IPB

Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )

6 Pagine V  < 1 2 3 4 > »   
Reply to this topicStart new topic
> DIO è MORTO?
WonderWoman
messagio Dec 12 2007, 05:11 PM
Messaggio #21


Old Member
****

Gruppo: Members
Messaggi: 198
Iscritto il: 5-September 07
Utente Nr.: 306



CITAZIONE(E.R. @ Dec 11 2007, 10:53 AM) *
Carissimi, almeno voi ... non litigate!

Cara Wonder, sicuramente l'informazione è manipolata e ci manipola, ma non possiamo non interrogarci sul perchè di certi fatti, non possiamo fermarci alla superficialità delle notizie, almeno noi che usiamo ancora le nostre facoltà mentali, non possiamo non vedere oltre i fatti..... ed interrogarci anche sul perchè ci venga sempre più spesso proposto un "modello negativo", penso anche alla pubblicità (per esempio quella di un noto "lecca-lecca" - per otternerlo un giovane tira un calcio ad una coetanea- o quella di un telefonino - che simula un combattimento), per non parlare di certe riviste o di certi programmi televisivi vuoti di contenuti, ma ricchi di violenza, di litigi e di effimero (per esempio i "reality" o i telefilms horror). D'altronde se vengono proposti è perchè vengono richiesti. Ritornando alle cronache, che dire del continuo aumento dello sfruttamento minorile (vedasi dati Unicef), degli infanticidi, della sempre maggiore diffusione della droga a tutti i livelli sociali , specie tra i giovanissimi, degli episodi di bullismo, degli incidenti stradali provocati dall'abuso di alcool, solo per fare alcuni esempi.
Per non parlare dell'arte contemporanea, che ci trasmette il "senso del vuoto e del nulla" ed è incapace di emozionarci. D'altronde gli artisti esprimono ciò che li circonda.

Tutto ci parla del vuoto e del nulla, non possiamo non percepirlo e non interrogarci.

Ritengo che l'uomo moderno abbia perso la percezione della distinzione tra bene e male. Non sa più riconoscere il male e ne rimane schiavo. Si fa attrarre da una falsa felicità e smette di cercare il "sommo bene", l'infinito.

Certo "fa più rumore un albero che cade di una foresta che cresce", ma oggi mi sembra di vedere "troppi alberi abbattuti".....

------------------

"Il nostro cuore non ha posa, Signore, finchè non riposa in te" S. Agostino.


tutto ci parla del vuoto e del nulla perchè siamo nauseati dall'abbondanza che ci circonda, il vuoto oggi è evasione...ma i delitti non sono ricollegabili a parer mio allo stesso sintomo...
Go to the top of the page
 
+Quote Post
WonderWoman
messagio Dec 12 2007, 05:12 PM
Messaggio #22


Old Member
****

Gruppo: Members
Messaggi: 198
Iscritto il: 5-September 07
Utente Nr.: 306



CITAZIONE(diechirico @ Dec 10 2007, 10:14 PM) *
ah wonder, certo che tu te la giochi con il ricercatore in quanto a simpatia.
di te, in veneto, si direbbe che sei simpatica come la merda in tasca...
quando ce vo ce vo....



perchè tu sei veneto?
Go to the top of the page
 
+Quote Post
E.R.
messagio Dec 14 2007, 08:53 PM
Messaggio #23


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 55
Iscritto il: 7-December 07
Utente Nr.: 685



Cara Wonder, magnifico spirito femminile, concordo con te, "il vuoto è evasione", ma non pensi che esso possa anche essere il terreno per l'odio e l'aggressività?


----------------

Caro Nemo, piccolo pesciolino dai colori del sole, sei ancora chiuso nell'acquario?

..... "l'acquario ti cambia dentro"..........

eppure ti percepivo libero e felice..........

---------------

Tornando al tema iniziale: è riuscito l'uomo occidentale a darsi nuovi valori, come auspicato dal filosofo?

