IPB

Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )

 
Reply to this topicStart new topic
> Gina Pane, sentimenti della bodyart
WonderWoman
messagio Sep 23 2007, 02:55 PM
Messaggio #1


Old Member
****

Gruppo: Members
Messaggi: 198
Iscritto il: 5-September 07
Utente Nr.: 306





Go to the top of the page
 
+Quote Post
lou
messagio Sep 24 2007, 01:13 PM
Messaggio #2


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 1,239
Iscritto il: 12-July 07
Utente Nr.: 219



belle davvero le immagini...come un sentiero del dolore

perchè nn ce le commenti, wonder? vorrei capire di più. grazie


--------------------
"Osa tutto...non avere bisogno di niente"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
WonderWoman
messagio Sep 24 2007, 03:01 PM
Messaggio #3


Old Member
****

Gruppo: Members
Messaggi: 198
Iscritto il: 5-September 07
Utente Nr.: 306



Gina Pane ha utilizzato il proprio corpo, e ne ha fatto arte. Non ha impresso i suoi sentimenti su una tela, su un muro, su un foglio, o in qualche altro oggetto materiale e non vivente. Ma sul suo corpo. Vivo. E in quanto tale prova sofferenza.
Si è autoferita per raggiungere una espressione dolorosa, drammatica. Io ne colgo la serenità, l'armonia del momento nel quale è riuscita a raggiungere la sua massima espressione. A dichiararsi senza parole. Nel silenzio dell'autocomposizione.
Titolo è "azione sentimentale".

questo è il commento di un sito, che trovo interessante...
www.currenticalamo.com (quando lo apro mi si blocca il computer, quindi se lo aprite fate attenzione)

Ora che siamo liberi possiamo
tornare a sognare le catene.

<<Mostrare fino in fondo le proprie debolezze fisiche e psichiche è l’unica strada che può permettere a molti di intervenire sulla loro vita. Gina Pane, ad esempio, presenta sempre situazioni legate ad antecedenti –i ricordi- che vengono tradotti nella pièce. Attraverso questa, l’autrice si libera da cariche di affetto bloccato in maniera tanto intensa da rasentare il patogeno. Il grado di eccitazione arriva fino al limite del trauma. Si hanno scariche emozionali mediante le quali ci si chiede se l’autrice si libera del peso dell’evento traumatico o lo sistematizza per tesaurizzarle. Il tema è, spesso, quello di riempire un vuoto insostenibile, un vuoto-lutto, la perdita dell’oggetto amato. >>Lea Vergine, Il corpo come linguaggio
Go to the top of the page
 
+Quote Post
reiniku
messagio Sep 26 2007, 04:28 PM
Messaggio #4


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 58
Iscritto il: 24-July 07
Da: il mondo
Utente Nr.: 254



Oddio ragazze, questo a me pare solo una forma infiocchettata di autolesionismo..ma no forse è solo una forma di agopuntura ^^


--------------------
Go to the top of the page
 
+Quote Post
WonderWoman
messagio Sep 27 2007, 01:46 PM
Messaggio #5


Old Member
****

Gruppo: Members
Messaggi: 198
Iscritto il: 5-September 07
Utente Nr.: 306



è arte e basta
Go to the top of the page
 
+Quote Post
lou
messagio Sep 27 2007, 08:46 PM
Messaggio #6


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 1,239
Iscritto il: 12-July 07
Utente Nr.: 219



io nn so se è arte ma sono rimasta colpita: le rose, il sangue, le spine

un giorno il mio amico A. Casca Blavidovic mi regalò queste parole - il cui ricordo le foto hanno fatto riaffiorare:

"La vita è come una rossa rosa, sensuale e profumatissima e l'uomo è come un lento lombrico carico di sangue, di linfa di vita.
L'insetto ha la possibilità di scegliere: rimanere sulla terra e restare un essere del basso mondo oppure...oppure salire su quel verde gambo colmo di spine sapendo che alcune di queste lo trafiggeranno per poi staccarsi da sole, mentre altre gli rimarranno per sempre in corpo.
Qualche lombrico raggiunge i petali rossi e profumati.
Ebbene, noi chiamiamo coloro che intraprendono il viaggio eroi e coloro che lo finiscono filosofi"


--------------------
"Osa tutto...non avere bisogno di niente"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
WonderWoman
messagio Sep 28 2007, 04:20 PM
Messaggio #7


Old Member
****

Gruppo: Members
Messaggi: 198
Iscritto il: 5-September 07
Utente Nr.: 306



i filosofi non li stimo....mi stanno proprio antipatici, non agiscono coltivano solo parole...

