IPB

Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )

4 Pagine V   1 2 3 > » 

luk_ing Inviato il: Feb 29 2008, 10:26 PM


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 96
Iscritto il: 26-October 07
Utente Nr.: 448


Sì scar tissue dei Red Hot! Erano anni che non l'ascoltavo (praticamente dimenticata) e quando l'ho risentita..l'ho poi ascoltata diverse ore di fila..!!

Allora Wonder vincitrice!! eheh!
  Forum: Musica · Anteprima Messaggio: #4817 · Risposte: 9 · Visite: 9,306

luk_ing Inviato il: Feb 24 2008, 03:20 PM


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 96
Iscritto il: 26-October 07
Utente Nr.: 448


Posto qui alcune parole molto belle tratte dal testo di una canzone che qualche annetto fa ha fatto molto successo...per chi di voi ascolta musica non sarà difficile indovinare: Titolo e autore.

Ah, ovviamente vi chiedo un parere sulla canzone..io l'ho "riscoperta" da poco, e giuro che che mi fa venire i birvidi, soprattutto il pezzo iniziale!

Rit: "With the birds I'll share
This lonely view"

Ovviamente le parole non scelte a caso, se pensate che qualcuno ha come avatar un'aquila...

Vediamo chi indovina prima..Ah ovviamente non vale cercare su google le parole, salta fuori subito. Ma io mi fido ciecamente della vostra correttezza! eheheh!
  Forum: Musica · Anteprima Messaggio: #4760 · Risposte: 9 · Visite: 9,306

luk_ing Inviato il: Feb 24 2008, 12:51 PM


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 96
Iscritto il: 26-October 07
Utente Nr.: 448


Vorrei ringraziare sinceramente Joseph per le sue risposte direi sempre "pregnanti" e, in qualche modo, "esaurienti"; è sempre arricchente leggerti..so che in realtà non do molta soddisfazione come interlocutore perché "quantità e qualità" ma purtroppo in questo periodo non ho assolutamente tempo di postare risposte che siano perlomeno degne di quanto scritto da te..
  Forum: Nietzsche Pensiero · Anteprima Messaggio: #4757 · Risposte: 75 · Visite: 156,797

luk_ing Inviato il: Feb 8 2008, 07:17 PM


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 96
Iscritto il: 26-October 07
Utente Nr.: 448


e va bene provvederò vostro onore...chiedo alla clemenza della corte qualche giorno per cercare..perché sti avatar devono essere di piccole dimensioni, no? sennò potrei unsare una foto!
  Forum: Area libera generale · Anteprima Messaggio: #4515 · Risposte: 67 · Visite: 56,399

luk_ing Inviato il: Feb 8 2008, 02:40 PM


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 96
Iscritto il: 26-October 07
Utente Nr.: 448


Buono scambio di battute Phys e Nemo..

Ad ogni modo è mia opinione che la potenza del pensiero nicciano non stia né nel concetto di superuomo né nell'eterno ritorno, quanto più nel ruolo e il valore conferito all'ermeneutica, l'arte dell'interpretare.

Il superuomo può essere quindi molte cose (e qui ha ragione Phys, il superuomo non è "un" certo tipo di uomo che si comporta in un certo modo, altrimenti diventare superuomo sembrerebbe un percorso ascetico). Ora come dare torto a Nemo, con il quale sento di essere d'accordo? evidentemente lui ha solamente (o forse dovrei dire "addirittura"?) interpretato il superuomo a modo suo. Il che è il senso dell'insegnamento di Zarathustra, bisogna imparare a rinnegare il proprio maestro, un allievo che rimane sempre tale non è buon allievo. Ci deve essere un momento di "distacco" in cui ognuno si determina.
  Forum: Nietzsche Pensiero · Anteprima Messaggio: #4511 · Risposte: 140 · Visite: 153,571

luk_ing Inviato il: Feb 8 2008, 02:20 PM


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 96
Iscritto il: 26-October 07
Utente Nr.: 448


