erminia ( Hermann Hesse, Der Steppenwolf - Il lupo della steppa). Quando incontrerò la mia Erminia? ''Non tutto è lupo quel che morde'', si legge in questo breve romanzo.


--------------------
'' i pensieri sono azioni '' : facciamo insieme! filAsofia meAfisica fisiofilia 3332725782
Go to the top of the page
 
+Quote Post

Reply to this topicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

Modalità di visualizzazione: Normale · Passa a: Lineare · Passa a: Outline


Versione Lo-Fi Oggi è il: 20th October 2019 - 09:02 PM