IPB

Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )

12 Pagine V   1 2 3 > » 

Freddie Inviato il: Jul 3 2013, 02:26 PM


Administrator
**********

Gruppo: Root Admin
Messaggi: 345
Iscritto il: 20-March 07
Da: Trento
Utente Nr.: 1


Davvero molto interessante... e sopratutto ricco di spunti brava Perla

CITAZIONE(perla negra @ Mar 30 2013, 06:43 PM) *
Ciao a tutti,

voglio lanciare una discussione su una cosa che ho scritto qualche anno fa. L’oggetto di discussione è il capitolo de La visione e l’enigma.
Non è un’interpretazione classica… è un’interpretazione enigmistica.
A voi il piacere, mi auguro, di leggere quanto segue e di anche di discuterne se capiterà…

Premessa:
«Nicht mehr Hirt, nicht mehr Mensch, - ein Verwandelt, ein Umleuchteter, welcher lachte!»

Ad attirare la mia attenzione sul punto in questione fu un termine, ossia Umleuchteter, con il quale viene descritto il pastore che si è liberato dal morso del serpente. Umleuchteter significa “circonfuso di luce”: secondo il racconto della Trasfigurazione sul Tabor di Matteo il volto di Gesù “ brillò come il sole e le sue vesti divennero candide come la luce”.

La Visione e l'enigma
Il titolo tedesco di questo capitolo è Vom Gesicht und Räthsel. Già il titolo annuncia una visione e un enigma. Ma se in tedesco Räthsel indica inequivocabilmente un indovinello o un enigma, il termine Gesicht in senso proprio significa faccia, viso, volto. Può significare anche: espressione (Ausdruck); smorfia (Grimasse); o aspetto (Aussehen); o contorno (Umriss); o persona (Person). Infine significa Vision, visione che in tedesco è sinonimo di Erscheinung, apparizione.
Tuttavia un lettore italiano non coglierebbe questa sfumatura visto che il titolo nella nostra traduzione è La visione e l'enigma e tra i vari significati del termine visione nessuno di essi rimanda a faccia, viso, volto.

Il termine viso – Gesicht (che in senso proprio e concretamente indica la parte anteriore della testa umana) in questo contesto sembra più appropriato di faccia o volto poiché deriva dal latino visum (part. pass. di video, vedere), che significa cosa veduta, apparizione, visione, immagine. Perciò il viso, in cui ha sede l'organo della vista vede e - seguendo l'etimologia latina - è visto, è esso stesso una visione.

Sul termine enigma - Räthsel non ci sono dubbi ma vale la pena ricordarne una definizione: enigma è «un breve componimento, per lo più in versi, in cui ambiguamente o allusivamente si propone una parola o un concetto da indovinare». Ma Räthsel vuol dire anche indovinello, «un quesito enigmistico, talvolta in forma di breve componimento in versi, presentato con parole equivoche o ambigue o con una perifrasi riguardante la cosa da indovinare».
(Cfr. Giorgio Colli, La Nascita della filosofia, cap. IV e V: «l'enigma è la formulazione di un'impossibilità razionale che esprime tuttavia un oggetto reale»)

Oltre che nel titolo, il termine Gesicht compare anche nell'invocazione di Zarathustra ai marinai della nave salpata dalle Isole Beate:

A voi, temerari della ricerca e del tentativo [...] a voi, ebbri di enigmi [...] giacché voi non volete con mano codarda seguir tentoni un filo; e dove siete in grado di indovinare vi è in odio il dedurre - a voi soli racconterò l'enigma che io vidi, - il viso/la visione [Montinari: visione] del più solitario tra gli uomini. [euch allein erzähle ich das Räthsel, das ich sah, - das Gesicht des Einsamsten]

Se, con Montinari, traduciamo Gesicht con visione allora potremmo intendere dal seguito della lettura che Zarathustra qui si riferisce alla visione della porta carraia “Augenblick” e considera se stesso come «il più solitario tra gli uomini». Se invece, traduciamo con viso, intendiamo il viso visto da Zarathustra nella seconda parte del suo racconto, ossia il viso del pastore che sarebbe ancora «il più solitario tra gli uomini» [das Gesicht des Einsamsten]

Nell'elogiare la virtù del coraggio durante il dialogo col nano Zarathustra dice: «Il coraggio ammazza anche la vertigine in prossimità degli abissi: e dove mai l'uomo non si trova vicino ad abissi! Non è la vista già di per se un vedere abissi? [Ist Sehen nicht selber – Abgründe sehen?]», quasi a ricordarci l'equivocità del termine Gesicht del titolo.

Zarathustra e il nano arrivano alla porta carraia “Augenblick”. Ora Zarathustra si rivolge al nano che intanto gli è sceso dalle spalle e non lo grava più col suo peso:

Guarda questa porta carraia! Nano! Continuai: essa ha due visi/visioni [Montinari: volti]. Due sentieri convergono qui: nessuno li ha mai percorsi fino alla fine. [Siehe diesen Thorweg! Zwerg! sprach ich weiter: der hat zwei Gesichter. Zwei Wege kommen hier zusammen: die gieng noch niemand zu Ende]

La porta carraia ha due visi o volti, ma non comprendiamo se essi siano rivolti l'uno verso l'altro (per così dire fronte contro fronte) o si diano le spalle (nuca contro nuca).
Quindi nel primo caso (fronte contro fronte) i sentieri si congiungerebbero sotto la porta carraia e i visi avrebbero rispettivamente la visione l'uno dell'altro: sarebbero rivolti l'uno contro l'altro: “contraddizione”.
Nel secondo caso (nuca contro nuca) i sentieri si dipartirebbero dalla porta e dunque i due visi sarebbero rivolti in due direzioni diverse e il loro vedere in direzioni opposte darebbe chiaramente luogo a due visioni diverse, che non si “contraddirebbero”.
Prosegue il racconto:

«Questa lunga via fino alla porta e all'indietro [Diese lange Gasse zurück]: dura un'eternità. E quella lunga via fuori della porta e in avanti [Und jede lange Gasse hinaus]– è un'altra eternità. Si contraddicono a vicenda [Sie wiedersprechen sich, diese Wege], questi sentieri; sbattono la testa l'uno contro l'altro; e qui, a questa porta carraia, essi convergono. In alto sta scritto il nome della porta: “attimo”.
Ma chi ne percorresse uno dei due – sempre più avanti e sempre più lontano: credi tu, nano, che questi sentieri si contraddicano in eterno [glaust du, Zwerg, dass diese Wege sich ewig wiedersprechen]?» «Tutte le cose diritte mentono, borbottò sprezzante il nano. Ogni verità è ricurva, il tempo stesso è un circolo».

Ora comprendiamo che se anche i due visi della porta sono rivolti in direzioni opposte comunque si vedono: il tempo è un circolo, i sentieri sono circolari, l'ottica per così dire sarà circolare: ancora in contraddizione.
Poco dopo il nano, la porta carraia e il ragno scompaiono e cessa anche il bisbigliare. Zarathustra si chiede se sta sognando o se si è appena destato dal sonno: «d'un tratto mi trovai in mezzo a orridi macigni, solo, desolato, al più desolato dei chiari di luna».

E, davvero, ciò che vidi, non l'avevo mai visto [Und, wahrlich, was ich sah, desgleichen sah ich nie]. Vidi un giovane pastore rotolarsi, soffocato, convulso, stravolto in volto [verzerrten Antlitzes] [Montinari: viso], cui un greve serpente nero penzolava dalla bocca. Avevo mai visto tanto schifo e livido raccapriccio dipinto su di un volto [Grauen auf Einem Antlitze] [Montinari: volto]? Forse, mentre dormiva, il serpente gli era strisciato dentro le fauci e – lì si era
abbarbicato mordendo.

Qui Nietzsche usa il termine Antlitz, sinonimo di Gesicht, che in entrambi i casi traduco con volto per non confonderci con viso/visione.
Poi Zarathustra cerca di estrarre il serpente dalla bocca del pastore, ma non ci riesce e così grida.

Il racconto di questa visione si interrompe e Zarathustra ora si rivolge nuovamente ai marinai:

Voi, uomini arditi che mi circondate! Voi, dediti alla ricerca e al tentativo, e chiunque tra di voi si sia mai
imbarcato con vele ingegnose per mari inesplorati! Voi che amate gli enigmi! Sciogliete dunque l'enigma che io allora contemplai, interpretatemi il viso/la visione [Montinari: visione] del più solitario tra gli uomini! Giacché era un viso/una visione [Montinari: visione] e una previsione [Vorhersehn]: - che cosa vidi allora per similitudine [Gleichnisse]? E chi è colui che un giorno non potrà non venire? Chi è il pastore, cui il serpente strisciò in tal modo entro le fauci? Chi è l'uomo, cui le più grevi e le più nere tra le cose strisceranno nelle fauci?

Ora Zarathustra chiede che l'enigma/indovinello narrato in questo secondo racconto venga sciolto, ma qui la seconda visione vista da Zarathustra è un solo viso, quello «del più solitario tra gli uomini». Non due visi come nel caso della porta carraia “Augenblick”, che era bifronte e qualunque fosse la direzione dei due visi o visioni essi avrebbero comunque visto l'uno la visione o il viso dell'altro, contraddicendosi a vicenda. Inoltre, che la visione di Zarathustra di un solo viso sia avvenuta nel sogno o nella realtà non fa alcuna differenza all’interno dl racconto.
Ma la prima visione del «più solitario tra gli uomini»-Zarathustra, era la visione dei due visi della porta carraia che si contraddicevano. Dunque nella seconda visione «il più solitario tra gli uomini»-Zarathustra ha visto la visione di un solo viso, quello del «più solitario tra gli uomini»- Zarathustra.
Zarathustra ha visto la visione o il viso di Zarathustra.

Dunque la risposta dell'enigma è Zarathustra: Zarathustra vede nella visione del pastore il proprio stesso viso, come poi si si narrerà nel capitolo de Il convalescente: Zarathustra si autorispecchia fuori di sé [Selbstspielung]: ha una visione in sequenza di sé stesso: il pastore morente e il pastore trasfigurato: contraddizione: Dioniso… Cristo…

Grazie per l’attenzione.
Perla Negra

  Forum: Nietzsche Opere · Anteprima Messaggio: #8683 · Risposte: 5 · Visite: 19,835

Freddie Inviato il: Jul 9 2012, 01:15 PM


Administrator
**********

Gruppo: Root Admin
Messaggi: 345
Iscritto il: 20-March 07
Da: Trento
Utente Nr.: 1


Ciao! e benvenuto..
Allora cercando di riassumere il tuo intento.. tu vorresti, capitolo per capitolo di umano troppo umano fare un'interpretazione ermeneutica del testo giusto?
Tanto per capire il lavoro che ci apprestiamo a fare.
Per quel che mi riguarda sbagli affermando che la frase di Nietzsche "Dio è morto" sia la sua frase meno interessante.. anche perché continua dicendo "e noi l'abbiamo ucciso" ed anche il suo odore si sente ancora.. comunque sono opinioni personali.
Il problema nasce quando si vuole "interpretare" Nietzsche. Lo trovo davvero troppo arduo e comunque missione inconcludente.
Cerchiamo sempre la comprensione anche quando la comprensione non può esserci; vedi esempio il teatro di C.B.
Possiamo tuttavia farne un tentativo che, portando a chiavi di lettura sostanzialmente individuali non so a quanto possa servire.
Parafrasando sempre C.B. e cambiando soggetto.. non si può essere d'accordo con Nietzsche o si è Nietzsche smile.gif
Non mi spingerei neppure a dire che Lacan è una pallida copia di .. anche perché se di significanti si deve parlare Nietzsche si è un maestro ma forse non l'ha compreso.
Infine.. Nietzsche ateo.. ho sempre avuto dei dubbi a riguardo.. giuro! a costo di sembrare osceno a dirlo smile.gif ma se ne abbiamo voglia possiamo discuterne!
Quindi iniziamo se vuoi facendo un elenco di domande secche alle quali cercheremo di dare risposta! che dici?
Tanto per darci un programma di lavori..