Beh magari sì, conta che a mangiarti pinocchio risparmi anche sugli stuzzicadenti, servizio incorporato!!
  Forum: Area libera generale · Anteprima Messaggio: #4508 · Risposte: 67 · Visite: 56,399

luk_ing Inviato il: Feb 7 2008, 12:27 PM


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 96
Iscritto il: 26-October 07
Utente Nr.: 448


mado' che fastidio..non so nemmeno più scrivere, "simpatio"...pff..che imbecille!
  Forum: Area libera generale · Anteprima Messaggio: #4496 · Risposte: 67 · Visite: 56,399

luk_ing Inviato il: Feb 7 2008, 12:26 PM


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 96
Iscritto il: 26-October 07
Utente Nr.: 448


Ammetto che da quel passaggio io, e dico solo io, non sarei stato in grado di intuire che "uomo agisce egoisticamente fino all'autodistruzione" mentre "Dio si manifesta in quei processi naturali che garantiscono il perpetrarsi della natura stessa"...ma questo dev'essere dovuto a limitate capacità di interpretazione e poca intuizione.

E poi io non chiedo assolutamente a nessuno di essere remissivo, piuttosto solo più comprensiva, il che non credo sia segno di debolezza (se non tra ragazzetti di 14 anni che giocano a chi piscia più lungo). E anzi, in realtà io non chiedo proprio niente, ognuno si comporta come meglio crede...

Già interessante, la cosa della finzione sta andando di moda...Forse c'è bisogno di finzione perchè (cito il risultato di una ricerca recente sulla questione) spesso (non sempre) l'incapacità all'orgasmo è dovuta a "retaggi di tipo culturale che agiscono inconsciamente nella psiche della donna"...Forse si finge per non mostrare questo aspetto di sé (oppure più semplicemente, per non fare sentire una merda il proprio pertrner), infatti:

"capita un giorno che ci capita addosso quello che gli altri sanno di noi, o meglio quello che credono di sapere [...] Più facilmente ci si accorda con la propria cattiva coscienza che con la propria cattiva fama" (Nietzsche - non ricordo più quale opera, se Al di la del bene e del male o La gaia scienza)

Le battute le accetto sempre volentieri e il massimo che mi permetto di fare è rispondere per le rime...

Sia detto con simpatio: sei scusata per l'accidiosità...ma sei vuoi la completa remissione del peccato pronuncia dieci "Padre Nostro" (versione rivisitata, quella in cui Dio sono io - o al limite Vasco) e mangia meno yogurt al limone...!!! ciao ciao!
  Forum: Area libera generale · Anteprima Messaggio: #4495 · Risposte: 67 · Visite: 56,399

luk_ing Inviato il: Feb 6 2008, 03:45 PM


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 96
Iscritto il: 26-October 07
Utente Nr.: 448


CITAZIONE(WonderWoman @ Feb 4 2008, 04:25 PM) *
sei sicuro che il tuo angelo non finga?in tal caso saresti un Dio ipocrita..
cmq quello che volevo dire (ho utilizzato delle immagini perchè mi è stato richiesto, dandomi della deficiente), che l'uomo agisce sempre per interessi egoistici finalizzati alla sopraffazione, dominazione e controllo dell'altro, in questo modo si autodistrugge.
Dio invece si manifesta in quei processi naturali che garantiscono il perpretrarsi della natura stessa e quindi della vita, e che ci riempiono di tanta gioia rolleyes.gif
non attribuisco a Dio nessuna caratteristica umana specie di intelletto o di padre,
per me Dio è la manifestazione di quella energia che è ben evidente appunto in natura

cmq se leggevi anche quello che avevo scritto precedentemente forse potevi intuire forse


Incredibile come non si possa non litigare con te..sei sempre di una tale accidia..comunque non è questo che voglio. Non è che se qualcuno, che non sono io, ti da della deficiente, devi poi essere innervosita pure con gli altri...

Secondo: ti ringrazio per la spiegazione, era quello che volevo: ho cercato di capire cosa volessi dire con quelle immagini, non ci sono riuscito, me l'hai spiegato. Tutto bene, no? spero solo perdonerai la mia stupidità..