Io non ne trovo, anzi, vedo il declino della nostra cività occidentale: "la storia si ripete"?

----------------

L'uomo moderno occidentale ha smesso di sognare? ............
Go to the top of the page
 
+Quote Post
nemo
messagio Dec 15 2007, 04:06 PM
Messaggio #24





Guests






CITAZIONE(E.R. @ Dec 14 2007, 08:53 PM) *
Caro Nemo, piccolo pesciolino dai colori del sole, sei ancora chiuso nell'acquario?

..... "l'acquario ti cambia dentro"..........

eppure ti percepivo libero e felice..........



Primo: non mi ritengo un "pesciolino" dai colori del sole (tu vedi troppi cartoons)...

Secondo: può darsi che stia in un acquario, ma tu non sei mai uscito dalla sacrestia!

Terzo: felice... non so, ma in quanto a libero: stai sicuro che ti batto su tutta la linea!!!
Go to the top of the page
 
+Quote Post
E.R.
messagio Dec 15 2007, 04:45 PM
Messaggio #25


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 55
Iscritto il: 7-December 07
Utente Nr.: 685



Caro Nemo,

"Ama e fa ciò che vuoi" S. Agostino
Go to the top of the page
 
+Quote Post
lou
messagio Dec 15 2007, 06:09 PM
Messaggio #26


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 1,239
Iscritto il: 12-July 07
Utente Nr.: 219



CITAZIONE(E.R. @ Dec 15 2007, 04:45 PM) *
Caro Nemo,

"Ama e fa ciò che vuoi" S. Agostino



esatto cool.gif


--------------------
"Osa tutto...non avere bisogno di niente"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
nemo
messagio Dec 15 2007, 06:29 PM
Messaggio #27





Guests






CITAZIONE(E.R. @ Dec 15 2007, 04:45 PM) *
Caro Nemo,

"Ama e fa ciò che vuoi" S. Agostino



Ma allora... bastava tacere

non dire nulla

che abbiamo parlato a fare?
Go to the top of the page
 
+Quote Post
WonderWoman
messagio Dec 15 2007, 06:51 PM
Messaggio #28


Old Member
****

Gruppo: Members
Messaggi: 198
Iscritto il: 5-September 07
Utente Nr.: 306



[quote name='E.R.' date='Dec 14 2007, 08:53 PM' post='3778']
Cara Wonder, magnifico spirito femminile, concordo con te, "il vuoto è evasione", ma non pensi che esso possa anche essere il terreno per l'odio e l'aggressività?
----------------

no
Go to the top of the page
 
+Quote Post
E.R.
messagio Dec 17 2007, 10:25 AM
Messaggio #29


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 55
Iscritto il: 7-December 07
Utente Nr.: 685



Carissimi,

ringrazio ognuno di voi per i preziosi ed illuminanti contributi, vorrei chiudere con le parole ("profetiche"?) di Nietzsche che mi hanno suggerito il tema della discussione:

" Dio è morto! Dio resta morto! E noi lo abbiamo ucciso! […]
Vengo troppo presto – proseguì – non è ancora il mio tempo. Questo enorme avvenimento è ancora per strada e sta facendo il suo cammino: non è ancora arrivato fino alle orecchie degli uomini. Fulmine e tuono vogliono tempo, il lume delle costellazioni vuole tempo, le azioni vogliono tempo, anche dopo essere state compiute, perché siano vedute e ascoltate". [Friedrich Nietzsche, La gaia scienza, af. 125]

-------

Nella mia infinita piccolezza e relatività, percepisco Dio come "Amore" e ritengo che Dio non possa morire, finchè l'uomo sarà capace di provare tale "nobile" sentimento .....

