IPB

Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )

2 Pagine V   1 2 >  
Reply to this topicStart new topic
> volontà di potenza = volontà di eprimersi
Sandro
messagio Nov 25 2007, 09:45 PM
Messaggio #1


Old Member
****

Gruppo: Members
Messaggi: 110
Iscritto il: 3-May 07
Da: Abruzzo
Utente Nr.: 76



Possiamo sostanzialmente vedere la volontà di potenza semplicemente come il volersi riappropriare della propria esistenza? La volontà di potenza come il non voler più subire il condizionamento esterno per lasciare spazio a sè stessi. La volontà di potenza la possiamo tradurre semplicemente come volontà di esprimersi. Non avere un ruolo di sottimissione al sistema ma uno di dominio del sistema in modo da lasciare spazio alla propria volontà, finalmente libera. Siete d'accordo?
ciao
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Freddie
messagio Nov 25 2007, 10:52 PM
Messaggio #2


Administrator
**********

Gruppo: Root Admin
Messaggi: 345
Iscritto il: 20-March 07
Da: Trento
Utente Nr.: 1



CITAZIONE(Sandro @ Nov 25 2007, 09:45 PM) *
Possiamo sostanzialmente vedere la volontà di potenza semplicemente come il volersi riappropriare della propria esistenza? La volontà di potenza come il non voler più subire il condizionamento esterno per lasciare spazio a sè stessi. La volontà di potenza la possiamo tradurre semplicemente come volontà di esprimersi. Non avere un ruolo di sottimissione al sistema ma uno di dominio del sistema in modo da lasciare spazio alla propria volontà, finalmente libera. Siete d'accordo?
ciao


Penso questa sia una delle più semplici e più corrette interpretazioni della volontà di potenza... se la prendiamo per vera terrei a sottolineare il fatto che tutti possono arrivarci indipendentemente dal fatto del ceto sociale, credo, età, sesso ecc. ecc.


--------------------
CITAZIONE
Dei buoni denti e uno stomaco forte - t'auguro questo!
E se ti sei trovato col mio libro,
ti troverai di certo anche con me.
Go to the top of the page
 
+Quote Post
lae
messagio Nov 26 2007, 12:47 AM
Messaggio #3


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 77
Iscritto il: 20-March 07
Utente Nr.: 3



CITAZIONE
Siete d'accordo?

Ciao Sandro, no! assolutamente non d'accordo. Sostanzialmente "vedo" la volontà di potenza come processualità che agisce a un livello talmente profondo che non può essere ingenuamente confusa e direi banalizzata con ''non voler più subire il condizionamento esterno" o "volontà di esprimersi". Trovo che occorra ancora scavare, perchè qualsiasi "vedo" non si fermi alla prima o seconda maschera.
Go to the top of the page
 
+Quote Post
nemo
messagio Nov 26 2007, 08:16 AM
Messaggio #4





Guests






CITAZIONE(Sandro @ Nov 25 2007, 09:45 PM) *
Possiamo sostanzialmente vedere la volontà di potenza semplicemente come il volersi riappropriare della propria esistenza? La volontà di potenza come il non voler più subire il condizionamento esterno per lasciare spazio a sè stessi. La volontà di potenza la possiamo tradurre semplicemente come volontà di esprimersi. Non avere un ruolo di sottimissione al sistema ma uno di dominio del sistema in modo da lasciare spazio alla propria volontà, finalmente libera. Siete d'accordo?
ciao


Completamente d'accordo
le tue parole sono le mie parole
nulla da togliere
nulla da aggiungere
Go to the top of the page
 
+Quote Post
NIHILO
messagio Nov 26 2007, 02:03 PM
Messaggio #5


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 533
Iscritto il: 4-April 07
Utente Nr.: 34