Terzo: ho riletto di nuovo tutti i post che hai scritto e non ce n'è uno da cui si potesse evincere questo posizione che invece hai chiarito ottimamente adesso. Ma forse sono solo io che non ci arrivo..

Quarto: sono sicuro, si può mentire solo a orecchie che non sanno ascoltare la verità, e fingere solo davanti a occhi che non sanno vedere una recita..
  Forum: Area libera generale · Anteprima Messaggio: #4482 · Risposte: 67 · Visite: 56,399

luk_ing Inviato il: Feb 3 2008, 09:47 PM


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 96
Iscritto il: 26-October 07
Utente Nr.: 448


si..se non sbaglio è uno degli zii di Casper che pronuncia la frase "ucci ucci sento odor di cristianucci" o qualcosa di simile..no?
  Forum: Area libera generale · Anteprima Messaggio: #4436 · Risposte: 67 · Visite: 56,399

luk_ing Inviato il: Feb 3 2008, 01:11 PM


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 96
Iscritto il: 26-October 07
Utente Nr.: 448


Oh deh, qualcuno che ha visto Casper!
  Forum: Area libera generale · Anteprima Messaggio: #4430 · Risposte: 67 · Visite: 56,399

luk_ing Inviato il: Feb 2 2008, 01:21 PM


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 96
Iscritto il: 26-October 07
Utente Nr.: 448


Qualcuno mi può dire in quali opere Nietzsche parli del libero arbitrio? intendo riferimenti quanto più possibile espliciti..mi sembra di ricordare qualcosa in Al di Là del bene e del male, e nella Gaia scienza, ma non ricordo più quali aforismi...

Grazie a chiunque voglia rispondere..
  Forum: Nietzsche Opere · Anteprima Messaggio: #4414 · Risposte: 1 · Visite: 9,376

luk_ing Inviato il: Feb 2 2008, 01:18 PM


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 96
Iscritto il: 26-October 07
Utente Nr.: 448


Ah comunque io ho provato a dare un'interpretazione di qualcosa che hai detto tu, potrei essermi sbagliato, quindi se hai voglia di fare una critica un po' più circostanziata...
  Forum: Area libera generale · Anteprima Messaggio: #4413 · Risposte: 67 · Visite: 56,399

luk_ing Inviato il: Feb 2 2008, 01:16 PM


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 96
Iscritto il: 26-October 07
Utente Nr.: 448


Dovremmo quasi incontrarci, io quando faccio venire il mio angelo mi sento Dio...!
  Forum: Area libera generale · Anteprima Messaggio: #4412 · Risposte: 67 · Visite: 56,399

luk_ing Inviato il: Feb 1 2008, 01:43 AM


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 96
Iscritto il: 26-October 07
Utente Nr.: 448


Non ho il tempo stanotte di rispondere alle numerose questioni sollevate, ma ho letto che qualcuno (NIHILO forse?) ha chiesto "perché l'e.t. è il peso più grande?"..
io una risposta interessante l'ho trovata nelle primissime pagine di "L'insostenibile leggerezza dell'essere" di Kundera..
Vi invito a leggerle..ho cercato un link da postare per farvele leggere directly ma non sono riuscito..

La sua idea, molto in breve, è che se qualcosa accade una sola volta, è come non fosse mai accaduta ("Einmal ist keinmal"). Un Robespierre, dice lui, che taglia le teste ai francesi se accade una sola volta nell'eternità diventa "perdonabile", in quanto il suo mozzare teste è subito ricordo, è subito passato e viene inserito nel divenire storico come parte necessaria al suo svolgimento...

Ma se Robespierre (o Hitler) dovessero ritornare eternamente un numero infinito di volta, ecco che sarebbero molto meno "giustificabili", e costituirebbero un peso. Un macigno che grava sulle nostre teste, qualcosa che DEVE riaccadere..

Non mi sono spiegato molto bene, rinnovo il mio invito alla letture di quelle poche pagine (4 o 5), in cui Kundera esprime decisamente bene il concetto. Poi si può sempre non essere d'accordo, ma almeno lì è chiaro..