-------
"Segui il consiglio del tuo cuore, perchè nessuno ti sarà più fedele di lui" (Siracide, 37,13)

Buon Natale e buone feste a tutti! A presto

E.R.
Go to the top of the page
 
+Quote Post
luk_ing
messagio Dec 18 2007, 06:07 PM
Messaggio #30


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 96
Iscritto il: 26-October 07
Utente Nr.: 448



A diechirico: da noi si dice, quando una persona è antipatica, che "era meglio cagarsi in mano e prendersi a schiaffi che parlare con lei". Ciò è solo una curiosità di tipo culturale, non è riferito in alcun modo a Wonder che non è antipatica ma solo dalla scorza un po' troppo dura.

Rispondendo a E.R. ti leggo e mi sembra di sentir parlare una mia amica, credente, sincera, persona d'oro. Appartenete ritengo, alla stessa categoria di "credenti", sinceramente convinti che l'amore sia bene, e che amore è e dev'essere Dio. Ora finché parliamo di amore=bene ne sono fermamente convinto anch'io, e in particolar modo in questo periodo in cui sono "innamorato" (sì, credo si possa dire così). Ma perché bisogna per forza dare un fondamento metafisico all'amore? non basta a se stesso?
Ripropongo un perché molto importante, fondamentale: perché cerchiamo Dio? perché se l'amore è il bene, allora Dio dev'essere l'amore? Perché il Bene (che per alcuni è amore, per me è ancor più 'libertà') deve per forza trovare un fondamento metafisico? Non so darmi una risposta diversa da questa: perché non accettiamo la finitezza come tale; perché, avendo esperito cos'è il nostro bene (e per ognuno è qualcosa di diverso) non accettiamo l'idea che esso non sia infinito eterno etc..
Non che a me non piacerebbe sapere che il sentimento di pienezza che si prova essendo liberi e amando in vita sia eterno...ma solo perché l'uomo non può accettare - direi per un fattore antropoligico - la finitezza dobbiamo credere all'infinito?
In realtà, se assumessimo piena responsabilità della potenza della nostra libertà, potremmo crearci i nostri dei (cosa che in realtà l'umanità ha sempre fatto, ma inconsapevolmente; colpevolemente cercando di vedere Dio come ente autofondantesi, e non, piuttosto, come conseguenza della libertà umana), non ci vedrei nulla di male. Ma perché non accettare l'idea che Dio, i nostri dei, i nostri idoli, ciò che chiamiamo "Bene" "Male" "giusto" e "sbagliato", dipendono da noi, dal nostro potere di creare liberamente? perché continuare a volerli Assoluti, indipendenti, in-Sé? In questo io vedo colpevolezza, poiché volendo eleggere il proprio bene a assoluto commettiamo ingustizia nei confronti delle altrui determinazioni di bene.
Se il Dio di ciascuna civiltà vuol essere assoluto, allora si crea intolleranza, confronto deleterio tra culture e via dicendo. Ma se Dio è solo il mio dio, nulla più, allora io raggiungo ciò che pochi hanno osato immaginare: Dio viene a coincidere con me, a patto che io sia libero.
Chiedo scusa se mi sono dilungato su questo punto ma è per me di importanza capitale.

Aggiungo solo questo, sui fatti di cronaca: io non sono ottimista riguardo all'andamento del mondo, vedo tanto, troppo nero, o meglio marrone (il colore della m....)
Vedo nero sia per quanto riguarda la realtà dei fatti che ci circonda (e non perché i telegiornali parlano più di una morte che di una nascita), sia per quanto riguarda il "valore medio" delle persone che ci circonda. Mi spiego: per quanto io possa essere in disaccordo con chiunque in questo forum, devo riconoscere che siete tutti persone che usano il cervello, la mente. Credenti o no, tutte persone che hanno qualcosa da dire, che percepiscono in modo critico in problemi etc...Tutte persone di un certo spessore, in ogni caso.
Vi chiedo: per ogni persona che scrive su un forum di questo tipo, per ogni persona di "spessore", quante credete che ce ne siano inchiodate davanti a un programma tipo "grande fratello" o che in generale avvelena il suo cervello con idiozie simili senza nemmeno rendersi conto di cosa sta facendo? e quanti che commetterebbero atti di pura malvagità solo per opportunismo, per bassezza d'animo?
In sostanza, vedo nero perché il rapporto persone di valore/massa di imbecilli è un limite che tende a zero (scusate ma analisi mi brucia il cervello!!!).
Ho un unico motivo di essere ottimista: se in mezzo a tutto sto nero io riuscirò in un qualsiasi modo a non rientrare nella categoria "massa di imbecilli" allora mi sarò realizzato almeno in parte, e sarà valsa la pena di essersi impegnati qui in questa vita.

