IPB

Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )

7 Pagine V   1 2 3 > »   
Reply to this topicStart new topic
> come si vive "alla Nietzsche" scondo nemo (su suggerimento di irenish)
nemo
messagio May 31 2008, 09:43 PM
Messaggio #1





Guests






Allora:

la prima cosa che ho imparato dal baffone:
è il riconoscimento di me stesso
come ente
su di un piano esclusivamente personale
come dire:
io so chi sono; mi riconosco, ho la consapevolezza di me!

Poi...
come mi rapporto con l'esterno a me?

secondo canoni stabiliti
oppure decido io la misura?

che rapporto ho con l'esterno?

mi è compatibile?

io vengo prima di tutto?

o no?

spero stimoli qualcuno...
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Sgubonius
messagio Jun 1 2008, 12:11 AM
Messaggio #2


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 754
Iscritto il: 15-May 08
Utente Nr.: 2,728



Certo che stimoli, ti aspettavo al varco!
Tutto ciò che dici qui è giusto, e lo condivido, ma ti lancio una sfida io: perchè non superare anche - te stesso?

Per completare la domanda, tu raggiungi pienamente la posizione del leone, e sfidi il tu devi, il grande drago degli antichi valori, ma non sei pienamente bambino. Certo sei pronto a scrivere nuove tavole di legge, ma riesci a rispondere a questo:

"Innocenza è il fanciullo e oblio, un nuovo inizio, un giuoco, una ruota ruotante da sola, un primo moto, un sacro dire di sì.
Sì, per il giuoco della creazione, fratelli, occorre un sacro dire di sì: ora lo spirito vuole la "sua" volontà, il perduto per il mondo conquista per sé il "suo" mondo."

Sei innocenza è oblio?
Le tue leggi sono un gioco eterno, un sacro dire di sì per l'eterno gioco della creazione?
Per la "tua" volontà e per conquistare il "tuo" mondo, ti sei prima perso per il mondo?
Ovviamente posso farmi un idea molto parziale di te basata solo su ciò che scrivi, ma credo che questo sia il punto debole della tuo Nietzsche: spesso ti ho visto reagire, opporti al mondo, dire di no. Manca in te l'amore totale per l'innocenza (senza alcun giudizio quindi di bene e male) del divenire, l'accettazione continua di questa vita senza fondamento, del pericolo dell'acrobata. Per fare questo devi perderti nel mondo come soggetto, superare le tue trascendenze kantiane e il tuo storicismo finalistico hegeliano.
Questo non significa che sbagli per forza, ma semplicemente che ti discosti dal maestro, e mi piacerebbe sapere in cosa pensi che l'etica nietzschiana sia incompleta, visto che riesci a superarla.


--------------------
"Innocenza è il fanciullo e oblio, un nuovo inizio, un giuoco, una ruota ruotante da sola, un primo moto, un sacro dire di sì"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
lou
messagio Jun 1 2008, 12:45 PM
Messaggio #3


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 1,239
Iscritto il: 12-July 07
Utente Nr.: 219



CITAZIONE(Sgubonius @ Jun 1 2008, 01:11 AM) *
Manca in te l'amore totale per l'innocenza (senza alcun giudizio quindi di bene e male) del divenire, l'accettazione continua di questa vita senza fondamento, del pericolo dell'acrobata.


Sgubonius prova a leggere il Topic di Nemo dell'ottobre scorso - Area libera generale:
L'aquila

Non so ancora se Nemo sia un acrobata dell'etica o dell'intelletto
certo lo è nella realtà:
ha visto negli occhi un'aquila
Penso fosse quella di Zarathustra.


--------------------
"Osa tutto...non avere bisogno di niente"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Sgubonius
messagio Jun 1 2008, 01:16 PM
Messaggio #4


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 754
Iscritto il: 15-May 08
Utente Nr.: 2,728



CITAZIONE(lou @ Jun 1 2008, 01:45 PM) *
Sgubonius prova a leggere il Topic di Nemo dell'ottobre scorso - Area libera generale:
L'aquila

Non so ancora se Nemo sia un acrobata dell'etica o dell'intelletto
certo lo è nella realtà:
ha visto negli occhi un'aquila
Penso fosse quella di Zarathustra.