la Pane mi ha dato un intensa carica emotiva, nelle immagini ho trovato una parte di me stessa, del mio vissuto
ciò che hai detto Reiniku mi è parso molto banale "forma infiocchettata di autolesionismo" cosa significa?
cosa cambia tra un dolore esternato fisicamente, e un dolore esternato a grandi paroloni
lei con quelle foto rievoca un qualcosa che l' ha tormentata, e sul tormento pone dei fiori, forse simbolo di perdono, o di superamento del dolore stesso o comunque di un ricordo di un' esperienza, che se anche è stata difficile, dura poi ha avuto un qualcosa di positivo
Go to the top of the page
 
+Quote Post
WonderWoman
messagio Sep 28 2007, 04:28 PM
Messaggio #8


Old Member
****

Gruppo: Members
Messaggi: 198
Iscritto il: 5-September 07
Utente Nr.: 306



da http://lnx.whipart.it/html/modules.php?nam...int&sid=846
Arriviamo così all'esperienza di Gina Pane, francese. L'artista decise di rischiare la vita ad ogni sua esibizione. Le sue performance consistevano nel rappresentare il dolore interno, psichico, all'estero: così si conficcava le spine di rosa per esprimere l'angoscia di un amore doloroso, o si tagliava la pelle, le orecchie o la lingua con delle lamette. O all'unione con la natura, con i semi, con la terra e le pietre. Per arrivare, con il dolore, alla elevazione spirituale - stesso concetto medievale. L'esperienza di Gina Pane, se di primo acchito può sembrare rude e dura, è stata un punto di riferimento sia per il lavoro effettuato sul corpo, sia per la straordinaria capacità di controllare le azioni, fin nei minimi particolari, per potersi così donare interamente alla visualizzazione delle azioni.

La Terra come corpo della Natura ferita diventa il punto di partenza per le serie delle "Blessures" che dominano gli anni Settanta e diventano il lavoro più conosciuto e universalmente noto di Gina Pane. Un'opera particolarmente significativa è la sequenza di foto denominata Flessure théorique, realizzata nel 1970. L'artista nella prima foto taglia con la lametta da barba un foglio bianco di carta, sembra quasi che scriva una scrittura invisibile. Nella seconda foto la carta sgualcita viene appoggiata sulla nuda terra e la lametta la incide fino a far apparire il terreno su cui è appoggiata. Nella terra l'artista si incide direttamente un polpastrello. Questa opera non solo è fondamentale in quanto il tema della ferita viene esplicitato e collegato nella sequenza carta-terra-corpoumano, ma è anche la prima occasione in cui l'artista mostra l'intenzione di compiere su se stessa degli atti dolorosi. La lucidità di questo lavoro dimostra anche quanto Gina Pane avesse il controllo e la coscienza del proprio lavoro.

La stessa Gina Pane aveva chiarito questo problema: "Non è facile occuparsi del corpo come linguaggio, almeno per colui che si rende conto che esso possiede una struttura linguistica. Il messaggio corporale possiede una massa e un peso tali che provare a decifrarlo provoca difficoltà e allarmi."
Go to the top of the page
 
+Quote Post
reiniku
messagio Sep 29 2007, 03:39 PM
Messaggio #9


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 58
Iscritto il: 24-July 07
Da: il mondo
Utente Nr.: 254



CITAZIONE(WonderWoman @ Sep 27 2007, 02:46 PM) *
è arte e basta

Ciao WonderWoman, certo, a partire dall'estetica moderna "tutto può essere arte" (interessantissimo a questo proposito un libretto di Tolstoj intitolato Cos'è l'arte?). Hai anche ragione a dire che le mie parole sono "banali", non ho mai avuto problemi con la banalità, nel senso che cerco di esprimere un parere a prescindere dalla sua "ricaduta" in termini di banalità o originalità. Forse le mie parole sono quelle di un occhio "semplice", per cui sono valori la salvaguardia della vita, del corpo e della carne entro cui questa vita può realmente essere.


--------------------
Go to the top of the page
 
+Quote Post
reiniku
messagio Sep 29 2007, 03:56 PM
Messaggio #10


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 58
Iscritto il: 24-July 07
Da: il mondo
Utente Nr.: 254



CITAZIONE(WonderWoman @ Sep 28 2007, 05:20 PM) *
i filosofi non li stimo....mi stanno proprio antipatici, non agiscono coltivano solo parole...

la Pane mi ha dato un intensa carica emotiva, nelle immagini ho trovato una parte di me stessa, del mio vissuto
ciò che hai detto Reiniku mi è parso molto banale "forma infiocchettata di autolesionismo" cosa significa?
cosa cambia tra un dolore esternato fisicamente, e un dolore esternato a grandi paroloni
lei con quelle foto rievoca un qualcosa che l' ha tormentata, e sul tormento pone dei fiori, forse simbolo di perdono, o di superamento del dolore stesso o comunque di un ricordo di un' esperienza, che se anche è stata difficile, dura poi ha avuto un qualcosa di positivo


è strano che dici questo, ma scusa... e Nietzsche chi fu? certo fu poeta, compositore, filologo ma, volente o nolente fu anche filosofo. Il filosofo è una persona che non è mai sazia di ricercare il sapere (e non certo il sapere come nozione ma il sapere sulla vita e sulla realtà). Il sapere è nella vita che scorre, il "puro pensiero", la vita contemplativa può "fermare" solo per un attimo quella farfalla che è la vita, ma nel momento in cui la ferma, subito la perde.