Un saluto, e...auguri di buone feste!!!!
Go to the top of the page
 
+Quote Post
NIHILO
messagio Dec 18 2007, 06:38 PM
Messaggio #31


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 533
Iscritto il: 4-April 07
Utente Nr.: 34



Bravo Luk, atei o credenti siamo in fondo tutti sulla stessa
barca.


--------------------
DIE EWIGE SANDUHR DES DASEINS WIRD IMMER WIEDER UMGEDREHT
Go to the top of the page
 
+Quote Post
nemo
messagio Dec 18 2007, 06:48 PM
Messaggio #32





Guests






CITAZIONE(luk_ing @ Dec 18 2007, 06:07 PM) *
Ho un unico motivo di essere ottimista: se in mezzo a tutto sto nero io riuscirò in un qualsiasi modo a non rientrare nella categoria "massa di imbecilli" allora mi sarò realizzato almeno in parte, e sarà valsa la pena di essersi impegnati qui in questa vita.



Credo che noi (io e te) si sia ben più che "vicini"...
Go to the top of the page
 
+Quote Post
WonderWoman
messagio Dec 18 2007, 07:11 PM
Messaggio #33


Old Member
****

Gruppo: Members
Messaggi: 198
Iscritto il: 5-September 07
Utente Nr.: 306



CITAZIONE(luk_ing @ Dec 18 2007, 06:07 PM) *
A diechirico: da noi si dice, quando una persona è antipatica, che "era meglio cagarsi in mano e prendersi a schiaffi che parlare con lei". Ciò è solo una curiosità di tipo culturale, non è riferito in alcun modo a Wonder che non è antipatica ma solo dalla scorza un po' troppo dura.

Rispondendo a E.R. ti leggo e mi sembra di sentir parlare una mia amica, credente, sincera, persona d'oro. Appartenete ritengo, alla stessa categoria di "credenti", sinceramente convinti che l'amore sia bene, e che amore è e dev'essere Dio. Ora finché parliamo di amore=bene ne sono fermamente convinto anch'io, e in particolar modo in questo periodo in cui sono "innamorato" (sì, credo si possa dire così). Ma perché bisogna per forza dare un fondamento metafisico all'amore? non basta a se stesso?
Ripropongo un perché molto importante, fondamentale: perché cerchiamo Dio? perché se l'amore è il bene, allora Dio dev'essere l'amore? Perché il Bene (che per alcuni è amore, per me è ancor più 'libertà') deve per forza trovare un fondamento metafisico? Non so darmi una risposta diversa da questa: perché non accettiamo la finitezza come tale; perché, avendo esperito cos'è il nostro bene (e per ognuno è qualcosa di diverso) non accettiamo l'idea che esso non sia infinito eterno etc..
Non che a me non piacerebbe sapere che il sentimento di pienezza che si prova essendo liberi e amando in vita sia eterno...ma solo perché l'uomo non può accettare - direi per un fattore antropoligico - la finitezza dobbiamo credere all'infinito?
In realtà, se assumessimo piena responsabilità della potenza della nostra libertà, potremmo crearci i nostri dei (cosa che in realtà l'umanità ha sempre fatto, ma inconsapevolmente; colpevolemente cercando di vedere Dio come ente autofondantesi, e non, piuttosto, come conseguenza della libertà umana), non ci vedrei nulla di male. Ma perché non accettare l'idea che Dio, i nostri dei, i nostri idoli, ciò che chiamiamo "Bene" "Male" "giusto" e "sbagliato", dipendono da noi, dal nostro potere di creare liberamente? perché continuare a volerli Assoluti, indipendenti, in-Sé? In questo io vedo colpevolezza, poiché volendo eleggere il proprio bene a assoluto commettiamo ingustizia nei confronti delle altrui determinazioni di bene.
Se il Dio di ciascuna civiltà vuol essere assoluto, allora si crea intolleranza, confronto deleterio tra culture e via dicendo. Ma se Dio è solo il mio dio, nulla più, allora io raggiungo ciò che pochi hanno osato immaginare: Dio viene a coincidere con me, a patto che io sia libero.
Chiedo scusa se mi sono dilungato su questo punto ma è per me di importanza capitale.

