IPB

Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )


Kuoros Inviato il: Sep 6 2009, 03:15 PM


Member
**

Gruppo: Members
Messaggi: 24
Iscritto il: 4-June 09
Utente Nr.: 14,668


Volevo sapere cosa ne pensano le firme autorevoli di questo forum in merito a tale video. Sgubonius? smile.gif
  Forum: Video · Anteprima Messaggio: #8378 · Risposte: 1 · Visite: 4,744

Kuoros Inviato il: Sep 6 2009, 03:13 PM


Member
**

Gruppo: Members
Messaggi: 24
Iscritto il: 4-June 09
Utente Nr.: 14,668


Volevo commentare, ma poi ci ho pensato e credo di non esserne in grado.
L'unica cosa che mi sento di aggiungere sono i complimenti a Sgubonius, che come sempre scrive post pieni di spunti interessanti.
  Forum: Nietzsche spazio libero · Anteprima Messaggio: #8377 · Risposte: 15 · Visite: 23,628

Kuoros Inviato il: Aug 27 2009, 07:22 PM


Member
**

Gruppo: Members
Messaggi: 24
Iscritto il: 4-June 09
Utente Nr.: 14,668


Quali sono i luoghi più importanti legati alla filosofia nella germania del sud? (in particolare, in baviera)
Parto domani, se riuscite a rispondere in tempo mi fate un grande favore laugh.gif
  Forum: Area libera generale · Anteprima Messaggio: #8365 · Risposte: 0 · Visite: 3,843

Kuoros Inviato il: Jul 15 2009, 01:26 PM


Member
**

Gruppo: Members
Messaggi: 24
Iscritto il: 4-June 09
Utente Nr.: 14,668


La questione su Nietzsche e la politica è molto controversa.
Premesso che, secondo me, una verità sul pensiero di Nietzsche non esiste, ma esistono solo interpretazioni, proprio come dice il nostro amato filosofo, è possibile vedere nel suo pensiero un po' tutto, poiché non è un filosofo sistematico, apollineo, ma un filosofo multiforme, dionisiaco.
E' quindi possibile vedere Nietzsche da più prospettive, sia estetiche sia politiche. Proprio su questo punto ad esempio c'è chi ha visto Nietzsche come un filosofo fondamentale per il nazismo (e bisogna ricordare che sicuramente un influenza importante sul movimento nazista la ebbe, poiché molti gerarchi leggevano fino a tarda notte le sue opere), altri come rivoluzionario di sinistra che vuole rovesciare gli idoli e i valori (ma potrebbe da questo punto di vista essere anche un rivoluzionario di destra, o un anarchico, no?), ecc.
C'è un bell'articolo di Vattimo che parla di molte interpretazioni, non solo in chiave politica, che sono state date a Nietzsche, e ripercorre brevemente la storia della Nietzsche-renassaince: http://www.giannivattimo.it/doc/nietzsche.htm
Proprio ultimamente è uscito un libro del professor Losurdo, pensatore di sinistra, che addita Nietzsche come un filosofo di destra, argomentando che tutto il suo pensiero può essere visto in chiave politica. Per cui l'idea che Nietzsche sia un filosofo che ha fortemente influenzato la destra non è tanto stupida...
Ribadisco tuttavia ciò che ho detto prima: secondo me, una verità in merito non esiste.

Se devo dire la mia opinione, per quel che conta, non penso che Nietzsche abbia avuto particolari influenze sul centro-destra attuale (non parlo solo dell'Italia, ma anche dell'Europa), poichè questo deriva più dal centro popolare (e popolare non era un'idea che piaceva molto a Nietzsche), piuttosto che dall'ideologia di destra, ormai sconfitta dalla storia e costretta a vivere fuori dal parlamento.
Se dovessi etichettare il pensiero di Nietzsche (il che è una cosa assurda, poiché, come ho scritto prima, un pensiero dionisiaco non può essere rinchiuso in forme apollinee) direi tuttavia che è più di destra che di sinistra.
E' però necessario definire prima cosa siano destra e sinistra.
Ecco ciò che penso io. Per me la differenza sostanziale sta nella concezione dell'uomo: nella sinistra è perfetto, nella destra è imperfetto, ma migliorabile con l'azione. Possiamo discuterne, io non ho mai fatto scienze politiche, per cui questa è solamente una mia opinione. Però se dovessi sistentizzare la differenza sostanziale in una frase, direi così.
Ecco qui un breve paragrafo che avevo salvato non mi ricordo più da dove, ma che secondo me esemplifica molto bene:
CITAZIONE
L'ideologia di sinistra pone l'uomo come perfetto, e come tale annulla le differenze individuali che non potrebbero esserci se tale condizione non fosse verificata. Su questa base, qualsiasi forma di miglioramento della vita, deve essere garantita dal genitore egheliano a tutti: lo stato quindi trasforma i bisogni in diritti.
In una società orientata a destra, l'umo non è visto come perfetto, ma come migliorabile. L'insieme minimo dei diritti sociali è quindi minore rispetto ad una società di sinistra, dal momento che determinati agi vengono ritenuti direttamente proporzionali all'attività svolta dal soggetto.
Esempio tipico è il diritto al lavoro, che è presente in ogni società. Non in tutte è però presente il sussidio per chi non lavora. Questo perchè nelle società ideologicamente a destra, è contemplata la possibilità che l'uomo imperfetto, freghi lo stato non lavorando, ma prendendo il sussidio. Tale responsabilità, in una società di sinistra, è addossata allo Stato: se il cittadino non lavora, essendo egli perfetto, la colpa non può essere che dello stao, che deve quindi provvedere.