--------------------
Go to the top of the page
 
+Quote Post
WonderWoman
messagio Sep 29 2007, 07:02 PM
Messaggio #11


Old Member
****

Gruppo: Members
Messaggi: 198
Iscritto il: 5-September 07
Utente Nr.: 306



con Nietzsche non ho un buon rapporto, ce ne sono pochi in realtà che me ne vanno a genio...
io adoro molto la poesia, la psicanalisi, la letteratura, l'arte, la musica, le scienze, lo sport non sono mai riuscita ad avere un rapporto intenso con la filosofia più generale, mi ha sempre dato l'impressione di aria fritta, pensiero morto

sono disposta a cambiare idea..
Go to the top of the page
 
+Quote Post
reiniku
messagio Oct 1 2007, 02:30 PM
Messaggio #12


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 58
Iscritto il: 24-July 07
Da: il mondo
Utente Nr.: 254



CITAZIONE(WonderWoman @ Sep 29 2007, 08:02 PM) *
con Nietzsche non ho un buon rapporto, ce ne sono pochi in realtà che me ne vanno a genio...
io adoro molto la poesia, la psicanalisi, la letteratura, l'arte, la musica, le scienze, lo sport non sono mai riuscita ad avere un rapporto intenso con la filosofia più generale, mi ha sempre dato l'impressione di aria fritta, pensiero morto

sono disposta a cambiare idea..


E brava, non tutti sono disposti a cambiare idea, e per questo sei già vicina alla filosofia...
Anch'io ho sempre avuto un rapporto contrastante con la filosofia, una sorta di odio-amore mi piace dire. In realtà il contrasto avuto con la "filosofia" (virgolettata perchè mi riferisco sopratutto alla filosofia nella sua versione scolastica) è sempre stato qualcosa di passionale-stimolante. Ho cominciato a studiare veramente filosofia con Kant, la mia illuminazione sulla via di Damasco, quindi abbastanza tardi (in quarta-quinta superiore). Gli altri filosofi non mi avevano particolarmente intrigato, in terza superiore Platone mi aveva deluso con la sua invettiva contro la poesia (anche per me, musica e poesia prima di tutto) ma poi credo di averlo capito meglio anche grazie a un libro del grande Giovanni Reale ("Platone"). Ricordo anche una certa antipatia per Aristotele e per le sue categorie (ma più avanti l'ho riconsiderato in quel capolavoro che è l'Etica Nicomachea).
Ho avuto una bella amicizia con il mio prof di filosofia, ci siamo sentiti e scritti anche dopo le superiori ma devo ammettere che non ricordo le sue lezioni. In filosofia nessuno ti può spiegare nulla, ci devi arrivare da solo, con la tua fatica e il tuo sudore.
Dopo le superiori non ho scelto certo di fare Filosofia (a dire il vero stavo per partire per un progetto di servizio civile internazionale in Portogallo ^^, cosa che non è andata più in porto per cause amorose). Insomma mi sono messa a fare lingue e lett. straniere, francese e spagnolo..ma dopo 1 anno e mezzo ho lasciato per..Filosofia...Oddio!!
E adesso di nuovo, ho appena finito la laurea triennale... abbastanza nauseata dalla filosofia (universitaria)
Stavo per cambiare percorso ma poi ho deciso di continuare con la specialistica di Filosofia...odio e amore. C'est la vie!


--------------------
Go to the top of the page
 
+Quote Post
andreademilio
messagio Oct 1 2007, 04:21 PM
Messaggio #13


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 1,113
Iscritto il: 20-March 07
Da: Pescara, dove sono nato
Utente Nr.: 6



è che i filosofi non hanno voluto far la fine di Socrate. Ma la filosofia resta grande.


--------------------
'' i pensieri sono azioni '' : facciamo insieme! filAsofia meAfisica fisiofilia 3332725782
Go to the top of the page
 
+Quote Post
WonderWoman
messagio Oct 2 2007, 04:31 PM
Messaggio #14


Old Member
****

Gruppo: Members
Messaggi: 198
Iscritto il: 5-September 07
Utente Nr.: 306



boh
Go to the top of the page
 
+Quote Post

Reply to this topicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

Modalità di visualizzazione: Normale · Passa a: Lineare · Passa a: Outline


Versione Lo-Fi Oggi è il: 19th August 2019 - 11:26 PM