Aggiungo solo questo, sui fatti di cronaca: io non sono ottimista riguardo all'andamento del mondo, vedo tanto, troppo nero, o meglio marrone (il colore della m....)
Vedo nero sia per quanto riguarda la realtà dei fatti che ci circonda (e non perché i telegiornali parlano più di una morte che di una nascita), sia per quanto riguarda il "valore medio" delle persone che ci circonda. Mi spiego: per quanto io possa essere in disaccordo con chiunque in questo forum, devo riconoscere che siete tutti persone che usano il cervello, la mente. Credenti o no, tutte persone che hanno qualcosa da dire, che percepiscono in modo critico in problemi etc...Tutte persone di un certo spessore, in ogni caso.
Vi chiedo: per ogni persona che scrive su un forum di questo tipo, per ogni persona di "spessore", quante credete che ce ne siano inchiodate davanti a un programma tipo "grande fratello" o che in generale avvelena il suo cervello con idiozie simili senza nemmeno rendersi conto di cosa sta facendo? e quanti che commetterebbero atti di pura malvagità solo per opportunismo, per bassezza d'animo?
In sostanza, vedo nero perché il rapporto persone di valore/massa di imbecilli è un limite che tende a zero (scusate ma analisi mi brucia il cervello!!!).
Ho un unico motivo di essere ottimista: se in mezzo a tutto sto nero io riuscirò in un qualsiasi modo a non rientrare nella categoria "massa di imbecilli" allora mi sarò realizzato almeno in parte, e sarà valsa la pena di essersi impegnati qui in questa vita.

Un saluto, e...auguri di buone feste!!!!



si potrebbe aprire una discussione sul valore catartico della merda...viene più citata la merda o il simbolo fallico?dopodichè si potrebbe fare una disquisizione su tutti gli argomenti bassi e rozzi che affascinano l'uomo (uomo inteso unisex)...stilare così una classifica, per poi ritornare sul tema del vuoto...e sulle persone di spessore...Dio...etc.
Go to the top of the page
 
+Quote Post
luk_ing
messagio Dec 20 2007, 04:13 PM
Messaggio #34


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 96
Iscritto il: 26-October 07
Utente Nr.: 448



A nemo: bene, molto bene. Trovare una persona affine è raro. Ad alcuni questo non succede mai in tutta la vita.

A wonder woman: sì si potrebbe parlare tanto di argomenti bassi e rozzi (a patto di accettare di sporcarsi le mani, senza sentirsi superiori) come di altri ben più importanti (a patto di non pretendere d'essere né troppo sporchi né troppo puliti).
In qualunque caso, ti faccio notare, per discutere di alcunché, bisogna mettersi in gioco, essere espliciti piuttosto che elusivi...criticare dove c'è da criticare, stare zitti dove non si abbia il coraggio di farlo.
Spero di essere stato chiaro, ti prego fare altrettanto!
Go to the top of the page
 
+Quote Post
E.R.
messagio Jan 11 2008, 03:42 PM
Messaggio #35


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 55
Iscritto il: 7-December 07
Utente Nr.: 685