Umano troppo umano: perché dare come titolo ciò che ne è la nemesi personale?

Cosa vorrà dire essere oltre l'etica?? cosa intende per deserto?

In questo momento "storico" la mia attenzione è rivolta a comprendere cosa sia mai l'eterno ritorno.

Nel senso che secondo me c'è qualcosa che non va con i serpenti in ballo...perchè ne fa uso 2 volte? (potresti spiegarti meglio che mi interessa)?

Cosa lo ha condotto alle lacrime? cosa è la roccia di cui parla?

Queste cose a mio avviso il Nostro già le conosceva....che senso ha questo suo comprendere di essere andato oltre dunque?

Poichè lo Zaratustra è sostanzialmente una immensa metafora, quali sono le chiavi per comprenderlo?

Ci fermiamo qui o avevi altri quesiti per iniziare?

Riguardo agli amministratori.. che poi questo termine mi sta stretto.. sono intervenuto davvero raramente a "cancellare" discussioni perché erano scadute in cazzate immense.. Ho sempre cercato di lasciare totale libertà a chiunque volesse intervenire dunque non ti preoccupare per quello che scrivi o per la lungaggine degli interventi.. chi vorrà scriverà chi vorrà leggerà non c'è problema alcuno.
Intanto buona giornata
Thomas
  Forum: Nietzsche Opere · Anteprima Messaggio: #8675 · Risposte: 5 · Visite: 8,346

Freddie Inviato il: Jul 4 2012, 03:21 PM


Administrator
**********

Gruppo: Root Admin
Messaggi: 345
Iscritto il: 20-March 07
Da: Trento
Utente Nr.: 1


CITAZIONE(suh @ Jul 1 2012, 11:34 PM) *
alcune parti mi sono state davvero di chiarimento grazie mille smile.gif


laugh.gif solo un piacere smile.gif
  Forum: Nietzsche spazio libero · Anteprima Messaggio: #8672 · Risposte: 3 · Visite: 11,315

Freddie Inviato il: Jun 29 2012, 02:13 AM


Administrator
**********

Gruppo: Root Admin
Messaggi: 345
Iscritto il: 20-March 07
Da: Trento
Utente Nr.: 1


Uhm siamo davvero in ritardo! vediamo punto per punto...
Per Nietzsche l'arte NON intesa come desiderio di fissare forme "immobili, eterne ed immutabili" bensì come innovazione, mutamento, divenire, è l'unica vera via per dare un senso all'esistenza quale fenomeno estetico.
Inutile che ti citi diversi aforismi per non ridurre il tutto a qualche stralcio che può portare malintesi..
Diciamo che si può riassumere il tutto con "BASTA CREARE CAPOLAVORI BISOGNA ESSERE CAPOLAVORI" tongue.gif
Ma ammetto che il terreno è minato perché sempre per Nietzsche l'arte (se intesa con accezione comune) è consolatoria, il "panem et circenses" per la borghesia, per l'uomo "comune" dunque se parli d'arte devi sforzarti di andare "al di là" dell'arte così conosciuta a fine '800.
in un frammento postumo infatti N. usa per designare l'artista non il termine Kunstler bensì Artist che sta a richiamare l'artista di strada, il saltimbanco, l'acrobata che mette a rischio la propria esistenza (c'è un riferimento anche al funambulo che cade dalla corda nello zarathustra) dunque l'artista è considerato in pratica come colui che fa di sè un opera d'arte, non eterna, immutata bensì mobile, arte parto dell'attimo. All'artista così interpretato non importa più influenzare in qualche modo il mondo, non è il suo scopo, non ricerca comprensione nello spettatore proprio perché incomprensibile. Credo tu sia sicuramente più esperta di me ma se noti ad esempio nel futurismo non ci troviamo più di fronte ad un arte "immobile" bensì alla ricerca dell'attimo nel suo svolgersi, atti dinamici ecc.. ecc.. ma sicuramente puoi trovare esempi più calzanti.

Se proprio vuoi sbizzarrirti è la differenza che c'è fra Cronos e Aion.. Cronos per i greci era il tempo mentre Aion era l'attimo, il presente, che come si sa è tanto fugace che non si può "fermare" ma questo è un pensiero buttato li alla rinfusa in questo momento...
passiamo oltre (sperando di averti delucidato qualcosa)
Su Munch mi trovi impreparato purtroppo sad.gif(((

D'Annunzio.. uhm allora diciamo in realtà ha cercato forse all'inizio d'essere il superuomo decantato da N. se ci sia riuscito o meno... mmm, in realtà più che superuomo lo definirei ammaliatore, il superuomo non cerca conferma d'EGO attraverso gli altri, non cerca di richiamare a se greggi, guidare dall'alto; il superuomo ricerca nuovi (aggiungo propri) valori a rischio di non essere più compreso dall' altro; saltare il fosso senza più bisogno di nutrimento dalla gente comune. Quello del superuomo non è egocentrismo, è superamento anche del limite dato dall'io. D'Annunzio volente o nolente, conscio probabilmente del fascino che esercitava sugli altri ha usato, seppur originalissimo nel vivere la propria vita, conferma e nutrimento nell'altro. In pratica senza "l'altro" Gabriele non sarebbe stato un superuomo smile.gif. La distorsione in pratica è stata nel prendere l'idea di superuomo, colui che è oltre tutto e tutti e adattarla alla propria necessità di esaltazione attraverso lo spettatore.