Inoltre, aggiungo che un'altra differenza, conseguenza di ciò che ho scritto in precedenza, è che secondo l'ideologia di sinistra è la società è un reticolo, secondo quella di destra è una piramide. Ecco, forse la differenza sostanziale sta proprio qui.

Il concetto stesso di Ubermensch, l'uomo che supera gli altri uomini, il fatto che Nietzsche è stato definito un filosofo aristocratico e anti-socialista, la sua avversione per la plebe, ecc. lo avvicinano più alla destra che alla sinistra. Tuttavia non può neppure essere definito come un conservatore, valore tipico di una certa destra, poiché vuole distruggere i valori per crearne nuovi. Quindi se proprio dovessi dare una definizione politica di Nietzsche direi che è un rivoluzionario progressista di destra.
Anche se per me Nietzsche è da interpretare al di là di destra e sinistra, che poi sono forme apollinee e per nulla dionisiache.

Insomma, è molto complessa la questione.
  Forum: Nietzsche spazio libero · Anteprima Messaggio: #8328 · Risposte: 16 · Visite: 15,584

Kuoros Inviato il: Jul 9 2009, 02:27 PM


Member
**

Gruppo: Members
Messaggi: 24
Iscritto il: 4-June 09
Utente Nr.: 14,668


Grande! smile.gif
Allora a Settembre avrò il piacere di conoscerti smile.gif
  Forum: Area libera generale · Anteprima Messaggio: #8304 · Risposte: 18 · Visite: 14,758

Kuoros Inviato il: Jul 9 2009, 12:54 PM


Member
**

Gruppo: Members
Messaggi: 24
Iscritto il: 4-June 09
Utente Nr.: 14,668


Bocconi di Milano.
La seconda laurea vorrei prenderla però quando avrò terminato la prima e magari anche qualche master, in modo tale da avere tempo per studiare bene.
Nel frattempo, la filosofia rimane un hobby smile.gif
  Forum: Area libera generale · Anteprima Messaggio: #8302 · Risposte: 18 · Visite: 14,758

Kuoros Inviato il: Jul 9 2009, 12:52 PM


Member
**

Gruppo: Members
Messaggi: 24
Iscritto il: 4-June 09
Utente Nr.: 14,668


CITAZIONE(Mattia 90 @ Jul 8 2009, 08:08 PM) *
anzi per alcune cose io lo trovo simile al comunismo...

Spiegati meglio wink.gif
  Forum: Nietzsche spazio libero · Anteprima Messaggio: #8301 · Risposte: 16 · Visite: 15,584

Kuoros Inviato il: Jul 8 2009, 07:36 PM


Member
**

Gruppo: Members
Messaggi: 24
Iscritto il: 4-June 09
Utente Nr.: 14,668


CITAZIONE(Nachtlied @ Jul 3 2009, 07:57 PM) *
Anche perché è meglio non spaventare troppo Kouros... A proposito, Kouros, ti isrciverai a filosofia, vero?! wub.gif

Non avevo visto questa domanda smile.gif
Comunque no, sono già iscritto ad Economia e Managment per arte, cultura e comunicazioni. Però la mia idea è, una volta laureato, di prendere la seconda laurea in filosofia estetica.
  Forum: Area libera generale · Anteprima Messaggio: #8297 · Risposte: 18 · Visite: 14,758

Kuoros Inviato il: Jul 7 2009, 01:18 PM


Member
**

Gruppo: Members
Messaggi: 24
Iscritto il: 4-June 09
Utente Nr.: 14,668


Alla fine l'orale è andata bene smile.gif
Adesso aspettiamo di sapere il voto.
  Forum: Area libera generale · Anteprima Messaggio: #8287 · Risposte: 18 · Visite: 14,758