CITAZIONE(luk_ing @ Dec 18 2007, 06:07 PM) *
"Rispondendo a E.R. .........Ma perché bisogna per forza dare un fondamento metafisico all'amore? non basta a se stesso?
Ripropongo un perché molto importante, fondamentale: perché cerchiamo Dio? perché se l'amore è il bene, allora Dio dev'essere l'amore? Perché il Bene (che per alcuni è amore, per me è ancor più 'libertà') deve per forza trovare un fondamento metafisico? Non so darmi una risposta diversa da questa: perché non accettiamo la finitezza come tale; perché, avendo esperito cos'è il nostro bene (e per ognuno è qualcosa di diverso) non accettiamo l'idea che esso non sia infinito eterno etc..
Non che a me non piacerebbe sapere che il sentimento di pienezza che si prova essendo liberi e amando in vita sia eterno...ma solo perché l'uomo non può accettare - direi per un fattore antropoligico - la finitezza dobbiamo credere all'infinito?
In realtà, se assumessimo piena responsabilità della potenza della nostra libertà, potremmo crearci i nostri dei (cosa che in realtà l'umanità ha sempre fatto, ma inconsapevolmente; colpevolemente cercando di vedere Dio come ente autofondantesi, e non, piuttosto, come conseguenza della libertà umana), non ci vedrei nulla di male. Ma perché non accettare l'idea che Dio, i nostri dei, i nostri idoli, ciò che chiamiamo "Bene" "Male" "giusto" e "sbagliato", dipendono da noi, dal nostro potere di creare liberamente? perché continuare a volerli Assoluti, indipendenti, in-Sé? In questo io vedo colpevolezza, poiché volendo eleggere il proprio bene a assoluto commettiamo ingustizia nei confronti delle altrui determinazioni di bene.
Se il Dio di ciascuna civiltà vuol essere assoluto, allora si crea intolleranza, confronto deleterio tra culture e via dicendo. Ma se Dio è solo il mio dio, nulla più, allora io raggiungo ciò che pochi hanno osato immaginare: Dio viene a coincidere con me, a patto che io sia libero.
Chiedo scusa se mi sono dilungato su questo punto ma è per me di importanza capitale."



Carissimi, riesco a rispondere solo ora........ spero abbiate trascorso delle buone feste.........


Caro luk_ing,

la fede è un dono....

come posso non credere ad un Dio che sento vivo e presente in ogni istante della mia vita? Ad un Dio che per amore si è fatto Uomo, da infinito a finito, da immateriale a materiale, come posso non amarlo? Come posso non abbandonarmi al Suo Amore che mi cambia, mi trascina, mi trasforma? Come posso non credere in Lui, proprio io che ho il dono di sentirlo (perchè questo è la fede, un atto d'amore, una corrispondenza) ed il Suo Amore mi rende libera e felice? "Libera"... pensa che "paradosso": più appartengo a Dio e più sono libera! Più amo è più sono libera! Un esempio di questa "libertà"? Pensa alla figura di S. Francesco o a quella di Gandi: entrambi veramente liberi, pur di religioni diverse, nell'Amore.... e "felici", appagati, realizzati.

Certo, questa è solo la mia testimonianza..... Dio: un frutto della mia immaginazione? Non mi reputo tanto creativa e tanto meno "psicologicamente debole", solo molto fortunata! Da quando ho incontrato Dio, non posso fare altro che seguirlo, amarlo e lodarlo, perchè nella mia piccolezza, mi fa sentire l'infinito e nella mia tribolazione mi fa percepire il "paradiso"...... io non mi reputo così "grande, maestosa, illimitata", ma parte di ciò che è "grande, maestoso ed illimitato" è in me ed in ciascuno di noi.

Quando si ama veramente non si può che essere tolleranti verso gli altri , semmai cercare il dialogo ed il confronto, nel rispetto reciproco: se Dio è così misericordioso da lasciarci liberi persino di non amarlo, come possiamo noi imporLo agli altri?
Personalmente ritengo che le religioni siano solo delle diverse "interpretazioni" di un unico vero Dio. Noi Cristiani crediamo nel "Verbo che si è fatto carne" (Giovanni, 1,14)....