Penso che -come è patente- una definizione sintetica e, se vogliamo,
esaustiva di WZM la dia proprio N., e cioè -non citando alla lettera- : la volon-
ta di potenza è la volonta di affermazione di sè, di espansione di sè da parte
DI OGNI ENTE -compresi gli infinitesimi microorganismi- eventualmente a detri-
mento degli altri enti ed eventualmente a detrimento finanche di sè medesimi.
DUNKEL SIND DIE WEGE DER GOTTLOSEN


--------------------
DIE EWIGE SANDUHR DES DASEINS WIRD IMMER WIEDER UMGEDREHT
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Sandro
messagio Nov 26 2007, 08:06 PM
Messaggio #6


Old Member
****

Gruppo: Members
Messaggi: 110
Iscritto il: 3-May 07
Da: Abruzzo
Utente Nr.: 76



CITAZIONE(NIHILO @ Nov 26 2007, 02:03 PM) *
è la volonta di affermazione di sè


Questo significa proprio esprimersi o esprimere la propria potenza

Vogliamo provare a riportare delle citazioni valide, tratte dai testi di Nietzsche, sulla volontà di potenza in modo che ci ragioniamo sopra...?

ciao
Go to the top of the page
 
+Quote Post
aporein
messagio Nov 26 2007, 08:15 PM
Messaggio #7


Member
**

Gruppo: Members
Messaggi: 12
Iscritto il: 7-November 07
Utente Nr.: 508



CITAZIONE(Sandro @ Nov 25 2007, 09:45 PM) *
Possiamo sostanzialmente vedere la volontà di potenza semplicemente come il volersi riappropriare della propria esistenza? La volontà di potenza come il non voler più subire il condizionamento esterno per lasciare spazio a sè stessi. La volontà di potenza la possiamo tradurre semplicemente come volontà di esprimersi. Non avere un ruolo di sottimissione al sistema ma uno di dominio del sistema in modo da lasciare spazio alla propria volontà, finalmente libera. Siete d'accordo?
ciao


Non dimentichiamo che per Nietzsche anche i corpi inorganici esprimono una "loro" volontà di potenza.

aporein
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Sandro
messagio Nov 27 2007, 06:46 PM
Messaggio #8


Old Member
****

Gruppo: Members
Messaggi: 110
Iscritto il: 3-May 07
Da: Abruzzo
Utente Nr.: 76



CITAZIONE(lae @ Nov 26 2007, 12:47 AM) *
Ciao Sandro, no! assolutamente non d'accordo. Sostanzialmente "vedo" la volontà di potenza come processualità che agisce a un livello talmente profondo che non può essere ingenuamente confusa e direi banalizzata con ''non voler più subire il condizionamento esterno" o "volontà di esprimersi". Trovo che occorra ancora scavare, perchè qualsiasi "vedo" non si fermi alla prima o seconda maschera.


Ho capito quello che voui dire. La volontà di potenza è una sorta di energia vitale che vive e regna dentro di noi. Nulla in contrario. Questa è la volontà di potenza all'origine ma non in pratica: attenzione, Nietzsche invoca la volontà di potenza come risposta naturale alla morale esterna ai noi imposta. In questo senso, la volontà di potenza vuole proprio esprimersi, liberarsi, imporsi. E' con la volontà di potenza che l' uomo divenuto un "animale malato" si libera dalle proprie catene. E' quell'energia vitale interiore che vuole esprimersi per affermarsi.
Go to the top of the page
 
+Quote Post
nemo
messagio Nov 27 2007, 08:54 PM
Messaggio #9





Guests






CITAZIONE(Sandro @ Nov 27 2007, 06:46 PM) *
Ho capito quello che voui dire. La volontà di potenza è una sorta di energia vitale che vive e regna dentro di noi. Nulla in contrario. Questa è la volontà di potenza all'origine ma non in pratica: attenzione, Nietzsche invoca la volontà di potenza come risposta naturale alla morale esterna ai noi imposta. In questo senso, la volontà di potenza vuole proprio esprimersi, liberarsi, imporsi. E' con la volontà di potenza che l' uomo divenuto un "animale malato" si libera dalle proprie catene. E' quell'energia vitale interiore che vuole esprimersi per affermarsi.


