IPB

Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )

 
Reply to this topicStart new topic
> Félix Guattari ospite di Gilles Deleuze a Vincennes, Parigi, 1975 Rai tre
andreademilio
messagio Sep 12 2008, 11:53 PM
Messaggio #1


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 1,113
Iscritto il: 20-March 07
Da: Pescara, dove sono nato
Utente Nr.: 6



http://www.youtube.com/watch?v=n9Uo5uTksdQ...feature=related

Società territorializzata: tra i soggetti c'è intrigo semiotico, danza di parole, mimica, gesti, rituali , sessualità, amore, ecc
società de-territorializzata: il soggetto, tradotto in termini normalizzati dal sistema di controllo informatico, cerca un tratto di viseità, un viso in cui riconoscersi, un buco nero intorno a cui far ripartire la danza semiotica. Cerca una superficie di ridondanza per non esplodere, un ombelico per l'albero dei suoi sogni. Quando nel 1992 muore Félix, Gilles dichiara che gli hanno staccato un fratello siamese. Tre anni dopo si getta dalla finestra e rimane per ore sul marciapiede scambiato per un barbone. Continuo ad essere affascinato dal clima di libertà, di anarchia che si respira nell'aula ( davvero nutriente, alere...) di Deleuze. In questi giorni mi sto traferendo alla Sapienza di Roma per finire la specialistica in filosofia: cercherò di creare un bel clima.
Questo è quanto mi sembra d'aver capito ad una prima visione.

Guardando l'energia di Félix Guattari mi è venuto in mente il nostro Joseph de Silentio, ed ho pensato:'' Ma perché Joseph ci nega il suo viso? Non sarebbe meglio diventari tutti insieme superficie di ridondanza?''
Buona notte


--------------------
'' i pensieri sono azioni '' : facciamo insieme! filAsofia meAfisica fisiofilia 3332725782
Go to the top of the page
 
+Quote Post

Reply to this topicStart new topic
2 utenti stanno leggendo questa discussione (2 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

Modalità di visualizzazione: Normale · Passa a: Lineare · Passa a: Outline


Versione Lo-Fi Oggi è il: 20th August 2019 - 12:20 AM