Ah, leggendo i vari post di questa discussione ho trovato interessante il paragone tra la concezione del tempo in Agostino e Nietzsche. Il primo concepisce il tempo come una "linea" che tende ad un FINE, mentre il secondo come un "cerchio" senza FINE né CAUSA. Ora a me sembra che in questo caso la concezione Nietzscheana del tempo sia più una "reazione" che un'"azione", insomma che essendogli insopportabile l'idea di un FINE egli abbia elaborato una concezione ad hoc che gli permettesse di escludere fine e causa.
Forse qui Nietzsche ha peccato di "anticonformismo" (io non lo considero anticonformista; con una metafora, se il conformismo è il verso di scorrimento dell'acqua in un fiume, l'anticonformismo consiste semplicemente nell'andare controcorrente; invece la filosofia Nietzscheana, almeno quella che conosco io, mi sembra solitamente un porsi decisamente al di la del fiume e di ogni suo scorrere..)
  Forum: Nietzsche Pensiero · Anteprima Messaggio: #4391 · Risposte: 75 · Visite: 156,797

luk_ing Inviato il: Jan 31 2008, 05:06 PM


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 96
Iscritto il: 26-October 07
Utente Nr.: 448


E.R. mi permetto solo di farti una critica: hai detto che "Antonio" ti è più simpatico quando abbassa le armi..questo è vero per tutti. Tu perché non abbassi le tue? Ora mi dirai: ma io sono aperta alle posizioni di tutti, e dici a Antonio che pensi di poter imparare da lui etc..insomma sei gentile.

Ma è questa la tua arma! Il tuo essere gentile a ogni costo, il tuo voler evitare una netta contraddizione, una netta contrapposizione. Questo è il difetto dei "buoni"...Nietzsche dice: "E' disumano benedire là dove si viene maledetti" è qui il punto..c'è un momento in cui dichiarare il proprio netto disaccordo non è "cattiveria" ma onestà!

Tu dici di poter imparare qualcosa da tutti..queste è la tua arma da deporre..ci saranno persone dalle quali tu non VUOI imparare nulla o no?alcune persone che proprio non ti vanno giù e con cui non vuoi averci a che fare?
  Forum: Area libera generale · Anteprima Messaggio: #4387 · Risposte: 50 · Visite: 35,849

luk_ing Inviato il: Jan 31 2008, 04:25 PM


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 96
Iscritto il: 26-October 07
Utente Nr.: 448


Belli i disegnini di Wonder...credo che vogliano solo sempre e ancora dire che ciò che nell'uomo è negativo, lei lo chiama "uomo" (il tipo con la pistola) ciò che invece nell'uomo è sublime (l'immagine del sesso) lei lo chiama Dio..

Dunque è come diceva Nietzsche: ciò che di buono è nell'uomo, viene battezzato "virtù" che poi viene fatta provenire da Dio e quindi con esso identificata.

Io personalmente chiamo "uomo" sia il tipo con la pistola, sia l'immagine seguente...è proprio qui il bello: che uomo è tutto, bene, male, odio e amore.
In questo senso Dio è un'ingiustizia contro l'uomo, tutto ciò che di buono abbiamo lo attribuiamo a lui...e il resto a noi.
E così via, il Paradiso-perfezione a lui, a noi la Terra-imperfezione..

"Restate fedeli alla Terra" qui ci sta proprio bene!
  Forum: Area libera generale · Anteprima Messaggio: #4383 · Risposte: 67 · Visite: 56,399

luk_ing Inviato il: Jan 25 2008, 06:01 PM


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 96
Iscritto il: 26-October 07
Utente Nr.: 448


Interessante Joseph, il sistema da te esposto per uscire dal paradosso.
Solo un dubbio: se non sbaglio il teorema di Tarski è stato enunciato dopo quello di Godel (sull'incompletezza), il quale aveva cercato di mostrare l'impossibilità dell'obbiettivo che nei Principia Matematica si erano posti Russell e Whitehead. Ora però a me sembra che la soluzione proposta da Tarski non sia troppo dissimile dalla teoria dei tipi logici che già Russell elaborò quando si trovò di fronte al cosiddetto paradosso di Epimenide (del tipo "io mento")...tu che sei sicuramente più informato, potresti fornirmi un chiarimento? Grazie.