Certo l'orgoglio (aquila) non gli manca, ma forse manca il serpente allora...
e perchè cercare un porto allora, come dice nella risposta alla poesia Itaca?


--------------------
"Innocenza è il fanciullo e oblio, un nuovo inizio, un giuoco, una ruota ruotante da sola, un primo moto, un sacro dire di sì"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
lou
messagio Jun 1 2008, 03:41 PM
Messaggio #5


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 1,239
Iscritto il: 12-July 07
Utente Nr.: 219



forse cerca solo un nido, per trovare ristoro, per riprendere il volo...

si, forse hai ragione: gli manca il serpente, non ha ancora affinato l'astuzia, la logica astuta...
ma anche i bambini hanno di questo disarmo...


Quando Zarathustra ebbe detto questo, pensò alle parole del santo nella foresta, sospirò e parlò così al suo cuore:
"Potessi essere più astuto! Potessi essere interamente astuto, come il mio serpente!
Ma io voglio l'impossibile: e prego il mio orgoglio di andare sempre d'accordo con la mia astuzia!
E se un giorno mi abbandonerà l'astuzia - ahimè, essa ama volar via! -
che il mio orgoglio possa ancora volare insieme con la mia follia!"
Così cominciò la discesa di Zarathustra.


--------------------
"Osa tutto...non avere bisogno di niente"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
nemo
messagio Jun 1 2008, 09:09 PM
Messaggio #6





Guests






CITAZIONE(Sgubonius @ Jun 1 2008, 01:11 AM) *
Certo che stimoli, ti aspettavo al varco!
Tutto ciò che dici qui è giusto, e lo condivido, ma ti lancio una sfida io: perchè non superare anche - te stesso?


Mi sono già superato!
da quando ho abbandonato me stesso; tanto tempo fa...
mi sono separato e ho lasciato il "me vero" fluire
non è stato facile ed è una lotta che continua!


CITAZIONE
Per completare la domanda, tu raggiungi pienamente la posizione del leone, e sfidi il tu devi, il grande drago degli antichi valori, ma non sei pienamente bambino. Certo sei pronto a scrivere nuove tavole di legge, ma riesci a rispondere a questo:
"Innocenza è il fanciullo e oblio, un nuovo inizio, un giuoco, una ruota ruotante da sola, un primo moto, un sacro dire di sì.
Sì, per il giuoco della creazione, fratelli, occorre un sacro dire di sì: ora lo spirito vuole la "sua" volontà, il perduto per il mondo conquista per sé il "suo" mondo."
Amo ricordare di essermi "lasciato vivere" dalla vita
di non averla mai forzata, nè tantomeno, violentata
il mio, in realtà, è un continuo dire di si
accettazione totale del divenire!

CITAZIONE
Sei innocenza è oblio?
Le tue leggi sono un gioco eterno, un sacro dire di sì per l'eterno gioco della creazione?
Per la "tua" volontà e per conquistare il "tuo" mondo, ti sei prima perso per il mondo?
Ovviamente posso farmi un idea molto parziale di te basata solo su ciò che scrivi, ma credo che questo sia il punto debole della tuo Nietzsche: spesso ti ho visto reagire, opporti al mondo, dire di no. Manca in te l'amore totale per l'innocenza (senza alcun giudizio quindi di bene e male) del divenire, l'accettazione continua di questa vita senza fondamento, del pericolo dell'acrobata. Per fare questo devi perderti nel mondo come soggetto, superare le tue trascendenze kantiane e il tuo storicismo finalistico hegeliano.