Cazz... ma ci vuole tanto a capirlo...
Go to the top of the page
 
+Quote Post
lae
messagio Nov 27 2007, 09:32 PM
Messaggio #10


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 77
Iscritto il: 20-March 07
Utente Nr.: 3



CITAZIONE
Cazz... ma ci vuole tanto a capirlo...

Nemo, sai una cosa che insegna la filosofia, lo studio, la ricerca è in primis non Nietzsche o qualunque pensiero, ma l'umiltà. Il tuo modo di porti lo trovo chiuso, presuntuoso e veramente poco fertile per un dibattito costruttivo. Evidentemente sono celebrolesa e talmente limitata da metterci tanto a capire le cose. O magari non è tutto scontato come tu credi.
Sandro, sto sbagliando a esprirmermi, non è corretto far sembrare la volontà di potenza una sorta di prospettiva vitalistica, se l'ho fatto allora sono in errore nel mio interpretare. Processualità la intendevo in un senso diverso, ma ti dico, non sono d'accordo sulla tua parificazione, ma tentenno su ciò che significhi volontà di potenza sia in ambito teoretico che nella sua valenza pratica. Appena ho un po' di tempo ci tengo a continuare l'approfondimento di questo tema.
Go to the top of the page
 
+Quote Post
nemo
messagio Nov 27 2007, 10:35 PM
Messaggio #11





Guests






CITAZIONE(lae @ Nov 27 2007, 09:32 PM) *
Nemo, sai una cosa che insegna la filosofia, lo studio, la ricerca è in primis non Nietzsche o qualunque pensiero, ma l'umiltà. Il tuo modo di porti lo trovo chiuso, presuntuoso e veramente poco fertile per un dibattito costruttivo. Evidentemente sono celebrolesa e talmente limitata da metterci tanto a capire le cose. O magari non è tutto scontato come tu credi.
Sandro, sto sbagliando a esprirmermi, non è corretto far sembrare la volontà di potenza una sorta di prospettiva vitalistica, se l'ho fatto allora sono in errore nel mio interpretare. Processualità la intendevo in un senso diverso, ma ti dico, non sono d'accordo sulla tua parificazione, ma tentenno su ciò che significhi volontà di potenza sia in ambito teoretico che nella sua valenza pratica. Appena ho un po' di tempo ci tengo a continuare l'approfondimento di questo tema.


No, non sei affatto "cerebrolesa", sei solo "cervellotica"
N è di una semplicità estrema
perchè complicarlo?
Go to the top of the page
 
+Quote Post
lae
messagio Nov 28 2007, 12:49 AM
Messaggio #12


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 77
Iscritto il: 20-March 07
Utente Nr.: 3



Per il semplice fatto che arriva un tal signore Friedrich e mi dice con presunta semplicità che per duemila anni ci siamo sbagliati e mina alle basi le certezze su cui mi baso e allora non mi bastano le sue belle parole visionarie dello zarathustra, le sue profonde intuizioni e l'immensa sensibilità come garanzia, ha scritto libri di filosofia e allora tratto ciò che ha scritto come pensiero filosofico e guarda un po' mi pare parecchio cervellotico il Suo di discorso, sebbene da genio qual'era, ha saputo mascherarlo così bene in una così semplice forma. Il bello è bello e non ci si chiede se ha ragione o no. Ciò non toglie che io possa sbagliarmi, sia una grande rinnegatrice del suo pensiero e 'complicandolo' tradisca il suo messaggio. Ma in attesa o per volontà che mi lasci salvare dal bello mi tolgo lo sfizio, per mania, di interrogare i suoi testi. E per me ci vuole tanto a capirli, la mia volontà di potenza dovrà ancora abbattere molte resistenze, ha da divertirsi, ci tengo che si esprima conservando la lotta.
Tu te ne stai sulla vetta -ammesso che lo sia vetta-, a me sta bene, Zarathustra non mi è mai stato simpatico e trovo da aver poco da condividere, il suo modo di fare mi urta. E qui non parla il mio cervello, ma la mia pelle.
Go to the top of the page
 