"Tutto è relativo" è effettivamente un paradosso ma non credo che la soluzione a questo problema possa fornircela la logica...Quando io affermo che tutto è relativo ho in mente esattamente cosa voglio dire: che non esistono verità assolute. Ora "tutto è relativo" non si pone come verità lui stesso, ma come annullamento di ogni altra verità. Insomma a livello logico-formale la contraddizione sussiste sempre, ma il problema va risolto in modo "concettuale" dentro di sé. Bisogna trovare una risposta "personale" non logica. Così la penso io, insomma.
  Forum: Nietzsche spazio libero · Anteprima Messaggio: #4268 · Risposte: 12 · Visite: 8,237

luk_ing Inviato il: Jan 23 2008, 12:33 AM


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 96
Iscritto il: 26-October 07
Utente Nr.: 448


CITAZIONE(E.R. @ Jan 14 2008, 08:58 PM) *
ci provo amando.... dall'amore discendono tutti i valori e le azioni positive, dall'amore discende l'onestà, la tolleranza, il dialogo, la solidarietà, la giustizia, la libertà, solo per citarne alcuni......


E.R. qui devo contraddirti. Tieni presente che io sono uno che ama l'amore (e scusa il gioco di parole) cioé ho fiducia in questo sentimento. Ma credere che da Bene nasca Bene e da Male nasca Male, questa è deformazione "professionale" tipica dei credenti....

Nietzsche mi ha insegnato molto (anzi, no, io ho colto da lui molto, che è diverso), e una delle cose più acute che sia riuscito a dire è questa: voler vedere Bene e Male come due cose totalmente separate porta solo a confusione. Io non te lo so spiegare nel modo in cui lui ci riesce (per questo ti pregherei di perdere circa 8 ore del tuo tempo - tanto ci va - nella lettura della Genealogia della Morale e dell'Anticristo)..

Forse riesco a farti un paio di esempi: credi tu che l'altruismo derivi da altruismo, non potrebbe essere originato da un nascosto egoismo di talune persone?
E un amore troppo grande non potrebbe generare ossessione, quindi odio?
E dalla sete di verità, credi che derivino giustizia e veracità, e non magari oscurantismo ed eresia?


Comunque tutto ciò è abbastanza off topic, credo che volendo parlare di soluzioni un po' concrete al problema della violenza sulle donne c'è bisogno della diffusione di una cultura in cui alla donna sia attribuito rispetto in quanto essere umano e non in quanto appartenente a un determinato sesso. Questo si fa educando i propri figli, si fa esprimendo le proprie opinioni, si fa dimostrandolo con le azioni se si presenta l'occasione (il che non vuol dire girare di notte per i parchi con la pistola) e si fa in altri modi molto semplici...certo che la soluzione in mano nn ce l'ha nessuno...
  Forum: Area libera generale · Anteprima Messaggio: #4212 · Risposte: 50 · Visite: 35,849

luk_ing Inviato il: Jan 18 2008, 09:42 PM


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 96
Iscritto il: 26-October 07
Utente Nr.: 448


Buon Ricercatore, tu parli usando una forma impersonale, ma io sono un individuo singolo. Io ti dico (ma forse ti ho già detto) che ti stimo molto di più se tu, obbiettivamente, giudichi positivamente la tua produzione, che non quando riporti il parere di un altro.

Credo su questo punto di non essermi mai contraddetto, quindi...la mia posizione è questa!
  Forum: Area libera generale · Anteprima Messaggio: #4157 · Risposte: 69 · Visite: 59,784

luk_ing Inviato il: Jan 18 2008, 09:38 PM


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 96
Iscritto il: 26-October 07
Utente Nr.: 448


Si direi che l'infinito è nell'eterno divenire delle cose, eterno indefinito caotico disordinato. Oltretutto "eterno" è un concetto anch'esso umano - poiché il tempo potrebbe essere, come alcune moderne teorie scientifiche sembrano suggerire, una "forma mentis" dell'uomo - e dunque è difficile per me immaginare un tempo che scorre illimitatamente, indipendentemente dall'uomo, dal suo pensare. Poi dico che l'uomo proietta il finito fuor di sé come infinito, ma attenzione, non dico che "non sia altro che questo", dico che è "addirittura questo". Insomma non è poco questo potere umano...è anzi molto.