Kuoros Inviato il: Jul 5 2009, 09:49 PM


Member
**

Gruppo: Members
Messaggi: 24
Iscritto il: 4-June 09
Utente Nr.: 14,668


Traduzione un po' approssimativa e molto (ma molto!) semplificata, però dovrebbe andare bene.
Considerando che ho l'esame domani mattina, tra meno di dodici ore, dire che non c'è neppure il tempo per rivederla.
In ogni caso, se può essere utile a qualcuno wink.gif

JAMES JOYCE AND THE DIONYSIAN SPIRIT

James Joyce knew the Nietzsche’s philosophy in the 1902 through Yeats. Three years after, in a story (A painful case) the protagonist put on the desk the book “Thus spoke Zarathustra” and “The gay science”.
In a letter, moreover, he calls himself over-man.

In Joyce there are a lot of ideas of the Nietzsche’s philosophy.
Since his first stories, the idea of epiphany that embezzles the characters from paralysis of Dublin is similar to the speech of “On the Genealogy of Morality”: in both of them there is a vital energy paralyzed by the Christian ethic. In particulary on “The Dead”, the last story of the Dublineers, in which the dead men are the living men.
Nietzsche in “The Gay science” talks about a extraordinary moment about the eternal return and in Dubliners there is a song that talks about a sacrifice of a lover caused by a love: in this Dionysian moment there is a poetic force, a living force, that is the same of Nietzsche’s speech.

In Ulysses, Buck Mulligan uses the word “hyperborean” that is used by Nietzsche to indicate the Ubermensch, after he uses “super man” and, at last, “thus spake Zarathustra”.
Bloom is a jew and you know how Nietzsche thinks about this race… That is the origin of the moral and of the resentment.
In effect Bloom is not a Super-man, he is a suffered man, he doesn’t do, he is not an hero, his wife betrays him and for him there are no problem, but when he betrays her, he has a lot of moral thoughts.
He is the typical jew of Nietzsche’s book.
The opposite is the greek myth of Homer (Ulysses, the cleverness, the ideal) and it is represented by Mulligan; in effect there is a match between the Dionysian spirit (the art, the Hellenism) and the Apollonian Spirit (the moral, the commerce, the Judaism).
An immersion of Dionysian spirit is the chapter of the brothel, in which happens a lot of situations, and, after that, remain only the nostos, the return, and the closing monologue of Molly, in which she says “yes, yes, yes” (the last words are: yes I said yes I want yes, a sort of amor fati of the nostos and the eternal return)
In Finnegan’s wake there is also the unconscious element and the sensations.
Each words can be interpreted in an infinite way. It’s an anarchy and it represent the Dionysian life, the “Will to power” as a powerful vital energy that it can’t closed in a Apollonian form. It’s the energy of the artistic creation.
This caotic microcosm represent the “becoming”, the dynamic aspect of life.

  Forum: Letteratura e Poesia · Anteprima Messaggio: #8279 · Risposte: 8 · Visite: 16,658

Kuoros Inviato il: Jul 5 2009, 03:38 PM


Member
**

Gruppo: Members
Messaggi: 24
Iscritto il: 4-June 09
Utente Nr.: 14,668


Alla fine il percorso è il seguente:

Filosofia: Apollineo e Dionisiaco
La Nascita della Tragedia - Friedrich Nietzsche
I Ditirambi di Dioniso – Friedrich Nietzsche

Greco: Dioniso nella letteratura Greca
Le Baccanti - Euripide
Le Dionisiache - Nonno di Panopoli

Italiano: L'orfismo come mediazione tra Apollineo e Dionisiaco
I sonetti ad Orfeo - Rainer Maria Rilke
Canti Orfici - Dino Campana

Inglese: Il Dionisiaco in James Joyce
Ulisse - James Joyce

Arte: Francis Bacon: una pittura dionisiaca



Avete idea di qualche collegamento che potrei fare io o di domande che potrebbero farmi i professori?
L'orale ce l'ho domani quindi valgono come buone risposte fino alla mezzanotte laugh.gif
  Forum: Nietzsche spazio libero · Anteprima Messaggio: #8277 · Risposte: 7 · Visite: 10,492

Kuoros Inviato il: Jul 4 2009, 07:14 PM


Member
**

Gruppo: Members
Messaggi: 24
Iscritto il: 4-June 09
Utente Nr.: 14,668


Volevo scrivere Kouros, con la o, che significa ragazzo, giovane.
Kuros invece se non sbaglio significa autorità.
Comunque gli scritti sono andati bene, ma per l'orale sapere bene tutto ciò che è richiesto lo trovo impensabile, l'unica è sperare che facciano domande facili e non chiedano particolari.
Seneca scrive: "Quid est boni viri? Praebere se fato" laugh.gif
  Forum: Area libera generale · Anteprima Messaggio: #8275 · Risposte: 18 · Visite: 14,758