Non amo il termine "creazione"
ma capisco cosa vuoi dire
l'ho già espresso prima:
prendo quello che la vita mi presenta e cerco di adattarlo a ciò che sono
ma, "sono"! e per questo reagisco
posso mai abdicare a me stesso?
alle cellule che mi caratterizzano
alla mia storia al mio io?


CITAZIONE
Questo non significa che sbagli per forza, ma semplicemente che ti discosti dal maestro, e mi piacerebbe sapere in cosa pensi che l'etica nietzschiana sia incompleta, visto che riesci a superarla.


La supero per il semplice fatto che è la sua
legata a lui uomo
alla sua storia

io sono io

prendo ciò che del suo pensiero si amalgama con me
ed è molto...

il maestro è grande
ma l'allievo ha imparato
e ora...

cammina con le sue gambe!
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Sgubonius
messagio Jun 1 2008, 09:28 PM
Messaggio #7


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 754
Iscritto il: 15-May 08
Utente Nr.: 2,728



CITAZIONE(nemo @ Jun 1 2008, 10:09 PM) *
Mi sono già superato!
da quando ho abbandonato me stesso; tanto tempo fa...
mi sono separato e ho lasciato il "me vero" fluire
non è stato facile ed è una lotta che continua!
Amo ricordare di essermi "lasciato vivere" dalla vita
di non averla mai forzata, nè tantomeno, violentata
il mio, in realtà, è un continuo dire di si
accettazione totale del divenire!


Allora come spieghi questo:

CITAZIONE(nemo @ Apr 14 2008, 09:11 PM) *
A COLORO CHE HANNO VOTATO IL NANO MAFIOSO:

AVETE CONSEGNATO IL PAESE IN MANO A bossi

E AGLI PSICOPATICI LEGHISTI

BRAVI COMPLIMENTI

ANDATE A FARE IN CULO!!!


Perchè non accetti il divenire di un governo guidato da berlusconi, al di là di quanto deleterio esso possa essere?


--------------------
"Innocenza è il fanciullo e oblio, un nuovo inizio, un giuoco, una ruota ruotante da sola, un primo moto, un sacro dire di sì"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Sgubonius
messagio Jun 1 2008, 09:32 PM
Messaggio #8


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 754
Iscritto il: 15-May 08
Utente Nr.: 2,728



CITAZIONE(lou @ Jun 1 2008, 04:41 PM) *
forse cerca solo un nido, per trovare ristoro, per riprendere il volo...


Da questo mi sembra di capire che non gli dispiacerebbe un sedimentarsi eterno... (purtroppo devo attaccarmi al poco che posso avere di te nemo, cioè ciò che scrivi, chiaramente sei molto altro ma da qui mi risulta solo questo, e in questo trovo delle incongruenze)

CITAZIONE(nemo @ May 31 2008, 11:18 PM) *
o forse fermarci
dove sentiamo il profumo
quel profumo...
di terra
di casa
di carezze
lunghe
infinite...


--------------------
"Innocenza è il fanciullo e oblio, un nuovo inizio, un giuoco, una ruota ruotante da sola, un primo moto, un sacro dire di sì"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
nemo
messagio Jun 1 2008, 09:35 PM
Messaggio #9





Guests






CITAZIONE(Sgubonius @ Jun 1 2008, 10:28 PM) *
Allora come spieghi questo:
Perchè non accetti il divenire di un governo guidato da berlusconi, al di là di quanto deleterio esso possa essere?


Perchè posso essere tutto fuorchè perfetto...

la rabbia (soprattutto contro la stupidità umana) ancora mi acceca

lo so, e non mi piace di me
ma è la mia natura.
Go to the top of the page
 
+Quote Post
nemo
messagio Jun 1 2008, 09:39 PM
Messaggio #10





Guests






CITAZIONE(Sgubonius @ Jun 1 2008, 10:32 PM) *
Da questo mi sembra di capire che non gli dispiacerebbe un sedimentarsi eterno... (purtroppo devo attaccarmi al poco che posso avere di te nemo, cioè ciò che scrivi, chiaramente sei molto altro ma da qui mi risulta solo questo, e in questo trovo delle incongruenze)


Leggi il mio topic "il viaggio" in area libera generale

forse, ti può far capire...
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Sgubonius
messagio Jun 1 2008, 10:15 PM
Messaggio #11


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 754
Iscritto il: 15-May 08
Utente Nr.: 2,728



Allora vedi che non siamo tanto distanti... purtroppo la perfezione del superuomo è un lontano traguardo.