Sulla seconda tua frase si, è così.

Sulla vita, come valore: se io dico la vita umana tu dice valore assoluto. Se dico dignità umana tu probabilmente diresti "valore irrinunciabile". Se dico libertà umana anche, diresti qualcosa di simile, e anche se dico diritto alla salute, al non esser torturati etc etc.

E se dico: diritto alla vita (e qui intendo animali, piante, etc) se dico "libertà" intendendo quella di un criceto chiuso in gabbia o altri animali domestici, se dico diritto alla salute e mi riferisco agli animali uccisi per mangiarli o per farne altro...sono sempre valori così assoluti come quelli in precedenza? beh io credo di no, perché non sono vegetariano (anzi sono decisamente carnivoro) e ho vari animali e strappo le foglie alle piante senza sentirmi in colpa di averle fatte soffrire e così via...

Dunque nel valore "vita umana" ciò che è sacro è l'aggettivo "umana" non vita e altrettanto dico degli altri valori. Perché umana dovrebbe valere di più di animalesca? la causa è questa: l'uomo stabilisce i valori, l'uomo si è creato un Dio che comunque pone l'uomo in diritto di goveranre sulle altre forme di vita. L'uomo è eletto da Dio. Giustificazione: nell'uomo ciò che è fondamentale non è la vita (che in realtà è solo una condizione necessaria ma non sufficiente au una esistenza dignitosa) quanto più ciò che ci rende "umani". Cos'è? Dio? Sì! nel senso che noi siamo gli unici, per quanto io sappia, ad avere sufficiente volontà, capacità d'illusione, creatività filosfica a pensare una tale entità! Ma dunque cos'è proprio dell'uomo? La libertà, la volontà, la volontà di potenza.

La vita in-Sé non è ancora un valore assoluto, per me. Ma fa piacere un confronto! ciao!
  Forum: Nietzsche spazio libero · Anteprima Messaggio: #4156 · Risposte: 110 · Visite: 456,757

luk_ing Inviato il: Jan 17 2008, 12:11 PM


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 96
Iscritto il: 26-October 07
Utente Nr.: 448


Ma mio buon Ricercatore, sai che io non nutro astio nei tuoi confronti, pure non posso fare a meno di criticare questa tua impostazione di pensiero "Saviani lo ha trovato valido...e penso sia un'ottima fonte di giudizio".
Dunque il valore delle cose scrivi dipenderebbe da altri? dal loro giudizio?
  Forum: Area libera generale · Anteprima Messaggio: #4122 · Risposte: 69 · Visite: 59,784

luk_ing Inviato il: Jan 17 2008, 12:05 PM


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 96
Iscritto il: 26-October 07
Utente Nr.: 448


Mi correggo: l'ultima frase è "credo proprio che NON si vada oltre, ma si resti sul piano della coincidenza"
  Forum: Nietzsche spazio libero · Anteprima Messaggio: #4120 · Risposte: 110 · Visite: 456,757

luk_ing Inviato il: Jan 17 2008, 12:03 PM


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 96
Iscritto il: 26-October 07
Utente Nr.: 448


Per E.R. laugh.gif (scusa ma il tuo nick mi fa sempre venire in mente la serie tv)

Inizio esprimendo un speranza: che il tuo "voi sapienti" non fosse riferito a me, che men che meno voglio passare per "sapiente" (poiché non lo sono).

Proseguiamo: no, io non credo che ci siano valori universali, anzi i valori universali sono ciò che io aborrisco di più. EA prescindere del contenuto del valore, ciò che io rifuggo è l'universalità del valore! A me piace amare, ok, e essere libero. Ma non posso pensarli come universali. Ognuno ha i suoi. Vedi "valore" cos'è? è un concetto umano, su questo non ho dubbi, è una "regola" (termine inappropriato, lo so, ma non riesco a trovarne di meglio, spero tu capisca lo stesso) una norma a cui ispiriamo il nostro comportamento.