Ti chiedo scusa se sono stato un po' confusionario ma visto che lunedì si avvicina l'unico momento libero per scriverti è stato questo.. resto a disposizione per chiarimenti smile.gif


CITAZIONE(suh @ Jun 26 2012, 09:01 PM) *
Ciao sono una ragazza che fa il liceo Artistico. Lunedì dovrò esporre la mia tesina, purtroppo sono arrivata in ritardo a raccogliere informazioni e solo ieri sera ho scoperto questo forum.
Vorrei basare la mia tesina (o meglio, mappa concettuale) sulla creatività, circoscrivendo l'argomento a ciò che abbiamo fatto nel programma e all'influenzza che ha sul ''mondo''.
Partirei da Nietzsche, dalla definizione di creatività come espressione del Dionisiaco per poi parlare dell'artista come colui che è ''privilegiato'' per essere oltreuomo (non sò come esprimerlo bene a parole ) e di come ''influenzi'' la realtà. Volevo parlare poi di Munch e del suo collegamento col pensiero di Nietzsche e del motivo per cui dipingeva, per poi passare a D'Annunzio parlando della sua distorsione di Nietzsche (un confronto con al sua definizione di creatività ed artista) e del suo modo creativo di 'influenzare' il mondo.

Il pensiero di Nietsche però è molto complesso e a causa delle enormi differenze fra le varie interpretazioni non sò bene da che parti girarmi.
Non capisco bene la relazione tra artista ed eterno ritorno e le uguaglianze \ differenze con d'annunzio non mi sono ben chiare, se poi qualcuno riuscisse a darmi qualche indicazione su Munch ringrazierei un sacco, ho spulciato l'intero forum e un po' di informazioni utili le ho trovate, mi manca però un chiarimento generale.

Avendo come commissari esterni sia filosofia che storia dell'arte che italiano voglio cercare di avere le idee ben chiare.

Grazie mille e scusate il disturbo ^^

  Forum: Nietzsche spazio libero · Anteprima Messaggio: #8670 · Risposte: 3 · Visite: 11,315

Freddie Inviato il: Aug 2 2011, 09:49 PM


Administrator
**********

Gruppo: Root Admin
Messaggi: 345
Iscritto il: 20-March 07
Da: Trento
Utente Nr.: 1


CITAZIONE(Valeriano @ May 20 2011, 10:43 AM) *
Freddie sto ancora cercando. Non potresti darmi un aiuto diverso?


Purtroppo più che la mail non ti posso dare.. non saprei davvero aiutarti oltre sad.gif
  Forum: Area libera generale · Anteprima Messaggio: #8649 · Risposte: 3 · Visite: 13,465

Freddie Inviato il: May 11 2011, 04:47 AM


Administrator
**********

Gruppo: Root Admin
Messaggi: 345
Iscritto il: 20-March 07
Da: Trento
Utente Nr.: 1


S A S S O N I A

IL CUORE DELLA GERMANIA

E LO SPIRITO DI NIETZSCHE

Lipsia – Roecken – Naumburg – Schulpforta – Meissen

Moritzburg – Dresda – Weimar – Bayreuth – Regensburg



25 giugno/3 luglio 2011 - 9 giorni – pullman

Progetto e accompagnamento a cura di Pier Giorgio Carizzoni



In Sassonia sulle tracce di Friedrich Nietzsche.

Un originale e affascinante connubio tra arte e filosofia è il filo conduttore del viaggio, in programma dal 25 giugno al 3 luglio, “Sassonia: il cuore della Germania e lo spirito di Nietzsche”, promosso da Arteviaggi in collaborazione con l’Associazione Culturale Dioniso.

Antitetico ai cliché abituali del turismo “mordi e fuggi”, il percorso proposto avvicinerà i partecipanti alla culla della cultura e dell’arte germaniche tra ‘800 e ‘900, sulle tracce di luoghi e ambienti che hanno segnato la vita e l’opera del grande filosofo Friedrich Nietzsche (1844-1900), di Goethe, di Schiller, di Wagner, di Bach.

L’itinerario, diluito in nove giorni con partenza in pullman da Bologna e da Milano, prende avvio con le visite alla cattedrale gotica di Ulm, alla città di Lipsia e alla Thomaskirche, e con l’escursione a Roecken, villaggio natìo di Nietzsche, con sosta doverosa alla chiesa parrocchiale e alla vicina tomba del filosofo.

Il viaggio prosegue verso Naumburg, sede della casa-museo che ospitò la famiglia di Nietzsche per lunghi anni e verso Schulpforta, con l’abbazia cistercense dove Nietzsche studiò nel periodo del ginnasio.

La città di Weimar, in Turingia, con visita alla Goethehaus, alla Schillerhaus e alla casa dove Nietzsche trascorse, con la sorella, i lunghi anni dell’ottenebramento spirituale che lo accompagnò sino alla morte, è uno degli appuntamenti più significativi dell’intero viaggio.

La tappa successiva è Dresda, detta la “Atene germanica”, con la sua celebre Pinacoteca, inserita nell’affascinante complesso dello Zwinger; quindi Bayreuth con la Haus Wahnfried, residenza di Wagner, il teatro (Festspielhaus) dove si celebra annualmente il festival wagneriano, e, infine, una visita a Ratisbona (Regensburg), sulla riva destra del Danubio, con la cattedrale Dom St. Peter.

