IPB

Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )


Mickenzio Inviato il: Aug 30 2015, 01:10 PM


Newbie
*

Gruppo: Members
Messaggi: 1
Iscritto il: 30-August 15
Utente Nr.: 422,670


ciao Fulcanelli,
innanzitutto grazie per il lungo e articolato pensiero che hai condiviso
poi un paio di questioni
mi puoi spiegare cos'è l'eudaimonistica?
secondo, sulla tensione distruttrice e l'ingano/autoinganno nietzschiano
io penso che si sbagli quando parlando di distruzione si collega subito n ai nazisti, come hai fatto tu citando himmler e le ss, o meglio che si pecchi di incompletezza
perché la distruzione non è solo quella operata dai nazisti, anzi la loro non era proprio distruzione, loro volevano costruire il nuovo impero e il nazionalsocialismo, quindi anche se eliminavano e massacravano si ponevano in una posizione di costruttori, eliminavano e massacravano per costruire il loro mondo nuovo
come i comunisti, del resto
come le democrazie in giro per il mondo e le loro bombe democratiche che distruggono e massacrano per "ricostruire" società democratiche filo-occidentali
la distruzione vera è un'altra cosa
citando un libercolo di qualche anno fa, "il nemico è l'uomo" del gruppo 415 di torino, ti dirò che per fare arrivare la luce in una foresta basta abbattere qualche albero (l'esempio anti-ecologico è un po' brutto, lo so), e i raggi di sole arriveranno da soli, senza bisogno di costruire una luce artificiale
quindi secondo me nazismo, fascismo, comunismo etc. come esempi di distruzione-annichilimento non vanno bene
la distruzione si compie in se stessa, liberiamoci dall'ossessione dialettica (hegel marx e compagnia cantante) del "dopo", della pars costruens (cartesio), perché è lì che sorgono i problemi e si affermano nuovi tiranni che in nome di una "nazione", un "popolo" o della "libertà" rovinano tutto
a me personalmente poi i filosofi cessano di interessare quando dall'analisi passano alla proposta, vedi marx e la dittatura del proletariato, o tra i contemporanei vedi bauman che dopo aver analizzato la liquidità delle società post-moderne propone come antidoto un ritorno all'"agorà", alla sfera pubblica (come già habermas) di ellenica memoria
e qui scusate ma mi viene da ridere
tutti vittime dell'ansia del "dover anche proporre qualcosa", "non limitarsi a criticare"
bah
per n vale lo stesso discorso
criticare i valori correnti, ok
sostituirli con nuovi valori.... ma perché?
superare il nichilismo.... ma perché?
secondo me arrivare all'oltre-uomo vuol dire raggiungere la piena consapevolezza della propria fragilità, che è la propria forza
vuol dire ridere piangendo e basta, non scegliere tra il riso e il pianto
quando poi citi l'episodio amoro con la salomé... dunque? sarà stata anche quella la causa dell'ultima evoluzione (che per te mi sembra di capire è un'involuzione) del pensiero nietzschiano... e che male c'è? anche io ho cambaito Weltanschauung dopo episodi tragico/amorosi... che male c'è, non me ne vergogno, l'amore è il sentimento più forte e complesso esperibile dall'essere umano, mi sembra del tutto logico che condizioni anche la propria visione del mondo
ciao,
michele
  Forum: Nietzsche Pensiero · Anteprima Messaggio: #8688 · Risposte: 16 · Visite: 53,529


New Posts  Nuove risposte
No New Posts  No Nuove risposte
Hot topic  Calda (Nuove risposte)
No new  Calda (No Nuove risposte)
Poll  Nuovi Voti
No new votes  No Nuovi Voti
Closed  Disc. Chiusa
Moved  Disc. Spostata
 

Versione Lo-Fi Oggi è il: 11th December 2018 - 05:10 AM