Per me è evidente che i valori sono creati dall'uomo, dunque mi chiedo perché qualcosa che ho creato io, di cui sono padre e padrone, dovrebbe pretendere di prendere il sopravvento, porsi come universale, insomma trasgredire i suoi limiti?
Questo è anche Nietzscheanesimo. In "al di là del bene e del male, c'è un aforisma che non so citare a memoria, ma di cui ricordo più o meno le parole ed il senso: impara a vedere le stelle come un "sotto-di-te", altrimenti ogni conoscenza ti è preclusa.
Il riferimento è alla conclusione della "Critica della ragion pratica" di Kant, che usa la metafora del cielo stellato "sopra di lui" per indicare i valori morali che lui supponeva "universali".

Tali valori non esistono. Nemmeno quello della vita umana è sacro. Con questo non sto dicendo "ucciderei, sono un assasino" ma "sono favorevole all'aborto, all'eutanasia etc". Esempio azzeccato: impedire a Welby di morire si fondava sull'assolutezza di un valore: quello della sacralità della vita umana. Quando un valore si fa assoluto finisce per "comandare", per non essere regolato più da alcunché, e dunque commette ingiustizia, come un despota.

Tu dici che il bene e il male si incontrano nell'uomo, come due strade che confluiscono in una piazza, provenendo da "fuori", "dall'alto". Io dico che bene e male si incontrano nell'uomo semplicemente perché da lì nascono, come due gemelli da una madre. E sono proprio gemelli, sai, il bene e il male. Uno è quello buono, l'altro è il cattivo. Uno è semplicemente e solamente il rovescio dell'altro. Nel Bene c'è tanto disonore quanto nel Male (filosoficamente, non che il dare una carezza alla fidanzata sia come darle un pugno), e infatti - secondo me - la vera saggezza sta proprio "al di là del bene e del male".

La sete d'inifinito va oltre al proprio concetto di divinità? Credo proprio di no, ma qui siamo sul piano delle convinzioni personali. Proverò comuqnue ad argomentare.
L'uomo è finito e la sua vita è finita. Questo è il peso che lo affligge. Come si scarica tale peso? pensando l'inifinito, elaborando sistemi filosofici che permettano all'inifinito di esistere nel finito (le religioni, che vorrebbero un Dio che agisca nel mondo, che aiuti e sorregga i fedeli etc) e oltre il finito. Dunque la sete d'inifinito non va oltre ma coincide con la divinità.

La divinità è tutto ciò che nell'uomo è finito, elevato all'infinito. L'amore umano può finire? quello divino no. La capacità di perdono umana ha dei limiti? Quella di Dio no, e via dicendo. Credo proprio che si vada oltre, ma si resti sul piano della coincidenza...
  Forum: Nietzsche spazio libero · Anteprima Messaggio: #4119 · Risposte: 110 · Visite: 456,757

luk_ing Inviato il: Jan 15 2008, 12:36 AM


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 96
Iscritto il: 26-October 07
Utente Nr.: 448


CITAZIONE(E.R. @ Jan 11 2008, 03:42 PM) *
Carissimi, riesco a rispondere solo ora........ spero abbiate trascorso delle buone feste.........
Caro luk_ing,

la fede è un dono....

come posso non credere ad un Dio che sento vivo e presente in ogni istante della mia vita? Ad un Dio che per amore si è fatto Uomo, da infinito a finito, da immateriale a materiale, come posso non amarlo? Come posso non abbandonarmi al Suo Amore che mi cambia, mi trascina, mi trasforma? Come posso non credere in Lui, proprio io che ho il dono di sentirlo (perchè questo è la fede, un atto d'amore, una corrispondenza) ed il Suo Amore mi rende libera e felice? "Libera"... pensa che "paradosso": più appartengo a Dio e più sono libera! Più amo è più sono libera! Un esempio di questa "libertà"? Pensa alla figura di S. Francesco o a quella di Gandi: entrambi veramente liberi, pur di religioni diverse, nell'Amore.... e "felici", appagati, realizzati.