Per ciascun partecipante il costo va da un minimo di 1.550 euro a un massimo di 2.190 euro, a seconda del numero delle adesioni.



PER INFORMAZIONI RIVOLGERSI A:

Associazione Culturale DIONISO – Via del Torchio 10 - Milano – Tel. 0272004100

ass.dioniso@alice.it; assdioniso@tiscali.it; – www.associazioneculturaledioniso.it

ARTEVIAGGI BOTTIGIANI – Via Frassinago 15 - Bologna - Tel. 051584498 - info@arteviaggi.it; - www.arteviaggi.it
  Forum: Nietzsche spazio libero · Anteprima Messaggio: #8643 · Risposte: 0 · Visite: 3,730

Freddie Inviato il: Apr 28 2011, 03:12 AM


Administrator
**********

Gruppo: Root Admin
Messaggi: 345
Iscritto il: 20-March 07
Da: Trento
Utente Nr.: 1


CITAZIONE(Fulcanelli @ Mar 27 2011, 12:40 PM) *
... Lo ripeto: oggi più che mai urge una critica del pensiero nietzscheano e non per tornare al monotonoteismo cristiano e alla sua morale ipocrita,con la conseguente rivalutazione della figura di Gesù Cristo e di tutta la mistificazione annessa,come dolorosamente ho letto in altri punti del blog,ma perché solo questo atteggiamento renderebbe onore al maestro dell'eterno ritorno e non per farne un idolo,ma un valido tentativo,e una tentazione,una nuova Aurora che apra orizzonti inesplorati agli uomini,per creare una società più libera,più giusta,in cui si dia il giusto valore alla vita terrena,alle condizioni di sviluppo di ogni individuo e finalmente la si faccia finita con le mistificazioni di ogni genere che sempre hanno supportato sia l'istinto della bestia presente nell'uomo che della scimmia che vive in lui,cospirando contro la sua realizzazione e a favore di uno sparuto manipolo di individui malriusciti che sempre nel corso della storia si sono arrogati il potere e il diritto sanguinario di opprimere i propri simili.


Fulcanelli smile.gif se posso permettermi c'è un problema di fondo in tutto quello che hai scritto riassumibile in: quale parte del pensiero di nietzscheano necessita di critica secondo te? Si ok puoi rispondermi TUTTO.. ma onestamente il discorso sarebbe tanto vasto che non ne usciremmo neppure scrivendo mille pagine.. Sia chiaro! non è assolutamente una domanda sarcastica ma di Nietzsche ognuno ha una propria e sopratutto personalissima idea; concordante in alcuni punti e discordante in altri.
Ho quotato anche la seconda parte del tuo intervento perché io, tu, Nietzsche .. non possiamo mettere dei parametri di "giusto valore" alla vita terrena. E' sempre e solo l'individuo che deve dare il valore alla propria vita, si deve creare le condizioni di sviluppo ecc.
Chi avrà dato valore alla propria vita salvandone altre, chi credendo di aver salvato un anima persa, chi magari credendo di averne condannata un altra all'inferno... Da notare che ho elencato 3 esempi sempre connessi a vite altrui perché? perché credo che se uno spirito è più forte del mio, per tanto io faccia non riuscirò mai a piegarlo alla mia volontà (naturalmente intendo per via di dialettica e non attraverso metodi coercitivi)..
Passatemi il concetto di libertà metafisica.

CITAZIONE
Poi lo sai Nietzsche non ha mai ipotizzato un'etica disordinata, sregolata, caotica. Anzi, se il nazismo ha potuto utilizzarlo è perché la sua è poi una visione molto gerarchica, in cui al divenire si imprime il carattere dell'essere


Verissimo! ma faccio fatica a concordare con la visione "molto gerarchica" (se si esclude i forti e i deboli per semplificare) personalmente userei una visione solo soggettiva perché, come è facile trovare riparo nella religione è altrettanto facile trovare riparo-conforto in una gerarchia. Anche qui non mi si consideri un anarchico! se un un superuomo sta bene e riesce a convivere con una scala gerarchica benissimo! se un altro superuomo si trova benissimo a combattere il sistema perché lo considera sbagliato o non reale ed esistente altrettanto bene.
Son le 4 e sono anche abbastanza stanco e mi si perdoni la limitatezza del post ma Fulcanelli se ti va iniziamo a dividere il pensiero in aree concordate e discutiamo, critichiamo quelle.
Quando Sgubonius affermi che per parlare di Nietzsche bisogna mettersi nel punto più estremo del suo pensiero concordo.. ma, una volta arrivati a quel punto non parleremmo neppure più del pensiero di Nietzsche perché l'avremmo già superato. Io ho una visione ahimè relativista di Nietzsche sia chiaro, non su tutto ma le domande che pone in alcuni punti Fulcanelli, credo abbiano attanagliato anche te in certi momenti o no?
Rimane il fatto e su questo concordo assolutamente con te che "e per quanto atipico sia Nietzsche, c'è tutto un nucleo del suo filosofare da cui vengono le implicazioni e non viceversa". Sono proprio queste implicazioni che comunque portano ad una visione il più delle volte distorta e soggettivistica di Nietzsche.
E' stato un piacere leggervi e spero di rifarlo presto.
Buona notte a tutti
Thomas
  Forum: Nietzsche Pensiero · Anteprima Messaggio: #8640 · Risposte: 13 · Visite: 14,028

Freddie Inviato il: Apr 28 2011, 01:47 AM


Administrator
**********

Gruppo: Root Admin
Messaggi: 345
Iscritto il: 20-March 07
Da: Trento
Utente Nr.: 1


CITAZIONE(Valeriano @ Mar 16 2011, 02:26 PM) *
Sto cercando di mettermi in contatto con il ragazzo che usava il nickname Stirner, ho qualcosa di importante da dirgli chi è di lunga data letterato del forum come Sgubonius o l' amministratore forse o chiunque altro forumista forse possono aiutarmi?

