IPB

Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )

 
Reply to this topicStart new topic
> Catullo:Vivamus, mea Lesbia ( con traduzione abruzzese)
andreademilio
messagio Apr 12 2009, 11:38 PM
Messaggio #1


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 1,113
Iscritto il: 20-March 07
Da: Pescara, dove sono nato
Utente Nr.: 6



Vivamus, mea Lesbia, atque amemus

rumoresque senum severiorum

omnes unius aestimemus assis!

soles occidere et redire possunt:

nobis cum semel occidit brevis lux,

nox est perpetua una dormienda.

da mi basia mille, deinde centum,

dein mille altera, dein secunda centum,

deinde usque altera mille, deinde centum.

dein, cum milia multa fecerimus,

conturbabimus illa, ne sciamus

aut ne quis malus invidere possit,

cum tantum sciat esse basiorum.


Stemc' a cor' a cor', Lé, e abbuffemc' d' pell'

e tutt' l' chiacchier' d' li' vicchj

pijeml' e schiaffemgliel' 'ncul!

lu sol' tramont' e artorn':

nu na vot' ch' la luc' s'ha spent',

c'avem' cacat' e putem' sol' durmì.

damm' mill' bac', e poi cent',

e 'n atr' e mill', e 'n atr' e cent',

e ancor' mill', e ancor' cent'.

e quann' n'avem' fatt' 'na coff',

l'armischiem' e ce l' scurdem',

a la facc' d' chi c' vo mal',

j'avess' girà l' cujon' ch' nu stem' cuscì bbon'.


Viviamo, mia Lesbia, e facciamo l'amore
e dei rimproveri dei vecchi troppo severi
non diamocene pensiero affatto!
i soli possono tramontare e sorgere di nuovo:
per noi una volta che la breve luce sia finita,... Visualizza altro
non resta che una sola perpetua notte da dormire.
dammi mille baci, e poi cento,
e altri mille, e altri cento,
e ancora mille, e ancora cento.
infine quando molte migliaia ce ne saremo dati,
mischiamoli e perdiamone il conto,
affinché nessun invidioso ci getti il malocchio,
sapendo quanti siano i baci.


--------------------
'' i pensieri sono azioni '' : facciamo insieme! filAsofia meAfisica fisiofilia 3332725782
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Colui che ha ...
messagio Jun 16 2009, 10:31 PM
Messaggio #2


Old Member
****

Gruppo: Members
Messaggi: 128
Iscritto il: 21-November 07
Utente Nr.: 588



Che orrenda poesia... (ovviamente l'originale, non la traduzione)


--------------------
I limiti del mio linguaggio costituiscono i limiti del mio mondo.

At nihilominus sentimus experimurque, nos aeternos esse.
Go to the top of the page
 
+Quote Post

Reply to this topicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

Modalità di visualizzazione: Normale · Passa a: Lineare · Passa a: Outline


Versione Lo-Fi Oggi è il: 25th August 2019 - 08:34 AM