"Dio nessuno l'ha mai visto: proprio il Figlio unigenito, che è nel seno del Padre, lui lo ha rivelato" (Giovanni, 1,18).

---------------
"Se puoi, capisci; se non puoi, credi". (S. Agostino)
Go to the top of the page
 
+Quote Post
nemo
messagio Jan 11 2008, 07:17 PM
Messaggio #36





Guests






CITAZIONE(E.R. @ Jan 11 2008, 03:42 PM) *
Certo, questa è solo la mia testimonianza..... Dio: un frutto della mia immaginazione? Non mi reputo tanto creativa e tanto meno "psicologicamente debole", solo molto fortunata! Da quando ho incontrato Dio, non posso fare altro che seguirlo, amarlo e lodarlo, perchè nella mia piccolezza, mi fa sentire l'infinito e nella mia tribolazione mi fa percepire il "paradiso"...... io non mi reputo così "grande, maestosa, illimitata", ma parte di ciò che è "grande, maestoso ed illimitato" è in me ed in ciascuno di noi.


Ma sei una donna!!!

credevo che voi foste immuni...

dalla fregola del predicatore...
Go to the top of the page
 
+Quote Post
E.R.
messagio Jan 11 2008, 08:16 PM
Messaggio #37


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 55
Iscritto il: 7-December 07
Utente Nr.: 685



CITAZIONE(nemo @ Jan 11 2008, 07:17 PM) *
Ma sei una donna!!!

credevo che voi foste immuni...

dalla fregola del predicatore...


...mi spiace averti deluso: non sono un prete.....nè un predicatore.... ho solo tentato di descrivere quello che sento, trascinata dai miei pensieri.....
Go to the top of the page
 
+Quote Post
nemo
messagio Jan 11 2008, 09:14 PM
Messaggio #38





Guests






CITAZIONE(E.R. @ Jan 11 2008, 08:16 PM) *
...mi spiace averti deluso: non sono un prete.....nè un predicatore.... ho solo tentato di descrivere quello che sento, trascinata dai miei pensieri.....


Peccato...

ma che c'entra con la filosofia?

e soprattutto...con Nietzsche?
Go to the top of the page
 
+Quote Post
luk_ing
messagio Jan 15 2008, 12:36 AM
Messaggio #39


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 96
Iscritto il: 26-October 07
Utente Nr.: 448



CITAZIONE(E.R. @ Jan 11 2008, 03:42 PM) *
Carissimi, riesco a rispondere solo ora........ spero abbiate trascorso delle buone feste.........
Caro luk_ing,

la fede è un dono....

come posso non credere ad un Dio che sento vivo e presente in ogni istante della mia vita? Ad un Dio che per amore si è fatto Uomo, da infinito a finito, da immateriale a materiale, come posso non amarlo? Come posso non abbandonarmi al Suo Amore che mi cambia, mi trascina, mi trasforma? Come posso non credere in Lui, proprio io che ho il dono di sentirlo (perchè questo è la fede, un atto d'amore, una corrispondenza) ed il Suo Amore mi rende libera e felice? "Libera"... pensa che "paradosso": più appartengo a Dio e più sono libera! Più amo è più sono libera! Un esempio di questa "libertà"? Pensa alla figura di S. Francesco o a quella di Gandi: entrambi veramente liberi, pur di religioni diverse, nell'Amore.... e "felici", appagati, realizzati.

Certo, questa è solo la mia testimonianza..... Dio: un frutto della mia immaginazione? Non mi reputo tanto creativa e tanto meno "psicologicamente debole", solo molto fortunata! Da quando ho incontrato Dio, non posso fare altro che seguirlo, amarlo e lodarlo, perchè nella mia piccolezza, mi fa sentire l'infinito e nella mia tribolazione mi fa percepire il "paradiso"...... io non mi reputo così "grande, maestosa, illimitata", ma parte di ciò che è "grande, maestoso ed illimitato" è in me ed in ciascuno di noi.