Alla fine l'hai trovato per mail?
  Forum: Area libera generale · Anteprima Messaggio: #8639 · Risposte: 3 · Visite: 13,465

Freddie Inviato il: Apr 28 2011, 01:44 AM


Administrator
**********

Gruppo: Root Admin
Messaggi: 345
Iscritto il: 20-March 07
Da: Trento
Utente Nr.: 1


Uhm allora.. innanzitutto benvenuti ai nuovi iscritti.. purtroppo in questi ultimi anni ho latitato ma conto di recuperare... almeno spero.
Vedo con piacere che il buon "vecchio" Sgubonius è stato l'unico a tenere in piedi il forum che ormai ha anni di interpretazioni e chiavi di lettura varie.. che dici Sgubonius ci si estrapolerà un libro un giorno? comunque a parte le fesserie! non so proprio come ringraziarti.
Well non mi rimane altro che leggere pagine e pagine di materiale arretrato intanto ancora benvenuti ai nuovi e a te Sgubonius... mi sento in debito.
Thomas
  Forum: Nietzsche spazio libero · Anteprima Messaggio: #8638 · Risposte: 12 · Visite: 9,764

Freddie Inviato il: Oct 18 2010, 10:55 PM


Administrator
**********

Gruppo: Root Admin
Messaggi: 345
Iscritto il: 20-March 07
Da: Trento
Utente Nr.: 1


CITAZIONE(Lord Brett Sinclair @ Oct 13 2010, 04:50 AM) *
un caro saluto ai vecchi 2006-2007, Nietzsche rimane per sempre.
Non dimentico che grazie all'aiuto di tutti voi e di Freddie sono riuscito ad arrivare all'osso e a rinascere attraverso lo studio di Nietzsche, in particolare della Genealogia della morale.
un abbraccio


LORD! dio quanto tempo... spero ti vada tutto bene!!! un abbraccio di cuore!!!!
  Forum: Area libera generale · Anteprima Messaggio: #8587 · Risposte: 2 · Visite: 4,300

Freddie Inviato il: May 31 2010, 01:00 AM


Administrator
**********

Gruppo: Root Admin
Messaggi: 345
Iscritto il: 20-March 07
Da: Trento
Utente Nr.: 1


Purtroppo non posso far altro che esser concorde con quello che dice Sgubonius (ps ciao sgub come stai????)
Sopratutto perché si entra davvero in un terreno minato dove la soggettività del docente che hai di fronte la fa da padrona...
Potresti provare a fare una tesina su come "scollegare" N. dal totalitarismo wink.gif
  Forum: Nietzsche spazio libero · Anteprima Messaggio: #8515 · Risposte: 7 · Visite: 9,114

Freddie Inviato il: Nov 16 2009, 09:46 AM


Administrator
**********

Gruppo: Root Admin
Messaggi: 345
Iscritto il: 20-March 07
Da: Trento
Utente Nr.: 1


CITAZIONE(Maurizio71 @ Nov 16 2009, 08:38 AM) *
sono finalmente riuscito a recuperare, dopo non indifferente pressing sull'edicolante, il dvd allegato al settimanale "L'Espresso" :
http://temi.repubblica.it/iniziative-filos...nta-di-potenza/
A parer mio è fatto bene: un'ora e mezza di piacevole intrattenimento formativo.
smile.gif

Uh cacchio manco sapevo ci fossero sti DVD :S provo a fare la stessa cosa pure io wink.gif
  Forum: Video · Anteprima Messaggio: #8411 · Risposte: 5 · Visite: 14,492

Freddie Inviato il: Jul 1 2009, 10:55 AM


Administrator
**********

Gruppo: Root Admin
Messaggi: 345
Iscritto il: 20-March 07
Da: Trento
Utente Nr.: 1


girerò i complimenti a Nicolò che l'ha fatto di sua spontanea volontà! e mi sta dando dritte non indifferenti smile.gif
  Forum: Area libera generale · Anteprima Messaggio: #8248 · Risposte: 8 · Visite: 6,965

Freddie Inviato il: Jun 29 2009, 10:28 AM


Administrator
**********

Gruppo: Root Admin
Messaggi: 345
Iscritto il: 20-March 07
Da: Trento
Utente Nr.: 1


Grazie all'aiuto di Nicolò che mi ha spedito uno splendido template per la veste grafica del sito ... da oggi potete vedere il sito con una veste nuova... vorrei andaste a dargli un'occhiata per dirmi che ne pensate.
www.friedrich-nietzsche.it
Ciao a tutti e buona giornata
Thomas
  Forum: Area libera generale · Anteprima Messaggio: #8243 · Risposte: 8 · Visite: 6,965

Freddie Inviato il: Jun 12 2009, 01:15 PM


Administrator
**********

Gruppo: Root Admin
Messaggi: 345
Iscritto il: 20-March 07
Da: Trento
Utente Nr.: 1


MMM onestamente non mi posso pronunciare sul dadaismo perché non lo conosco approfonditamente.. comunque se si parla di gioco e "rottura con la razionalità" Nietzsche se non ricordo male si pronuncia in alcuni frammenti postumi.. se servono te li cerco.. Nella Gaia scienza invece possiamo leggere:
E' il gesto dissacrante dello spirito libero, che scarica la sua energia traboccante giocando con tutto ciò che viene ritenuto "sacro, buono, intoccabile, divino (GS. Af. 382)
mmm il cabaret.. riusciresti a trovarci un'evoluzione dalla tragedia greca (nel caso fammelo sapere che saresti un genio)? ohmy.gif butto li a caso dunque prendi tutto con le pinze..
Del resto concordo con Sgu.. Nietzsche giocava spesso a rimpiattino nelle sue opere.. per non parlar dei frammenti postumi e ancor di più nelle sue lettere.. vabbè labirintico
  Forum: Nietzsche spazio libero · Anteprima Messaggio: #8185 · Risposte: 7 · Visite: 7,626