Ti faccio allora un ultima domanda... visto che praticamente tutto ciò che hai scritto finora smentisce le tue ultime asserzioni.
Come pensi che possa influire il tempo che uno ha già passato su questa terra nel capire e seguire il sacro dire di sì?

Per essere innocenza e oblio bisogna vivere ogni istante senza considerarlo come attimo fra passato e futuro, ma come eternamente ritornante divenire: non c'è spazio per una crescita dell'individuo attraverso l'esperienza (dialettica hegeliana col mondo), non c'è spazio per un viaggio romanticamente "di formazione" e di scoperta dell'altro da sè, non c'è spazio per un desiderio del soggetto di essere la freccia lanciata verso il bersaglio.


--------------------
"Innocenza è il fanciullo e oblio, un nuovo inizio, un giuoco, una ruota ruotante da sola, un primo moto, un sacro dire di sì"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
nemo
messagio Jun 1 2008, 10:19 PM
Messaggio #12





Guests






CITAZIONE(Sgubonius @ Jun 1 2008, 11:15 PM) *
Allora vedi che non siamo tanto distanti... purtroppo la perfezione del superuomo è un lontano traguardo.

Ti faccio allora un ultima domanda... visto che praticamente tutto ciò che hai scritto finora smentisce le tue ultime asserzioni.
Come pensi che possa influire il tempo che uno ha già passato su questa terra nel capire e seguire il sacro dire di sì?

Per essere innocenza e oblio bisogna vivere ogni istante senza considerarlo come attimo fra passato e futuro, ma come eternamente ritornante divenire: non c'è spazio per una crescita dell'individuo attraverso l'esperienza (dialettica hegeliana col mondo), non c'è spazio per un viaggio romanticamente "di formazione" e di scoperta dell'altro da sè, non c'è spazio per un desiderio del soggetto di essere la freccia lanciata verso il bersaglio.


domani...rispondo domani!
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Sgubonius
messagio Jun 1 2008, 10:30 PM
Messaggio #13


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 754
Iscritto il: 15-May 08
Utente Nr.: 2,728



CITAZIONE(nemo @ Jun 1 2008, 11:19 PM) *
domani...rispondo domani!


Tanto... lo hai già scritto infinite volte prima wink.gif


--------------------
"Innocenza è il fanciullo e oblio, un nuovo inizio, un giuoco, una ruota ruotante da sola, un primo moto, un sacro dire di sì"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Luigi
messagio Jun 2 2008, 01:22 PM
Messaggio #14


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 68
Iscritto il: 12-May 07
Utente Nr.: 95



Sgubonius, secondo me il discorso sul sapere tollerare il divenire del governo Berlusconi si ricollega al fatto che -sempre secondo me- Nietzsche su questo punto aveva cannato in pieno..nel senso che adesso non è che dobbiamo rimproverarci la mancanza della perfezione del superuomo,o la totale assenza di risentimento e l'accettazione del divenire innocente delle cosa, se ci incazziamo con certe cose deleterie tipo il fatto che Berlusconi sia al potere.o molte altre cose schifose di questo mondo....io mi ritengo aperto e tollerante ma se vedo che una cosa che supera i limiti dell'accettabile non la accetto..perchè secondo me c'è un limite a tutto..anche alla morale..e questo penso sia comune a tutti gli esseri umani...l'incazzatura ed il risentimento sono connaturati nell'uomo ( ed anche in Nietzsche).
Go to the top of the page
 
+Quote Post
nemo
messagio Jun 2 2008, 01:35 PM
Messaggio #15





Guests






CITAZIONE(Sgubonius @ Jun 1 2008, 11:30 PM) *
Tanto... lo hai già scritto infinite volte prima wink.gif


Tu pensi veramente che il superuomo di Nietzche, sia la perfezione?

credi sul serio che un uomo possa cambiare la sua natura fino ad essere qualcos'altro?

io penso che nemmeno lui lo volesse...

e di certo non lo era!