Certo, questa è solo la mia testimonianza..... Dio: un frutto della mia immaginazione? Non mi reputo tanto creativa e tanto meno "psicologicamente debole", solo molto fortunata! Da quando ho incontrato Dio, non posso fare altro che seguirlo, amarlo e lodarlo, perchè nella mia piccolezza, mi fa sentire l'infinito e nella mia tribolazione mi fa percepire il "paradiso"...... io non mi reputo così "grande, maestosa, illimitata", ma parte di ciò che è "grande, maestoso ed illimitato" è in me ed in ciascuno di noi.

Quando si ama veramente non si può che essere tolleranti verso gli altri , semmai cercare il dialogo ed il confronto, nel rispetto reciproco: se Dio è così misericordioso da lasciarci liberi persino di non amarlo, come possiamo noi imporLo agli altri?
Personalmente ritengo che le religioni siano solo delle diverse "interpretazioni" di un unico vero Dio. Noi Cristiani crediamo nel "Verbo che si è fatto carne" (Giovanni, 1,14)....

"Dio nessuno l'ha mai visto: proprio il Figlio unigenito, che è nel seno del Padre, lui lo ha rivelato" (Giovanni, 1,18).

---------------
"Se puoi, capisci; se non puoi, credi". (S. Agostino)


Vedi tu credi in un Dio che è Amore, ma Dio è amore perché tu lo credi così perché tu lo vuoi così. Tutto, in ultima analisi, dipende da te, dal tuo sentire, dai tuoi sentimenti. Anch'io allora credo in "Dio". Anche Nietzsche. Dio semplicemente è il nome con cui battezziamo i sentimenti più elevati che ci animano. Io credo nella libertà più di tutti, se dovessi pensare un Dio lo penserei come volontà pura. Per te è amore, perché amore ti fa sentire libera. Come puoi non credere in un Dio dell'amore, se credi nell'amore? non puoi infatti.
Quello che cerco di contestare è che molti pretendono che Dio esista nel senso stretto del termine. Che sia lì a resuscitarci, insomma a toglierci le nostre paure, La Nostra Paura.

Lo dici tu stessa: non puoi non credere in Dio perché Dio è amore, libertà, perdono, comprensione, dona infinitudine a chi è "finito"...dimmi sono questi i tuoi valori, no? e Dio, coincide con i tuoi valori! Anche il mio "Dio" coincide con i miei "valori", il Dio dei cristiani del medioevo era punitore, perché punire gli eretici era ciò in cui credevano quei cristiani di quel tempo.
Insomma a me sembra fin troppo evidente che Dio conincide sempre con i nostri valori. Dipende da questi, dipende da noi.

Ma poi, se così fosse, prova ad ammetterlo per un attimo, sarebbe così brutto essere artefici del proprio bene e del proprio male? della propria virtù? sarebbe così negativo "partorire" il proprio Dio? Io credo di no, anzi, in questo sta il superomismo, secondo me il nietzshceanesimo sta in fondo in questo...decidere la propria strada e conferirle il valore più alto possibile..permettendo agli altri di seguire la loro!

Insegnare ai propri discepoli a rinnegare il proprio maestro e a essere maestri di se stessi....Quello che ha fatto Zarathustra. Chi mai fu così saggio da dire: "impara ad amare i tuoi nemici, si, ma anche ad odiare i tuoi amici"?
  Forum: Nietzsche spazio libero · Anteprima Messaggio: #4054 · Risposte: 110 · Visite: 456,757

4 Pagine V   1 2 3 > » 

New Posts  Nuove risposte
No New Posts  No Nuove risposte
Hot topic  Calda (Nuove risposte)
No new  Calda (No Nuove risposte)
Poll  Nuovi Voti
No new votes  No Nuovi Voti
Closed  Disc. Chiusa
Moved  Disc. Spostata
 

Versione Lo-Fi Oggi è il: 9th December 2019 - 04:42 AM