Quando si ama veramente non si può che essere tolleranti verso gli altri , semmai cercare il dialogo ed il confronto, nel rispetto reciproco: se Dio è così misericordioso da lasciarci liberi persino di non amarlo, come possiamo noi imporLo agli altri?
Personalmente ritengo che le religioni siano solo delle diverse "interpretazioni" di un unico vero Dio. Noi Cristiani crediamo nel "Verbo che si è fatto carne" (Giovanni, 1,14)....

"Dio nessuno l'ha mai visto: proprio il Figlio unigenito, che è nel seno del Padre, lui lo ha rivelato" (Giovanni, 1,18).

---------------
"Se puoi, capisci; se non puoi, credi". (S. Agostino)


Vedi tu credi in un Dio che è Amore, ma Dio è amore perché tu lo credi così perché tu lo vuoi così. Tutto, in ultima analisi, dipende da te, dal tuo sentire, dai tuoi sentimenti. Anch'io allora credo in "Dio". Anche Nietzsche. Dio semplicemente è il nome con cui battezziamo i sentimenti più elevati che ci animano. Io credo nella libertà più di tutti, se dovessi pensare un Dio lo penserei come volontà pura. Per te è amore, perché amore ti fa sentire libera. Come puoi non credere in un Dio dell'amore, se credi nell'amore? non puoi infatti.
Quello che cerco di contestare è che molti pretendono che Dio esista nel senso stretto del termine. Che sia lì a resuscitarci, insomma a toglierci le nostre paure, La Nostra Paura.

Lo dici tu stessa: non puoi non credere in Dio perché Dio è amore, libertà, perdono, comprensione, dona infinitudine a chi è "finito"...dimmi sono questi i tuoi valori, no? e Dio, coincide con i tuoi valori! Anche il mio "Dio" coincide con i miei "valori", il Dio dei cristiani del medioevo era punitore, perché punire gli eretici era ciò in cui credevano quei cristiani di quel tempo.
Insomma a me sembra fin troppo evidente che Dio conincide sempre con i nostri valori. Dipende da questi, dipende da noi.

Ma poi, se così fosse, prova ad ammetterlo per un attimo, sarebbe così brutto essere artefici del proprio bene e del proprio male? della propria virtù? sarebbe così negativo "partorire" il proprio Dio? Io credo di no, anzi, in questo sta il superomismo, secondo me il nietzshceanesimo sta in fondo in questo...decidere la propria strada e conferirle il valore più alto possibile..permettendo agli altri di seguire la loro!

Insegnare ai propri discepoli a rinnegare il proprio maestro e a essere maestri di se stessi....Quello che ha fatto Zarathustra. Chi mai fu così saggio da dire: "impara ad amare i tuoi nemici, si, ma anche ad odiare i tuoi amici"?
Go to the top of the page
 
+Quote Post
nemo
messagio Jan 15 2008, 09:23 AM
Messaggio #40





Guests






CITAZIONE(luk_ing @ Jan 15 2008, 12:36 AM) *
Insegnare ai propri discepoli a rinnegare il proprio maestro e a essere maestri di se stessi....Quello che ha fatto Zarathustra. Chi mai fu così saggio da dire: "impara ad amare i tuoi nemici, si, ma anche ad odiare i tuoi amici"?


Che dire...

nulla da aggiungere

nulla da togliere

sei la prima persona con la quale
condivido ogni parola.
Go to the top of the page
 
+Quote Post

6 Pagine V  < 1 2 3 4 > » 
Reply to this topicStart new topic
2 utenti stanno leggendo questa discussione (2 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

Modalità di visualizzazione: Normale · Passa a: Lineare · Passa a: Outline


Versione Lo-Fi Oggi è il: 18th October 2021 - 05:00 PM