Kuoros Inviato il: Jul 4 2009, 11:03 AM


Member
**

Gruppo: Members
Messaggi: 24
Iscritto il: 4-June 09
Utente Nr.: 14,668


CITAZIONE(andreademilio @ Jul 3 2009, 06:19 AM) *
D'Emilio
ma no, non c'è bisogno: non sei kora, dunque no problem!

p.s.: perché kuoros e non kuros? in greco kuros è fanciullo, giusto? e kora fanciulla. kuoros? perdonami, ma ho fatto la notte in bianco e non ce la faccio a prendere il vocabolario rocci!

Perché volevo scrive Kouros e ho sbagliato a scrivere ed è venuto fuori Kuoros! Io non me ne sono accorto e ho dato invia... laugh.gif
Lunedì ho gli orali, da martedì finalmente potrò dedicarmi a quel mucchio di libri che voglio leggere! smile.gif
  Forum: Area libera generale · Anteprima Messaggio: #8271 · Risposte: 18 · Visite: 14,758

Kuoros Inviato il: Jun 22 2009, 10:34 PM


Member
**

Gruppo: Members
Messaggi: 24
Iscritto il: 4-June 09
Utente Nr.: 14,668


Non sono sparito, semplicemente sono molto impegnato con lo studio in vista dell'esame smile.gif
Vorrei sapere: chi mi sa dire qualcosa su Bacon e il Dionisiaco? (ho ordinato la logica della sensazione, ma non so se riuscirò a leggerlo tutto)
  Forum: Arte · Anteprima Messaggio: #8241 · Risposte: 1 · Visite: 19,392

Kuoros Inviato il: Jun 10 2009, 11:00 PM


Member
**

Gruppo: Members
Messaggi: 24
Iscritto il: 4-June 09
Utente Nr.: 14,668


Ho visto solo ora questo topic!!
Grazie mille!! smile.gifsmile.gifsmile.gif
Ora non mi resta che comprenderlo bene e poi tradurlo in inglese, non sarà semplice visto che si parla di filosofia.
Se vuoi firmarlo, come ho già scritto nell'altro post, poiché andrò ad esporre queste idee all'esame, le cito come tue.
In ogni caso ti rinnovo la domanda che ti ho posto anche in un altro post:
CITAZIONE
In ogni caso, per inglese, da Ulixes è difficile prescindere, per cui, nel caso, potrei trattare il dionisiaco sia nell'Ulisse sia nel Finnegans Wake. Così faccio anche un confronto tra i due testi.
Se mi dici quali sono i passi che devo guardare, scrivo un'analisi di essi io riferendomi agli influssi nietzscheani e poi mi dici che te ne pare
Così abbiamo più materiale e posso dare anche io un contributo alla discussione.

L'Ulisse lo leggerò tutto, se hai qualche passo da consigliarmi invece del Finnegans Wake... smile.gif
  Forum: Letteratura e Poesia · Anteprima Messaggio: #8180 · Risposte: 8 · Visite: 16,658

Kuoros Inviato il: Jun 10 2009, 10:49 PM


Member
**

Gruppo: Members
Messaggi: 24
Iscritto il: 4-June 09
Utente Nr.: 14,668


CITAZIONE(Sgubonius @ Jun 10 2009, 12:25 PM) *
Però visto che siamo a questo punto magari provo ad aprire più tardi un topic su joyce e nietzsche cercando di raccogliere un po' di roba interessante, per ora praticamente tutto quello che sapevo l'ho detto!

Mi faresti veramente un grandissimo favore smile.gif
Oggi ho accennato alla professoressa di Inglese che probabilmente alla maturità porterò il dionisiaco in Joyce: è rimasta molto sorpresa, non conosceva affatto questa interpretazione dell'autore dublinese, ed è molto curiosa di leggere la tesina.
Noi in classe abbiamo trattato solo Dubliners e Ulixes, ma se necessario leggo anche Finnegan's Wake, o, se mi puoi citare dei passi, approfondisco solo quelli.
Mi piacerebbe metter giù un discorso lineare di qualche pagina, penso sia un argomento molto interessante e innovativo.
Naturalmente se scrivi qualcosa in merito e lo firmi, mi piacerebbe portarlo come approfondimento ed esporlo come tue idee, è il minimo per tutti gli aiuti che mi stai dando.
In ogni caso, per inglese, da Ulixes è difficile prescindere, per cui, nel caso, potrei trattare il dionisiaco sia nell'Ulisse sia nel Finnegans Wake. Così faccio anche un confronto tra i due testi.
Se mi dici quali sono i passi che devo guardare, scrivo un'analisi di essi io riferendomi agli influssi nietzscheani e poi mi dici che te ne pare smile.gif
Così abbiamo più materiale e posso dare anche io un contributo alla discussione.
  Forum: Nietzsche Pensiero · Anteprima Messaggio: #8179 · Risposte: 8 · Visite: 20,407