+Quote Post
lae
messagio Nov 28 2007, 01:30 AM
Messaggio #13


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 77
Iscritto il: 20-March 07
Utente Nr.: 3



“Imprimere al divenire il carattere dell’essere – è questa la suprema volontà di potenza. […] Che tutto
ritorni, è l’estremo avvicinamento del mondo del divenire a quello dell’essere:culmine della contemplazione”
Per inciso, leggendo queste parole, scrivere volontà di potenza = volontà di esprimersi mi sembra riduttivo ma mi concedo il dubbio di non averne colto l'essenza, l'evidenza.
Go to the top of the page
 
+Quote Post
nemo
messagio Nov 28 2007, 08:05 AM
Messaggio #14





Guests






CITAZIONE(lae @ Nov 28 2007, 01:30 AM) *
“Imprimere al divenire il carattere dell’essere – è questa la suprema volontà di potenza. […] Che tutto
ritorni, è l’estremo avvicinamento del mondo del divenire a quello dell’essere:culmine della contemplazione”
Per inciso, leggendo queste parole, scrivere volontà di potenza = volontà di esprimersi mi sembra riduttivo ma mi concedo il dubbio di non averne colto l'essenza, l'evidenza.


Bene, sei sulla giusta strada...

Forse non coglierai l'essenza del pensiero di N

Ma questo non conta tanto
quanto, che tu colga la tua essenza

Infondo, questo è il suo messaggio...
Go to the top of the page
 
+Quote Post
lae
messagio Nov 29 2007, 04:13 PM
Messaggio #15


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 77
Iscritto il: 20-March 07
Utente Nr.: 3



Calpesto la terra di questa strada e, nemo, ho davvero poche certezza, ma una è evidente e incrollabile che ahimè, la terra di questa o di qualsiasi strada può essere tutto tranne giusta. Mi trastulla lo svago che impiego tempo a cogliere fiori invece di essenze. In fondo, ogni messaggio partecipa della stessa illusione.
Ho gradito comunque il fatto che, pur postando un passo di Nietzsche sulla volontà di potenza, nessuno, visto che è tutto così semplice, si sia preso la briga di spiegarmi come semplicemente l'equazione del titolo corrisponda al passo di Nietzsche.
Go to the top of the page
 
+Quote Post
nemo
messagio Nov 29 2007, 04:20 PM
Messaggio #16





Guests






CITAZIONE(lae @ Nov 29 2007, 04:13 PM) *
Calpesto la terra di questa strada e, nemo, ho davvero poche certezza, ma una è evidente e incrollabile che ahimè, la terra di questa o di qualsiasi strada può essere tutto tranne giusta. Mi trastulla lo svago che impiego tempo a cogliere fiori invece di essenze. In fondo, ogni messaggio partecipa della stessa illusione.
Ho gradito comunque il fatto che, pur postando un passo di Nietzsche sulla volontà di potenza, nessuno, visto che è tutto così semplice, si sia preso la briga di spiegarmi come semplicemente l'equazione del titolo corrisponda al passo di Nietzsche.


E chi ne ha?
navigo a vista e mi affido alle stelle

come fai a dire che non può essere quella giusta?
tu prendila, poi vedi...

infatti non corrisponde
è una possibile (per me reale) interpretazione
Go to the top of the page
 
+Quote Post
NIHILO
messagio Nov 29 2007, 04:37 PM
Messaggio #17


Über Member
**********

Gruppo: Members
Messaggi: 533
Iscritto il: 4-April 07
Utente Nr.: 34



CITAZIONE(Sandro @ Nov 26 2007, 08:06 PM) *
Questo significa proprio esprimersi o esprimere la propria potenza

Vogliamo provare a riportare delle citazioni valide, tratte dai testi di Nietzsche, sulla volontà di potenza in modo che ci ragioniamo sopra...?

ciao

La mai citazione è di per sè valida, perchè è tratta da un passo di Nietzsche,
credo del Crepuscolo degli idoli, ma non è alla lettera.
Cosa cambia?
Mi dirai che i passi di N. vertenti su questo tema sono molto numerosi.
Non parla di esprimersi, ma di affermazione, di espansione;
forse è un pò diverso.