Freddie Inviato il: Jun 8 2009, 08:19 PM


Administrator
**********

Gruppo: Root Admin
Messaggi: 345
Iscritto il: 20-March 07
Da: Trento
Utente Nr.: 1


CITAZIONE(Sgubonius @ Jun 8 2009, 12:23 AM) *
Esagerato! laugh.gif
Tutto sta nel pensare tanto (coi trampolini forniti dai pensatori massimi) ed impratichirsi con concetti complessi fino a padroneggiarli. E' questione di tempo e allenamento come tante altre cose credo (ovviamente se c'è passione e un minimo di capacità).

(l'unico problema è che il forum tende un po' alla desertificazione!)

smile.gif Sgu.. ehehe forse abbiamo raschiato il fondo? ohmy.gif per fortuna c'è gente nuova come il nostro kuoros che porta aria fresca! poi ho notato purtroppo è ciclica la questione della desertificazione del forum.. e non mi spaventa.. ma GUAI A CHI CELA DESERTI! smile.gif
  Forum: Area libera generale · Anteprima Messaggio: #8171 · Risposte: 18 · Visite: 12,139

Freddie Inviato il: May 24 2009, 07:11 PM


Administrator
**********

Gruppo: Root Admin
Messaggi: 345
Iscritto il: 20-March 07
Da: Trento
Utente Nr.: 1


Si si ora ricordo smile.gif beh facci saper qualcosa
  Forum: Nietzsche Link · Anteprima Messaggio: #8158 · Risposte: 8 · Visite: 7,511

Freddie Inviato il: May 23 2009, 09:31 PM


Administrator
**********

Gruppo: Root Admin
Messaggi: 345
Iscritto il: 20-March 07
Da: Trento
Utente Nr.: 1


CITAZIONE(Freddie @ May 23 2009, 12:54 PM) *
Hai provato a contattare Matteo Simonetti (che era un vecchio utente del forum) ha scritto un libro a riguardo :I

No non mi hai mandato nessun mp ohmy.gif .. ma ce c'entra il lupo? smile.gif
  Forum: Nietzsche Link · Anteprima Messaggio: #8156 · Risposte: 8 · Visite: 7,511

Freddie Inviato il: May 23 2009, 12:54 PM


Administrator
**********

Gruppo: Root Admin
Messaggi: 345
Iscritto il: 20-March 07
Da: Trento
Utente Nr.: 1


CITAZIONE(andreademilio @ May 22 2009, 11:44 PM) *
Amiche ( priorità al genere femminile!), conoscete links su nietzsche e la musica, i simbolisti (baudelaire, rimbaud , verlaine ecc) e la musica? servirebbe per l'esame di maturità a Micaela, la sorellina di Arianna. Grazie di cuore! finora ho trovato il link di gloria sica su nietzsche e la Carmen.
graditissimi anche riassunti vostri, certo!

Hai provato a contattare Matteo Simonetti (che era un vecchio utente del forum) ha scritto un libro a riguardo :I
  Forum: Nietzsche Link · Anteprima Messaggio: #8153 · Risposte: 8 · Visite: 7,511

Freddie Inviato il: Apr 11 2009, 09:13 AM


Administrator
**********

Gruppo: Root Admin
Messaggi: 345
Iscritto il: 20-March 07
Da: Trento
Utente Nr.: 1


Anch'io Andrea come sai in questi giorni ti ho pensato.. oggi al tg sono passati i nomi di tutti i morti (finora trovati)... devo dire che mi si è stretto il cuore.
  Forum: Nietzsche Opere · Anteprima Messaggio: #8102 · Risposte: 6 · Visite: 9,584

Freddie Inviato il: Apr 9 2009, 12:05 PM


Administrator
**********

Gruppo: Root Admin
Messaggi: 345
Iscritto il: 20-March 07
Da: Trento
Utente Nr.: 1


CITAZIONE(BlackSmith @ Mar 14 2009, 08:35 AM) *
In un altro topic chiedevo a freddie, evidentemente sarà impegnato, ma ni chiedevo se ualcuno per esempio ha letto un libro di un ttale profdi filosofia Riccadonna di Riva del Garda. In quel libro oltre ad indicare l'hotel du lac dove N. dove soggiornò per qualche settimana, che tra l'altro non vi consiglio, poichè non ha nulla che ricordi il suo passaggio, se non per quell'unica via a lui intitolata parallela allo stesso hotel, l'autore indicava una passeggiata di montagna ni pressi di Riva, attraverso un sentiero alberato vicino ad una chiesetta. Non riesco a trovare questo libro preso in prestito in biblioteca e già allora mi ricordavo che lo stesso non era stato molto preciso nel descriverne il posto e come si raggiungeva. Qualcuno sa qualcosa.