Kuoros Inviato il: Jun 10 2009, 10:39 PM


Member
**

Gruppo: Members
Messaggi: 24
Iscritto il: 4-June 09
Utente Nr.: 14,668


CITAZIONE(Sgubonius @ Jun 10 2009, 12:16 PM) *
I ditirambi di dioniso sono notevolissimo, c'è tanto ovviamente di dionisiaco bisogna scavare bene sono miniere d'oro. L'unico problema è riuscire a dare una unità al tutto per evitare di fare trattazioni separate. Mi piace molto la scelta di campana coi suoi canti orfici (straordinari e direi molto affini a certi temi dionisiaci, con qualcosa anche della crudeltà che da baudelaire e lautreamont passa fino al novecento di artaud o bacon), mentre non conosco affatto Rebora! Probabilmente comunque ti conviene tirare via un po' di argomenti per snellire (rilke per esempio se non fai tedesco), io ricordo che ebbi il problema poi di avere troppe cose da dire in poco tempo dovendo andare come un treno senza approfondire nulla.

Approfondire sarà difficile, penso che mi limiterò più che altro a esporre i temi principali e a fare collegamenti, anche con autori e opere non trattati nella mia tesina, che dovrebbero essere ciò che frutta il maggior numero di centesimi (qui sono molto utilitarista, ma occorre tener conto anche di questo).
In ogni caso tutti questi libri devo ancora leggerli, quindi sono ancora in fase di progettazione. Sono un po' indietro, ma conto di farcela smile.gif
Sui ditirambi a Dioniso avrò bisogno del tuo aiuto, è un testo poco conosciuto e non so quanto troverò in giro.
Rebora me l'ha consigliato il mio professore di latino, secondo il quale, insieme a Campana, è uno dei maggiori autori dell'orfismo. Io personalmente non lo conosco, dovrò approfondire smile.gif


CITAZIONE
Credo che potresti tentare di strutturarlo proprio in modo un po' chiasmico fra apollineo e dionisiaco (seneca per esempio di dionisiaco ha poco alla fine, immagino che anche sull'ira alla fine faccia prevalere la calma no?) cercando quell'equilibrio di cui nietzsche parla nella nascita della tragedia fra forma raffinata e brutale ispirazione poetica.
Il tema principale vorrei che fosse il dionisiaco, naturalmente però alcuni collegamenti all'apollineo saranno necessari, a cominciare dalla nascita della tragedia greca. In fondo anche l'orfismo non è altro che una mediazione tra apollineo e dionisiaco, il quale muta la visione estatica dionisiaca nella visione statica orfica.




CITAZIONE
Quindi per la storia dell'arte io mi sentirei di consigliarti Bacon (magari leggendo il saggio di Deleuze che è sempre un mio pallino!) perchè in lui si vede proprio tutta la problematica dell'energia dionisiaca che sprigiona dalle forme (questi corpi che si deformano, con flussi di carne e ghigni orrendi sull'abisso) e che libera le forze preindividuali, però anche la Danza di Matisse mi sembra molto appropriato, anche se non puoi fare un discorso sull'intera opera dell'artista ma solo su un quadro poi.

Turner eliminato, di arte porterò Bacon e qualche accenno alla danza di Matisse.
Il saggio di Deleuze che mi consigli qual'è? La logica del senso?


CITAZIONE
Resta un po' difficile buttare dentro Seneca secondo me! tongue.gif

In effetti latino si potrebbe anche togliere.
  Forum: Nietzsche spazio libero · Anteprima Messaggio: #8178 · Risposte: 7 · Visite: 10,492

Kuoros Inviato il: Jun 9 2009, 09:17 PM


Member
**

Gruppo: Members
Messaggi: 24
Iscritto il: 4-June 09
Utente Nr.: 14,668


Oggi ho posto le basi per la tesina, seppur sia in ritardo ho intenzione di fare un lavoro approfondito e medidato, e per questo ho già ordinato una ventina di libri che devo leggere entro il 24 Giugno, giorno in cui devo presentare la mappa della tesina (in realtà per leggere i libri ho tempo fino almeno fino al 2 Luglio, giorno in cui iniziano gli orali, ma la tesina vorrei terminarla prima).
Ho ancora qualche perplessità riguardo ad arte e al titolo, che forse è poco provocante e potrebbe non suscitare molto interesse.
In ogni caso tutto naturalmente è modificabile, questa è solamente una bozza.
Per questo vorrei sapere cosa ne pensi, ed eventualmente se sai consigliarmi qualcosa smile.gif