E poi... pensa all'ascetismo o alla clausura; vite forzate; natura forzata!

L'uomo è quello che è, ma questo non lo esime dal tendere al meglio

La perfezione (lo sai anche tu) è puramente teorica.

Ciò che ho fatto fin'ora (dacchè conosco il baffone) e provare ad essere "superuomo"

ma nelle mie vesti di uomo!

con le mie piccolezze e qualche grandezza, che cerco di limare e lavorare.

Ecco che: è un tendere al superuomo, per migliorare, giorno per giorno...
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Sgubonius
messagio Jun 2 2008, 01:50 PM
Messaggio #16


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 754
Iscritto il: 15-May 08
Utente Nr.: 2,728



CITAZIONE(Luigi @ Jun 2 2008, 02:22 PM) *
l'incazzatura ed il risentimento sono connaturati nell'uomo ( ed anche in Nietzsche).


All'uomo, ma non al superuomo. Dovresti cercare di ridurle al massimo. Nietzsche non crede in un cambiamento in meglio, quindi perchè alterarsi? Il mondo è lì indipendentemente da te, ma sei tu a creare la scala di valori, perchè non mettere in cima ad essa ciò che avviene effettivamente allora? Perchè non amare anche un governo berlusconi?

Poi magari sarà impossibile per l'uomo accettare questo carico di fatalità, ma almeno provarci, e arrivare a perdersi e ritrovarsi il più "oltre" possibile.


--------------------
"Innocenza è il fanciullo e oblio, un nuovo inizio, un giuoco, una ruota ruotante da sola, un primo moto, un sacro dire di sì"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Sgubonius
messagio Jun 2 2008, 01:58 PM
Messaggio #17


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 754
Iscritto il: 15-May 08
Utente Nr.: 2,728



CITAZIONE(nemo @ Jun 2 2008, 02:35 PM) *
Ecco che: è un tendere al superuomo, per migliorare, giorno per giorno...


Io stesso penso che ci siano limiti fisiologici (di tipo chimico quasi) ad un raggiungimento del superuomo, ma ciò non toglie che teorizzarlo è possibile. Il nostro "contrasto" stava proprio nel fatto che io ti esponevo una teoria e tu mi rispondevi che non avevo visto a sufficenza il mondo per capirne l'impossibilità (che io stesso sostengo!) senza però confutarmi la teoria, che seppur irrealizzabile è sempre una guida.

Ricordi la storia di Emerson che diceva che il grande uomo non sente la necessità di viaggiare? Tutto si enuclea lì, in teoria un superuomo ama e desidera di essere dove si trova, ma un uomo difficilmente riesce a sottovalutare così sè stesso da piegare la sua "libera" volontà al divenire. Così io ti dicevo che sento il fascino di questa idea emersoniana (che è anche nietzschiana), pur subendo il fascino anche del viaggio, tu mi hai risposto che era una sciocchezza!

Se vogliamo tendere al superuomo prima individuiamo quale sia la sua forma.


--------------------
"Innocenza è il fanciullo e oblio, un nuovo inizio, un giuoco, una ruota ruotante da sola, un primo moto, un sacro dire di sì"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
nemo
messagio Jun 2 2008, 02:14 PM
Messaggio #18





Guests






CITAZIONE(Sgubonius @ Jun 2 2008, 02:58 PM) *
Io stesso penso che ci siano limiti fisiologici (di tipo chimico quasi) ad un raggiungimento del superuomo, ma ciò non toglie che teorizzarlo è possibile. Il nostro "contrasto" stava proprio nel fatto che io ti esponevo una teoria e tu mi rispondevi che non avevo visto a sufficenza il mondo per capirne l'impossibilità (che io stesso sostengo!) senza però confutarmi la teoria, che seppur irrealizzabile è sempre una guida.