--------------------
DIE EWIGE SANDUHR DES DASEINS WIRD IMMER WIEDER UMGEDREHT
Go to the top of the page
 
+Quote Post
lae
messagio Nov 29 2007, 06:38 PM
Messaggio #18


Advanced Member
***

Gruppo: Members
Messaggi: 77
Iscritto il: 20-March 07
Utente Nr.: 3



CITAZIONE
infatti non corrisponde
è una possibile (per me reale) interpretazione
Possibile e interpretazione appartengono già a un'altra direzione rispetto all'identità. In questa prospettiva credo di poter condividere questo pensiero. smile.gif
CITAZIONE
Mi dirai che i passi di N. vertenti su questo tema sono molto numerosi.
Non parla di esprimersi, ma di affermazione, di espansione;
forse è un pò diverso.

Appunto per questo ritenevo la questione essere più complessa. Se l'affermazione di sè si configura come espressione di sè allora possiamo intendere volontà di potenza come espressione di sè, ma c'è qualche indicazione che mi legittimi a dire che per tutti l'essenza della volontà di potenza come affermazione di sè è volontà di esprimersi? In altre parole per ogni essere vivente e non affermarsi è esprimersi?
Go to the top of the page
 
+Quote Post
Sandro
messagio Dec 4 2007, 12:04 PM
Messaggio #19


Old Member
****

Gruppo: Members
Messaggi: 110
Iscritto il: 3-May 07
Da: Abruzzo
Utente Nr.: 76



CITAZIONE(aporein @ Nov 26 2007, 08:15 PM) *
Non dimentichiamo che per Nietzsche anche i corpi inorganici esprimono una "loro" volontà di potenza.


Da questo possiamo ricavare una chiave di lettura. Se anche le piante o gli animali hanno una loro volonta di potenza significa che la volontà di potenza si pone oltre la ragione perchè è innata. E' qualcosa che sta dentro, che si pone allo stato naturale, qualcosa di genuino, di primordiale, di autentico. La volontà di potenza è semplicemente l'assoluta spontaneità del soggetto all'interno di una dimensione amorale della vita. Tutto qua.
Ciao
Go to the top of the page
 
+Quote Post
aporein
messagio Dec 4 2007, 08:39 PM
Messaggio #20


Member
**

Gruppo: Members
Messaggi: 12
Iscritto il: 7-November 07
Utente Nr.: 508



CITAZIONE(Sandro @ Dec 4 2007, 12:04 PM) *
Da questo possiamo ricavare una chiave di lettura. Se anche le piante o gli animali hanno una loro volonta di potenza significa che la volontà di potenza si pone oltre la ragione perchè è innata. E' qualcosa che sta dentro, che si pone allo stato naturale, qualcosa di genuino, di primordiale, di autentico. La volontà di potenza è semplicemente l'assoluta spontaneità del soggetto all'interno di una dimensione amorale della vita. Tutto qua.
Ciao


C'è un neo nella chiave di lettura: per Nietzsche non esiste un soggetto inteso come sostanza agente.
Non c'è "spontaneità del soggetto", ma solo rivelazione di potenzialità in reciproca relazione tra di loro.

Vedi a riguardo la discussione "E il soggetto?"

aporein
Go to the top of the page
 
+Quote Post

2 Pagine V   1 2 >
Reply to this topicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

Modalità di visualizzazione: Normale · Passa a: Lineare · Passa a: Outline


Versione Lo-Fi Oggi è il: 18th October 2021 - 06:30 PM