Titolo: Dioniso e il dionisiaco
Filosofia: Nietzsche (La nascita della tragedia, Ditirambi di Dioniso - solo accennati, dato che di dionisiaco a quanto pare non c'è molto -, i biglietti della follia)
Greco: Euripide (Le Baccanti), Nonno di Panopoli (Le dionisiache)
Latino: Seneca (alcuni passi del De Ira, in particolar modo sulla potenza dell'ira e dell'irrazionalità)
Letteratura italiana (e non): Una mediazione tra apollineo e dionisiaco: l'orfismo
Rainer Maria Rilke (Sonetti ad Orfeo)
Dino Campana (Canti orfici)
Clemente Rebora (? Devo ancora approfondire)
Inglese: Il dionisiaco in James Joyce (e qui ho bisogno del tuo aiuto tongue.gif)

Poi c'è il dilemma arte.
Dovrei portare qualche autore o qualche opera d'arte dell'Ottocento o del Novecento.
Alcune ipotesi:
- La danza di Matisse (io ci vedo molto di dionisiaco)
- Turner (l'uomo che supera i limiti, essendo l'unico che riesce a dipingere non ciò che è oggettivo, ma le impressioni. Da qui in poi nasce l'impressionismo)
- Francis Bacon? (non lo conosco, dovrei prima leggere qualcosa. Anche qui, se hai qualche libro da consigliarmi... smile.gif)
Altro?
- I futuristi e il loro dire di sì alla vita? Mah...

Il mio autore preferito del 900 è De Chirico, ma con il dionisiaco c'entra ben poco... Anche se ci sono molti influssi Nietzscheani.
  Forum: Nietzsche spazio libero · Anteprima Messaggio: #8174 · Risposte: 7 · Visite: 10,492

Kuoros Inviato il: Jun 9 2009, 09:02 PM


Member
**

Gruppo: Members
Messaggi: 24
Iscritto il: 4-June 09
Utente Nr.: 14,668


CITAZIONE(Sgubonius @ Jun 8 2009, 09:59 PM) *
Magari adesso ci penso un attimo e vediamo cosa possiamo fare, cercando proprio di partire dai problemi in sè che non richiedono "preparazione" (che sugli stoici non ho nemmeno io) ma solo la passione del pensare i problemi stessi wink.gif

Se riesciussi a fare una scatella sarebbe fantastico smile.gif
Io purtroppo non sono in grado di condurre una discussione in modo ordinato, le mie conoscenze sono infinitamente minori delle tue e riesco a seguire e a proporre qualche idea solamente facendo collegamenti e senza il necessario rigore logico.
In ogni caso già così stanno venendo fuori un sacco di cose interessanti, grazie mille per l'aiuto smile.gif
Mi sto appuntando tutto, al termine degli esami mi metterò a leggere assiduamente tutti i testi che hai citato.
Già alcuni li sto leggendo in vista dell'esame, ma dopo avrò sicuramente più tempo per derdicarmi meglio a questo argomento che mi affascina così tanto.



CITAZIONE
Per Joyce invece la cosa è molto più "delicata", e non escludo che sia una mia fissazione o sovrainterpretazione. C'è però proprio nella pagina finale del monologo della moglie in Ulisse una ripetizione ossessiva della parola "Yes", qui mi permetto una divagazione tanto siamo in libertà!
Joyce scrisse ad un amico questo: "The last word (human, all too human) is left to Penelope." con un chiaro riferimento al troppo umano di nietzsche, dopo dice che la parola "Yes" è "the female word" che indica "acquiescence and the end of all resistance". Insomma io credo che ci sia nell'odissea moderna di Bloom un nostos (ritorno a casa) possibile solo attraverso questo amor fati dell'acquiescenza espresso dalla moglie. Fra l'altro il tema "nuziale" è tipico dell'eterno ritorno nietzschiano come anello è quindi come fede (nuziale). Amor fati ed eterno ritorno sono concatenati inevitabilmente, l'uno sostiene l'altro. L'eterno ritorno è infatti l'essenza di Finnegan's Wake che addirittura per rinforzare questa idea (oltre che citare in continuazione Vico, filosofo dei ricorsi) inizia nel mezzo di una frase che è la stessa che chiude il libro (creando un racconto ciclico insomma dove inizio e fine si continuano e incatenano a chiudere l'anello). Poi anche nello stile (avevo accennato nell'altro topic) Joyce è proprio il modello di sintassi dionisiaca, di esplosione dei punti di vista, di proliferazione della differenza semantica, eccetera!