Leggo leggo e ci sono... sono il vostro incubo ahahahah
Black il libro ce l'ho e se vuoi te lo presto tanto siamo nella stessa regione dunque... basta che mi scrivi! o chiamami se vuoi in pvt ti do il mio cellu!
  Forum: Links esterni a carattere culturale · Anteprima Messaggio: #8097 · Risposte: 3 · Visite: 13,896

Freddie Inviato il: Apr 6 2009, 05:36 AM


Administrator
**********

Gruppo: Root Admin
Messaggi: 345
Iscritto il: 20-March 07
Da: Trento
Utente Nr.: 1


CITAZIONE(andreademilio @ Apr 5 2009, 04:15 PM) *

mmmm devo trovare il link ma mi sembra che ne avevamo già parlato...
  Forum: Nietzsche Link · Anteprima Messaggio: #8093 · Risposte: 3 · Visite: 5,482

Freddie Inviato il: Mar 26 2009, 10:49 AM


Administrator
**********

Gruppo: Root Admin
Messaggi: 345
Iscritto il: 20-March 07
Da: Trento
Utente Nr.: 1


http://www.e-cremonaweb.it/index.php?optio...&Itemid=195
  Forum: Novità a carattere culturale · Anteprima Messaggio: #8066 · Risposte: 0 · Visite: 3,638

Freddie Inviato il: Mar 7 2009, 12:22 AM


Administrator
**********

Gruppo: Root Admin
Messaggi: 345
Iscritto il: 20-March 07
Da: Trento
Utente Nr.: 1


CITAZIONE(BlackSmith @ Mar 6 2009, 07:48 PM) *
Bene, sono contento di condividere degli interessi con un mio conregionale e poi a due passi da me.
A proposito, visto che sei di Arco, volevo chiederdi se sai dove sia la cosìdetta passaggiata del filosofo, non quella triste via, parallela all'hotel du Lac. Ora ti spiego. Qualche anno fa, lessi un libro di un prof. di filosofia di riva, un tale Riccadonna che ha scritto "Nietzsche e la sua ombra", bene in quel libro era indicata una passegiata lungo un sentiero di montagna che descriveva come alberato e vicino ad una chiesa. Non sono mai riuscito a capire a quale luogo di Riva del Garda si riferisse.Domandai allora all'ufficio informazioni turistiche del posto, e a parte che non sapessero chi fosse Nietzsche, appena gli chiesi del suo soggiorno a Riva del garda, sembravano come mucche davanti ad un passaggio a livello, per non parlare del personale dell' hotel du lac, lasciamo perdere... Se potessi aiutarmi, te ne sarei grato.
Ciao vincent


Certo che conosco la via del filosofo! ecchè scherziamo?!? smile.gif benfelice di aiutarti conosco Riccadonna e ho anche il libro che menzioni
  Forum: Nietzsche Pensiero · Anteprima Messaggio: #7811 · Risposte: 24 · Visite: 38,587

Freddie Inviato il: Mar 6 2009, 10:31 AM


Administrator
**********

Gruppo: Root Admin
Messaggi: 345
Iscritto il: 20-March 07
Da: Trento
Utente Nr.: 1


CITAZIONE(BlackSmith @ Mar 6 2009, 09:31 AM) *
Carissimi amici, sono grato oltremodo di essere stato ospitato in questo illustissimo forum e colgo, così, l'occasione di porgere a tutti Voi riveriti inscritti, un affettuoso saluto.
Quando ebbi la fortuna di incontrare Nietzsche, alcuni anni fa, ne diventai da subito Amico.
Adesso alcuni suoi pensieri, molte intuizioni, sono state recentemente rivalutate, anche se quando si parla di Lui si continua a far riferemento alla mancanza di qualsiasi riferimento morale, al solito nichilismo, oggi, imperante nella società moderna; dimostrando che di Nietzsche non c'ha capito un emerita mazza.
Adesso qui, io, e neanche Voi, non vogliamo farne un santo, anche perchè, questo, era Nietzsche stesso a temerlo e non volerlo,
ma vi posso assicurare che su molte cose è stato direi divinatorio, è stato un profeta, sì un profeta e se dico questo spero che Lui da lassù mi perdonerà, perchè saprà quanto quello che racconterò sarà vero, saprà quanto quello che dirò sarà scaturito dal profonto del mio cuore. Lui diceva "chissa quante generazioni dovranno passare perchè potranno capire ciò che ho fatto"... Io con approccio ingenuo, come un "bambino"... liberato dalla zavorra della presunzione, sbarazzandomi da qualsiasi elaborata erudizione filosofica, potando come rami secchi la tentazione dell'autocelebrazione, scendendo dal piedistallo della saccenza, vorrei...
Vorrei raccontare, una cosa, un fatto; insomma vorrei esporVi una storia che la scienza chiamarebbe prova empirica inconfutabile.
Una prova empirica, che le sue teorie apparentemente strampalate, sono vere!
Capito signori! Ne ho le prove! Vi pare poco.
Vi racconterò la storia del protagonista, di questo involontario esperimento, Lorenzo Tortorella, così si chiama non è colpa mia, che per il suo nome e cognome un pò buffo rende ancora più verosimile, che la "cavia" in questo caso potrebbe già contenere nel suo modesto, ridicolo cognome, una certezza che non abbia manipolato l'esperimento stesso.
Carissi amici, io potrò dimostrare che Nietzsche, su tante cose, non dico su tutte per non essere tacciato di fanatismo, è stato Profetico.
Spero di trovare lo spazio in questo Forum per spiegare il perchè.

Saluti Vincent BlackSmith (Trento) Italy


Cavolo Vincent io son di Arco... in pratica siamo vicini di casa.. di spazio ne hai finchè sei stufo.. Diamoci però del tu visto che siamo fra amici!!
  Forum: Nietzsche Pensiero · Anteprima Messaggio: #7793 · Risposte: 24 · Visite: 38,587

12 Pagine V   1 2 3 > » 

New Posts  Nuove risposte
No New Posts  No Nuove risposte
Hot topic  Calda (Nuove risposte)
No new  Calda (No Nuove risposte)
Poll  Nuovi Voti
No new votes  No Nuovi Voti
Closed  Disc. Chiusa
Moved  Disc. Spostata
 

Versione Lo-Fi Oggi è il: 12th December 2018 - 02:06 AM