IPB

Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )

 
Reply to this topicStart new topic
> La Gaia Scienza
brian
messagio Dec 23 2009, 07:23 PM
Messaggio #1


Newbie
*

Gruppo: Members
Messaggi: 6
Iscritto il: 30-March 09
Utente Nr.: 12,601



...Alla fine non ho resistito e invece di leggere una biografia di Nietzsche, sto provando con "La Gaia Scienza". Secondo voi con quale è il tipo di mentalità più adatta per affrontare gli aforismi della parte introduttiva. Sono estremamente poetici e mi sembra si prestino a molteplici interpretazioni. Io sarei naturalmente portato ad interpretarli con la chiave della filosofia dello Zarathustra, che però è posteriore (per esempio la figura del serpente come riferimento all'Eterno Ritorno). è giusto questo tipo di approccio? Sempre se ne esiste uno giusto... rolleyes.gif
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Sgubonius
messagio Dec 23 2009, 10:37 PM
Messaggio #2


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 754
Iscritto il: 15-May 08
Utente Nr.: 2,728



Alcune di quelle poesie finirono dritte nello Zarathustra o viceversa, per cui cronologicamente penso che la gaia scienza e lo zarathustra siano molto vicini (intendo come cronologia di pensiero, non solo di opere).
Nello specifico il serpente è moolto probabilmente lo stesso della visione e l'enigma (o uno dei due animali di Z.)
Però io mi ricordo solo un pezzetto all'inizio in cui lui parla del serpente che mangia la terra o giù di lì, poi (controlla magari tu) mi pare che alla fine nell'INCIPIT TRAGOEDIA che chiude la gaia scienza si parli proprio di zarathustra e della sua discesa con animali citati. Per cui sono pensieri e simbologie del tutto contemporanee.


--------------------
"Innocenza è il fanciullo e oblio, un nuovo inizio, un giuoco, una ruota ruotante da sola, un primo moto, un sacro dire di sì"
Go to the top of the page
 
+Quote Post
brian
messagio Dec 24 2009, 08:09 PM
Messaggio #3


Newbie
*

Gruppo: Members
Messaggi: 6
Iscritto il: 30-March 09
Utente Nr.: 12,601



Ancora una volta grazie Sgub! è stato proprio quel passo a farmi pensare allo Zarathustra:

8. Alla terza desquamazione

Già la pelle si raggrinchia e si fende,
Già in me con rinnovata brama
Agogna alla terra il serpente,
Per quanto già terra abbia digerito.
Già vo strisciando tra la pietra e l'erba
Affamato, in tortuoso cammino,
Per mangiare quel che sempre mangiai,
Te, cibo del serpente, te, o terra!
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Sgubonius
messagio Dec 24 2009, 10:18 PM
Messaggio #4


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 754
Iscritto il: 15-May 08
Utente Nr.: 2,728



Di niente, buon natale! smile.gif


--------------------
"Innocenza è il fanciullo e oblio, un nuovo inizio, un giuoco, una ruota ruotante da sola, un primo moto, un sacro dire di sì"
Go to the top of the page
 
+Quote Post

Reply to this topicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

Modalità di visualizzazione: Normale · Passa a: Lineare · Passa a: Outline


Versione Lo-Fi Oggi è il: 26th May 2019 - 02:44 PM