Ottimo, Joyce interpretato mediante Nietzsche mi mancava. Direi che la base da cui è partire è ottima.
Penso che lo porterò all'esame (vedi topic sulla tesina riguardo al dionisiaco), perciò vorrei chiederti se vi è altro che potresti aggiungere riguardo l'Ulisse di Joyce e il dionisiaco, e se nel caso sapresti consigliarmi qualche lettura di qualche critico in merito.
La tua proposta in ogni caso mi sembra a dir poco ottima, avrò molto su cui lavorare smile.gif
  Forum: Nietzsche Pensiero · Anteprima Messaggio: #8173 · Risposte: 8 · Visite: 20,407

Kuoros Inviato il: Jun 8 2009, 05:04 PM


Member
**

Gruppo: Members
Messaggi: 24
Iscritto il: 4-June 09
Utente Nr.: 14,668


CITAZIONE(Sgubonius @ Jun 8 2009, 01:45 AM) *
Insomma è davvero un discorso complesso, che io sono sempre felicissimo di affrontare, però si rischia di perdersi, per cui bisognerebbe andare per gradi e per domande precise che ti invito a proporre per discuterne.

Sai qual'è il problema? Che io faccio fatica a formulare domande precise e a procedere per gradi, probabilmente perché, pur essendo molto interessato all'argomento, non sono così preparato. Insomma, non saprei proprio da che parte iniziare.
Sono già emersi spunti molto interessanti, ciò che sarebbe utile sarebbe stilare una lista di punti in comune e una lista di differenze, cosa che in parte, forse in maniera poco sistematica, abbiamo già fatto.
Per il resto sono interessatissimo sull'argomento e leggo con piacere tutto ciò che scrivi, ma non saprei da dove iniziare per costruire un discorso lineare e sistematico.
Insomma, io leggo stravolentieri tutto ciò che riguarda tale argomento. Se magari puoi stilare tu una scaletta sui punti che ritieni più importanti smile.gif


CITAZIONE
Per libri e opere d'arte non saprei, ce n'è tante senza dubbio a partire da Marc'aurelio fino a James Joyce (anche se in modo molto molto particolare!).
James Joyce? Sono molto curioso: in quali opere vedi la tematica dell'amor fati in James Joyce? Ti puoi spiegare meglio? Sono molto interessato smile.gif


CITAZIONE
Sicuramente ritrovi l'Amor fati in un poeta influenzato da nietzsche come Rilke o in molta letteratura (mi viene in mente Siddharta di Hesse ma c'è anche di meglio), se poi allarghi alla provvidenza in genere c'è tutta l'apologetica da San Paolo a Sant'agostino a Pascal a Manzoni.

Elegie Duinesi o altro?
Puoi farmi anche altri esempi di letteratura? Io mi appunto tutto e appena termina l'esame comincio a darci dentro con le letture smile.gif
  Forum: Nietzsche Pensiero · Anteprima Messaggio: #8170 · Risposte: 8 · Visite: 20,407

Kuoros Inviato il: Jun 7 2009, 09:29 PM


Member
**

Gruppo: Members
Messaggi: 24
Iscritto il: 4-June 09
Utente Nr.: 14,668


In questi giorni sto preparando la tesina da portare all'esame di maturità (liceo classico).
Ho pensato di trattare come argomento "Dioniso", partendo dal concetto nietzscheano di dionisiaco (la nascita della tragedia).
La tesina dovrebbe riguardare come minimo quattro materie.
Due le ho già pronte:
- Filosofia: Nietzsche e il dionisiaco
- Greco: Le baccanti di Euripide e le Dionisiache di Nonno di Panopoli

Pensavo di scegliere, come altre materie, due tra Arte, Inglese e Latino, tuttavia ho qualche perplessità sugli autori da scegliere in tali materie.
Le domande che vi pongo sono quindi le seguenti:
1. Delle materie sopra citate, sapreste indicarmi qualche autore che ha trattato lo spirito dionisiaco o qualche argomento che ha come tema principale dioniso e il dionisiaco?
2. Sapreste consigliarmi qualche libro su Dioniso e il dionisiaco, affinché possa approfondire tale argomento?
Avrò ripetuto dioniso e il dionisiaco una cinquantina di volte in 5 righe, ma in questo caso non si possono utilizzare sinonimi smile.gif
  Forum: Nietzsche spazio libero · Anteprima Messaggio: #8166 · Risposte: 7 · Visite: 10,492