Ricordi la storia di Emerson che diceva che il grande uomo non sente la necessità di viaggiare? Tutto si enuclea lì, in teoria un superuomo ama e desidera di essere dove si trova, ma un uomo difficilmente riesce a sottovalutare così sè stesso da piegare la sua "libera" volontà al divenire. Così io ti dicevo che sento il fascino di questa idea emersoniana (che è anche nietzschiana), pur subendo il fascino anche del viaggio, tu mi hai risposto che era una sciocchezza!

Se vogliamo tendere al superuomo prima individuiamo quale sia la sua forma.


Questa si che una discussione!
il livello che piace a me: PRATICO!

credo che cominciamo a capirci...

non confuterò mai la teoria per il semplice fatto che la condivido
ma le limitazioni, i desideri e le aspettative umane, sono infinite
e sono un ostacolo insormontabile al raggiungimento del superuomo.

Che non sarebbe nemmeno giusto
l'uomo è fatto di infinite cose:
miserie e grandezze
entusiasmi e abbattimenti
amore e odio
guerra e pace
e molto, molto altro ancora

è la sua grandezza, in fondo.

ma, come dici tu: diamo una forma al superuomo possibile

facciamolo insieme, vuoi?
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Sgubonius
messagio Jun 2 2008, 03:23 PM
Messaggio #19


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 754
Iscritto il: 15-May 08
Utente Nr.: 2,728



Purtroppo la forma l'ha già data lui... c'è poco da aggiungere! laugh.gif

Rimangono solo tre vere domande da porsi per accertare la validità del modello superuomo:

- Il tempo è davvero circolare (ovvero tutto ciò che è esterno è determinato, già avvenuto, altrimenti si inserisce un meccanismo di variabilità del futuro e di responsabilità nell'agire che non permette il superuomo come innocenza e oblio ecc...)?

- E' la scelta all'interno dell'autocoscienza dell'uomo di porre valori libera (non c'è un determinismo anche nel pensiero o un Dio alle cui regole bisogna sottostare, che renderebbe il discorso perfino futile da discutere)?

- C'è un limite dell'uomo per raggiungere il superuomo? Se sì, qual'è?


--------------------
"Innocenza è il fanciullo e oblio, un nuovo inizio, un giuoco, una ruota ruotante da sola, un primo moto, un sacro dire di sì"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
nemo
messagio Jun 2 2008, 03:34 PM
Messaggio #20





Guests






CITAZIONE(Sgubonius @ Jun 2 2008, 04:23 PM) *
Purtroppo la forma l'ha già data lui... c'è poco da aggiungere! laugh.gif

Rimangono solo tre vere domande da porsi per accertare la validità del modello superuomo:

- Il tempo è davvero circolare (ovvero tutto ciò che è esterno è determinato, già avvenuto, altrimenti si inserisce un meccanismo di variabilità del futuro e di responsabilità nell'agire che non permette il superuomo come innocenza e oblio ecc...)?

- E' la scelta all'interno dell'autocoscienza dell'uomo di porre valori libera (non c'è un determinismo anche nel pensiero o un Dio alle cui regole bisogna sottostare, che renderebbe il discorso perfino futile da discutere)?

- C'è un limite dell'uomo per raggiungere il superuomo? Se sì, qual'è?


ci devo pensare con calma

questo è il nocciolo

da qui la determinazione

il si o il no...
Go to the top of the page
 
+Quote Post

7 Pagine V   1 2 3 > » 
Reply to this topicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

Modalità di visualizzazione: Normale · Passa a: Lineare · Passa a: Outline


Versione Lo-Fi Oggi è il: 23rd May 2019 - 09:05 PM