Kuoros Inviato il: Jun 7 2009, 09:21 PM


Member
**

Gruppo: Members
Messaggi: 24
Iscritto il: 4-June 09
Utente Nr.: 14,668


Grazie mille, la tua risposta è stata esaustiva.
Io penso che il tema dell'amor fati sia molto interessante e meriterebbe d'essere approfondito. Eppure su internet c'è poco, anzi nulla, e libri su tale argomento non ne ho ancora trovati.
A me in particolar modo viene in mente la frase di Seneca "Quid est boni viri? Praebere se fato" ("Cos'è proprio dell'uomo buono? - ma si potrebbe tradurre anche come uomo saggio, o come uomo ideale - Offrirsi al fato"). Quando l'ho letta mi è sembrato di leggere Nietzsche.
In particolar modo il De Provvidentia è forse il testo più intriso di Amor Fati.
Tuttavia in Seneca vi è il concetto della provvidenza, quindi un concetto religioso tendente all'apollineo, mentre Nietzsche è ateo e si affida a un fato dionisiaco.
Certo è che tuttavia vi sono molti punti in comune: Seneca vede tutto ciò che è considerato come un male dagli uomini come un bene, poiché dà l'opportunità all'uomo saggio di superare una sfida. (Ignisi aurum probat, miseria fortes viros - il fuoco mette alla prova l'oro, la sofferenza gli uomini forti)
Vi è un frase bellissima di Seneca, in cui l'autore arriva a fare un elogio dell'uomo saggio che lo eleva al di sopra degli dei: "ille extra patientiam malarum est, vos supra patientiam" (egli - dio - è fuori dalla sofferenza dei mali, voi - uomini saggi - siete sopra")
Insomma, il discorso secondo me è molto interessante e andrebbe approfondito.
Purtroppo della scuola stoica greca ho letto poco, l'autore che conosco meglio è Seneca, che è latino e quindi posteriore.
Volevo chiederti: vi sono altri autori che hanno ripreso il concetto di amor fati? E libri che parlano di tale argomento, zero?
Vorrei approfondire smile.gif
  Forum: Nietzsche Pensiero · Anteprima Messaggio: #8165 · Risposte: 8 · Visite: 20,407

Kuoros Inviato il: Jun 7 2009, 09:05 PM


Member
**

Gruppo: Members
Messaggi: 24
Iscritto il: 4-June 09
Utente Nr.: 14,668


Ho letto alcune discussioni nel forum e devo farvi i complimenti.
Le cose che scrivete vanno oltre a tutto ciò che si studia a scuola, alla filosofia che ho sempre studiato.
Vi sono messaggi di una profondità e di una difficoltà tale che sono stato costretto a leggerli più di due volte per capirne il contenuto. Tutto ciò è sublime.
Io sono lo studente migliore di filosofia di tutto il mio liceo (circa 800 persone) ma in confronto a voi sono nulla. Lo zero assoluto...
Pensavo di volare, e invece mi sono accorto che sto strisciando.
Grazie a tutti, questo forum è semplicemente splendido.
Ciao

Kouros
  Forum: Area libera generale · Anteprima Messaggio: #8164 · Risposte: 18 · Visite: 14,758

Kuoros Inviato il: Jun 5 2009, 09:32 PM


Member
**

Gruppo: Members
Messaggi: 24
Iscritto il: 4-June 09
Utente Nr.: 14,668


Per cominciare mi presento.
Mi chiamo Alessandro e sono all'ultimo anno di Liceo classico.
Quest'anno ho studiato due autori che mi hanno interessato particolarmente, Seneca e Nietzsche, e che in parte ho approfondito anche al di là dell'aspetto scolastico, come mi piace fare per i pensatori che trovo affascinanti.
Un concetto presente in entrambi i filosofi, che mi ha molto colpito, è quello dell'amor fati.
Tuttavia, pur trovandolo estremamente affascinante, non mi è ancora del tutto chiaro.
Vorrei dunque chiedervi: quale sono le analogie e le differenze tra l' amor fati Nietzscheano e quello Senecano? Dove differiscono?
E se, nel caso, avreste qualche libro da consigliarmi in merito (proprio sull'amor fati) wink.gif
Inoltre, mi chiedevo se qualche artista (pittore, musicista, ecc) o qualche altro pensatore (filosofo o letterato che sia) abbia mai ripreso questo concetto.
Sono stato fin troppo prolisso, meglio che la pianto qui con le domande smile.gif
Grazie in anticipo
Ciao

Kouros
  Forum: Nietzsche Pensiero · Anteprima Messaggio: #8162 · Risposte: 8 · Visite: 20,407


New Posts  Nuove risposte
No New Posts  No Nuove risposte
Hot topic  Calda (Nuove risposte)
No new  Calda (No Nuove risposte)
Poll  Nuovi Voti
No new votes  No Nuovi Voti
Closed  Disc. Chiusa
Moved  Disc. Spostata
 

Versione Lo-Fi Oggi è il: 24th February 2020 - 05:33 PM